“Bastarda amarezza” di Iannozzi Giuseppe. Illustrazione di Valeria Chatterly Rosenkreutz

Bastarda amarezza

di Iannozzi Giuseppe

Lady Chatterly by Valeria Chatterly Rosenkreutz

Lady Chatterly by Valeria Chatterly Rosenkreutz

Lady Chatterly è opera di Valeria Chatterly Rosenkreutz

a Valeria Chatterly Rosenkreutz
che non mi ha mai dimenticato

E se ne vanno gli anni
fra la Pasqua e un carnevale;
quei bei tempi
ch’eran di speranze
han messo sbarre
sulla faccia mia;
e poi dire, e poi fare
senza mai saper dove andare.
E il sorriso ormai vinto,
stanco come quello di certi vecchi
con in bocca voce di dentiera
e perenne sapor di tabacco.

Scacco,
ed è matto.

Posto prenotato in manicomio,
e mai più,
mai più le giovani lunghe gambe
delle donne, delle belle
che sol ieri dissero di me poeta
per presto lasciarmi
fra le scartoffie
di cento e mille altri
quasi uguali a me.

Così in fretta perde un battito il cuore;
inventare un racconto
per pagare il conto,
o solo per difender l’onor mio
che per poco che è ancor c’è.
Così dicono “va tutto bene”,
dicono e subito ridono
l’indice puntando al giovane che ero,
immaginato eroe
sempre disegnato male – bastardo.

E buttar giù l’ennesimo caffè,
la speranza di rimaner sveglio
giusto per il tempo che serve,
prima che sul palco si spenga la luce
e nell’amaro buio ammettere
“sì, son stato schiavo,
nient’altro m’era dovuto”.

Scacco,
ed è matto.

Bei tempi, sì,
belli e fottuti.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia, Valeria Chatterly Rosenkreutz e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Bastarda amarezza” di Iannozzi Giuseppe. Illustrazione di Valeria Chatterly Rosenkreutz

  1. furbylla ha detto:

    è bellissima ma perchè?
    cinzia

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Lo so, questa volta dico anch’io che è bellissima.
    Conosco solo un modo per scrivere della buona poesia, che però forse vale per me e basta: ubriaco, stanco marcio, con ore di sonno arretrato. Bene, questa è nata così. M’è venuta così, in questo stato. E l’ho lasciata in prima battuta sulla bacheca di Chatterly, mentre guardavo le sue Opere.

    Perché mi chiedi?
    Ognuno trovi una risposta da sé se c’è. Non aggiungo altro questa volta.

    bacione

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.