Dio bambino. Poesie di rabbia e gelosia. E segnalazione libri di Iannozzi Giuseppe

Dio bambino

di Iannozzi Giuseppe

god is dead

god is dead


Iannozzi Giuseppe. Romanzi da avere e leggere

acquista

L’ultimo segreto di Nietzsche

Angeli caduti

La lebbra

Scandalo

Se i miei libri vi piacciono, be’, potete cliccare “mi piace” su questa pagina:

https://www.facebook.com/iannozzigiuseppelibri

Tutti i libri di Iannozzi Giuseppe sono disponibili nelle migliori librerie
ma anche online su Ibs, Libreria Universitaria, InMondadori, etc. etc.
E in ogni caso possono essere richiesti all’editore.


Dio bambino

dio è morto
e questa volta
non risorgerà
tra il silenzio
e le urla
dei tanti
affannati di rabbia
con gli occhi di lacrime

dio è morto
e questa volta
non guarderà
in faccia l’assassino
che l’ha preso
tradito
soffocato
annientato
a tradimento
nel tempo infimo
d’un batter di ciglia

è morto
se n’è andata via
Innocenza,
tutta l’Eternità
che eppur
anche il mortale aveva

ché quella razza
che non sa difendere
i suoi propri figli
dalla crudeltà di sua natura
destinata è a mangiarsi
le grifagne unghie,
ad artigliarsi i capelli
nella fossa
che da sola s’è scavata

dio è morto negli occhi
che gli erano splendenti,
che al mondo guardavano
per possibilità
ora che possibilità
più non c’è
né fede a cui prestar
un’ombra di verità

dio è morto
e aveva un anno
e qualche mese appena

Comparse

Sei tu scomparsa.
Dove, non so.
Ma sei scomparsa
come la comparsa
che in un film appare
per un momento appena
e poi ogni immagine
e rumore la copre.
E rimani tu da solo
come uno scemo
a dirti che di lei,
di quella lì
t’eri proprio preso bene.

Il tuo sorriso

Sogno la tua allegria,
quella naturale tua gioia
E lo so
che non m’appartiene

E però
quando mi sorridi
mi sorride il cielo
di giorno e di notte
E allor capisco
che non ho capito mai

Ma se un Dio c’è
è soltanto nel tuo sorriso

Soltanto
nel tuo bacio
non dato

Uomo diavolo

Non posso perdonare
non so perdonare
né lo voglio
Assassini macellai bastardi,
bastardi figli di puttana
senza ritegno
E in faccia una sporca
sporchissima dignità
che vale niente

Uomo diavolo
che speri? che credi?
Fosse per me
a quest’ora saresti
a invocare pietà
sulla sedia elettrica,
a morire lentamente
perché ti raccolga
il buio infinito
fra le sue braccia stritolanti
Perché ti prenda
a colpi di badile in faccia
fino a macellarti ogni zigomo,
fino a farti dimenticare
allo specchio dell’Acheronte
che sei stato uno
di bocca di zanne di gengive
affamate di sangue innocente

Se un Dio lassù c’è
Se non c’è
fa lo stesso, fa lo stesso
Qui in terra nessuno,
nessuno ti assolverà mai
e poi mai, uomo diavolo,
peggio di quello
che dicono fu Caino

Se un Dio non c’è lassù
ci sono almeno qui
sputi a volontà
per chi assassino
che davanti all’innocenza
non ha frenato la barbarie
in quel cuore assassino
senza cuore
Ma noi oggi si prega
con la mano sul petto
che presto ti si arresti
in un ultimo infernale battito

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte, arte e cultura, attualità, autori e libri cult, Beppe Iannozzi, consigli letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, poesia, promo culturale, romanzi, società e costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Dio bambino. Poesie di rabbia e gelosia. E segnalazione libri di Iannozzi Giuseppe

  1. tuA ha detto:

    Il tuo sorriso è da togliere il fiato
    che c’è A
    perchè sei arrabbiato

    Mi piace

  2. furbylla ha detto:

    io invece opto per “uomo diavolo”
    Cinzia

    Mi piace

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Bene, almeno una ti è piaciuta, anche se è la più semplice e innocua.

    Sono arrabbiato contro chi uccide gli innocenti, i bambini, in guerre senza senso. E’ o non è un buon motivo per essere arrabbiato? Io penso proprio di sì.

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Per fortuna. Sì, Uomo diavolo e Dio bambino sono quelle che preferisco perché parlano purtroppo di tragici accadimenti, della bestialità disumana di certi uomini che crocifiggono i bambini in sporche inutili guerre negando loro il FUTURO.

    beppe

    Mi piace

  5. tuA ha detto:

    puoi essere più esplicito?

    Mi piace

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    In che mondo vivi, cara Lorella?

    Israele? Palestina? La striscia di Gaza? Non ti dicono niente? Non li senti i telegiornali oppure non te ne frega niente del genocidio che si sta operando?

    Ecco, questa immagine dovrebbe farti aprire un po’ gli occhi. Speriamo.

    Mi piace

  7. tuA ha detto:

    ok ti riferisci a quello che sta succedendo in Palestina

    Mi piace

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Esattamente: al genocidio che si sta compiendo in Palestina sotto gli occhi di Tutti senza che nessuno dica un solo “ma”. 😥

    Mi piace

I commenti sono chiusi.