“El Túnel” di Ernesto Sabato – recensione di Iannozzi Giuseppe

El Túnel di Ernesto Sabato

recensione di Iannozzi Giuseppe

Il tunnel – Ernesto Sabato

Ernesto Sabato nasce a Roja, Buenos Aires, nel 1911 e si laurea in fisica all’università di La Plata nel 1937; dal 1939 lavora presso i Laboratori Curie, ma nel ‘43 abbandona l’incarico per dedicarsi alla letteratura e finalmente nel ’48 pubblica, presso la casa editrice Sur, Il tunnel. Poi sarà la volta di Sopra eroi e tombe (1961) e, nel ’74, Angelo dell’abisso (traduzione italiana di Abaddón, El exterminador). Nel 1983, in seguito alla caduta della dittatura argentina, Sabato viene nominato presidente della Comisión Nacional sobre la Desaparición de las Personas, e l’anno successivo edita Nuca más, fortissimo e lucido atto d’accusa sulle atrocità commesse dalla giunta militare. I suoi ultimi libri sono Prima della fine (1993) e La resistencia (2000).
Il tunnel è stato pubblicato per la prima volta in Italia da Feltrinelli nel lontano 1967.

«Sarà sufficiente dire che sono Juan Pablo Castel, il pittore che ha ucciso Maria Iribarne; suppongo che il processo sia rimasto nel ricordo di tutti e che non occorrano ulteriori spiegazioni sulla mia persona».
Con queste esplicite e lapidarie parole inizia il breve romanzo che Ernesto Sabato scrisse nel 1948 e che immediatamente suscitò l’ammirazione di Thomas Mann e di Albert Camus: la cronaca dettagliata e rigorosa di una passione che, come già annunciato nell’incipit, si trasforma in follia e in tragedia.
«La freddezza razionale, la naturalezza dei dialoghi, la precisione dello stile, soprattutto la tensione ininterrotta fanno di questo primo romanzo di Sabato qualcosa di eccezionale».
Un vero e proprio classico del Novecento. (un breve estratto da Dalla partecipazione alla solitudine di Cesare Segre)

Ernesto SabatoA scoprire Il tunnel, romanzo superbo che anticipa molti motivi dei romanzi che Sabato avrebbe poi scritto, fu Albert Camus, che“ammirato dalla sua secchezza e intensità”, decise di pubblicarlo nella collana Gallimard da lui diretta. Thomas Mann ne rimase “impressionato” e Graham Greene stupito “per la magnificenza dell’analisi psicologica”.

Il tunnel, inizialmente, fu opera respinta e sottovalutata da pressoché tutti gli editori argentini; ma quando Camus pubblicò l’opera prima di Ernesto Sabato, questa divenne subito un caso editoriale internazionale, che ancor oggi non manca di irritare e stupire il lettore.

Il tunnel è un romanzo che non concede spazio alcuno ai buoni sentimenti: è una precisa quanto forte accusa contro la falsità dei sentimenti umani, che troppo spesso vengono volgarmente etichettati con diciture quali “buoni sentimenti”, “cattivi sentimenti”.

Il tunnel è la storia di un pittore, Juan Pablo Castel, a sua volta narratore del romanzo, e assassino della donna che ama, forse dell’unica donna che ha amato, della donna più importante della sua vita: Maria Iribarne. Cesare Segre, nel suo saggio, sottolinea che “la metafora del tunnel allude proprio alla solitudine di Castel e alla solitudine di Maria. Col crescere della passione, Castel pensa che il tunnel nel quale si sente rinchiuso possa, deviando, confluire con quello che ospita la ragazza. Ma via via che su Maria si addensano i suoi sospetti, più o meno giustificati non importa, l’illusione frustrata di un contatto profondo si trasforma in odio e sfocia nell’omicidio…”.

Quasi superfluo sottolineare che Il tunnel è opera superba. E’ un romanzo che l’uomo moderno dovrebbe sostituire alla Bibbia. Non è sufficiente leggerlo una volta e neanche due o tre: un romanzo come questo, il vero artista lo legge ogni giorno nella vita che vive nascondendosi nella vanità della modestia che cova dentro di sé.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, consigli letterari, critica, critica letteraria, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe consiglia, letteratura, libri, narrativa, recensioni, romanzi e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.