“Insieme sul Calvario”. Prosa poetica di Iannozzi Giuseppe. E segnalazione libri di Iannozzi Giuseppe

Insieme sul Calvario

di Iannozzi Giuseppe

Hieronymus Bosch

Hieronymus Bosch


Iannozzi Giuseppe. Romanzi da avere e leggere

acquista

L’ultimo segreto di Nietzsche

Angeli caduti

La lebbra

Scandalo

Se i miei libri vi piacciono, be’, potete cliccare “mi piace” su questa pagina:

https://www.facebook.com/iannozzigiuseppelibri

Tutti i libri di Iannozzi Giuseppe sono disponibili nelle migliori librerie
ma anche online su Ibs, Libreria Universitaria, InMondadori, etc. etc.
E in ogni caso possono essere richiesti all’editore.


A pancia piena
abbaieremo le filastrocche dell’infanzia
pettinandoci la barba caprina
fino a che sarà la bassera a farci da culla
E ancora oltre, e ancora oltre

Sputeremo fiati dabbasso e dall’alto
con bocca malata di ptialismo
Apriremo le mani al cielo come giovani petali
solo per il gusto di chiuderle col vento dentro
Andremo a Cafarnao con faccia tosta di giaurro
E faremo degli abiti inglesi a noi cuciti addosso rossi sbrendoli
La nostra bella faccia sarà l’unica face nel buio dei corridoi
Prenderemo a calci in culo chi ci parlerà di farfarelli e lemuri
Grideremo che Draghinassa sarà per chi alla croce ci vorrà
E a chi timido di accorta castità biascicando apocopi sincopi aferesi
noi diremo il contrario delle sue inutili preci
Bruceremo sul Monte del Calvario la Camicia Nera
Apriremo le tombe e mostreremo la bestemmia
che la Morte non è risurrezione
Tutti vedranno l’inganno
Alle donne affrante daremo pane azzimo
Alla fine poi le inviteremo a luculliano banchetto
Alla fine le inviteremo a danzare danze

Baccanti
subito mutate in nebridi,
pallidi spettri di quel che
è stato è stato nell’abito

Al Tempio si dirà di noi ‘eccessivi’
E Tribade farà casta confessione
d’esser stata con noi per salvare l’onore
e non per prendersi il suo piacere

Amici, alzeremo le mani al cielo
per stringere il nulla nei palmi
Sarà la grande profezia
che ci si deve immaginare diversi dai secoli passati
Sarà bengodi che non uno potrà ricusare
Alla fine anche il più morigerato per casta curiosità verrà
per onanismo, per fanatismo, per fatalismo!
Eunuchi e flabelli faranno vento al vento
cantando canti dimenticati e oscuri
E il bianco olore nello stagno cangerà suo piumaggio in nero
E il cacciatore con ferale strale lo colpirà per tingerlo di sangue

Apocopi sincopi aferesi
Si biascicherà di cose importanti e no
Sarà Mezzogiorno di Fuoco a Mezzanotte,
una tenera allucinazione rimbaudiana
Angeli e diavoli coi loro vanni
saranno cigni colpiti a morte nel vuoto cielo
E vergini e puttane a molcere le nostre inventate pene per noia e gioia
Gli Esseni diranno d’un certo incerto Giuseppe d’Arimatea
a vendere la Sindone al mercato nero
Ma non uno ne avrà preoccupazione
Tutti ebbri della nuova profezia,
tutti rideranno prima che il canto abbia cantato tre volte
Omei si leveranno dal Calvario come Nulla
per una tragedia inventata a favor di nostro intrattenimento;
sottile divertimento del vento sparato nel vento
e nel vanto dell’inganno ormai svelato

Amici, amici, insieme si è una forza
che sforza dei mortali la balordaggine a venir fuori
come seme nell’amplesso consumato in mille postriboli
Amici, amici, Crociate e Inquisizioni portate avanti
da un piccolo Prevosto detto Messia per convenienza
saran presto fuori al vento coi loro segreti più segreti

Amici, amici, teogonia svelata
Insieme si può fare molto e niente
abbaiando le filastrocche dell’infanzia,
facendo faccia di tolla all’intolleranza
E digerendo di buzzo buono verità e vergogne nello stesso piatto
Ci vestiremo con uno Zendado per lasciare ai posteri nostra Immagine
Ci rideranno addosso
E’ quello che vogliamo
E’ quello che vogliamo da sempre
per quell’Eternità,
per un’Eternità che abbia capo e fine o un Fine
Lasceremo perciò di noi prova inconfutabile quanto la Fede
Ci diranno scimmie darwiniane e dall’Aldiquà Sottoterra rideremo
abbaiando le solite filastrocche dell’infanzia,
abbaiando le solite sciocche verità e vergogne
Perché tanto, fra di noi, un Agnello lo troveranno
da sacrificare alla causa

E saremo di nuovo al Punto di Partenza…
E saremo di nuovo al Punto di Partenza…
Per peccato d’essere mortali immortali…
Per peccato d’essere mortali immortali…

O s’inventeranno di sana pianta
anche questa Storia qui raccontata
Per peccato d’essere immortali…
Per peccato d’essere mortali…

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, attualità, autori e libri cult, Beppe Iannozzi, consigli letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, LA LEBBRA, letteratura, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, narrativa, promo culturale, romanzi, SCANDALO BUKOWSKI, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Insieme sul Calvario”. Prosa poetica di Iannozzi Giuseppe. E segnalazione libri di Iannozzi Giuseppe

  1. furbylla ha detto:

    non è una poesia “facile” Ammetto la mia difficoltà a farmela entrare “dentro”
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ una prosa poetica.
    Difficile? Un tempo non lo avresti detto. 😉 Avresti azzardato una interpretazione.

    bacio

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.