Satiro cantore

In mezzo a mille pallide rose

di Iannozzi Giuseppe

le_ninfe_e_il_satiro

In mezzo alle spine
di mille pallide rose
consumate dai sospiri
di cento e più amanti,
tutti antichi
e in compagnia di mille e più dame
di cui non osa immaginare i giochi,
un Satiro sposa l’ingenuità
tingendosi così di rossa vergogna
mentre offre la brutta sua imago
allo specchio del lago,
che gli mostra la verità
del volto suo sconvolto.
E sempre sogna lei, e con la mente
la disegna bella e più bella ancora
sotto un cielo di stelle splendenti.

In mezzo alla solitudine
rimane a sognare se prima
di lui un altro simile a lui
soffrì sì tanto per amore,
solo per amore,
senza mai cercare un’altra lei.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Satiro cantore

  1. furbylla ha detto:

    malinconia no qualcosa in più
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Forse che sì forse che no. 😉
    Un po’ di malinconia forse per i tempi che son stati e che non ho saputo cogliere per tempo, forse per una esagerata timidezza.

    bacione

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.