Per Marco Saya una ruga nuova

Per Marco Saya una ruga nuova

Marco Saya

Marco Saya

A Marco Saya, con affetto e tanta stima.
Sei un bell’uomo ancora e ancora devi fare tanto,
ma tanto davvero,

per cui dimentica gli anni e le candeline sulla torta
e mieti nuovi e più lungimiranti successi.

Oramai vecchio
a stento ti trascini…
sol la panza avanza
e dai pantaloni tracima
E sul volto le rughe
che l’argine segnano
e che non t’è dato
d’attraversare

Così vicina la Fine,
impossibile però
da ghermire
perché sia polvere
tra la polvere

Giù una lacrima
e una risata
bevendo l’ultimo sorso
prima d’andar a nanna
solo soletto,
coi piedi freddi
e il naso pure
E alla notte lunga sospirare:
“Così arsa l’alma mia,
troverà mai pace…
una bella vagina?”
E la risposta la sai
e non t’addormenti,
non t’addormenti mai
prima dell’alba…
prima d’una ruga nuova

iannozzi giuseppe

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.