“La forza di un Re”. Poesie di rabbia e amore di Iannozzi Giuseppe

La forza di un Re

di Iannozzi Giuseppe

King Lear

Immortale

Pensate forse
che un paletto,
che del misero frassino
possa far fuori
chi da un’Eternità
fra diavoli e santi
s’aggira senza mai
d’essi prendersi cura
se non per cavargli
anima denti sangue?
Che illusi siete!
Vi vedo
e vi compiango

Senza fili

Se nel mio cor solitario
un anelito di vita ancor
ci fosse, dir potrei
che vano non fu soffrir
Ma stracche le membra
una a una s’arrendono
come a un burattino
che i fili gli han tagliato,
così sul proscenio resto
libero, slegato, e inutile

Dispettosa

Sei tu la bimbetta mia
Dispettosa mi fai piangere
e sono un uomo oramai
Mi regali un fiore,
poi felice scappi via
dicendomi “cattivo!”

E lasci a me
il compito di correggere
gli errori, sulla spiaggia
di sabbia del fiume,
con ingenuità disegnati

Un Re

Levata dalla testa
la corona di ferro
disse adesso basta,
basta alla testa
che gira, all’ebrietà
che fa il passo incerto
E nel silenzio cadde

Non tacque però la Corte
di saggi e giullari raccolti
intorno al vecchio stanco

Tigri

Dalle tigri non ci tengo
a esser sbranato,
non adesso che ho conquistato
un harem
dove da mane a sera
vengono gaudenti le bambine
a dirmi quanto son bello forte e potente
prendendomi in giro anche

Ma Tu che la mia testa vorresti
ai tuoi piedi veder presto rotolare,
Tu bella e crudele più di Salomè,
io che un regno non ce l’ho ma che sogno
e sogno tanto, sì tanto da farmi male,
io ti invito a penetrare col nudo piè
il territorio di fantasie e serpenti
che da un bel Niente ho tirato su

Non mi reciterai mica la parte
di quella che peritosa
– ma a parole forte –
tosto declina l’invito!
Non lo potrei sopportare
e mio malgrado costretto sarei
a lasciar libere dalla Torre le colombe
che sì tanto amasti
quand’eri a malapena una bambina
piangente
innocente
persa nella speranza d’un amor impossibile

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, King Lear, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “La forza di un Re”. Poesie di rabbia e amore di Iannozzi Giuseppe

  1. furbylla ha detto:

    quanti fiori strappati..
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Per far poesia bisogna strappar fiori, perché la poesia, per quanto bella possa essere, è anche crudele nell’atto creativo. 😉

    bacione

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.