Iannozzi Giuseppe. Aforismi

Iannozzi Giuseppe. Aforismi

Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe

– Letti troppi libri brutti in questi ultimi anni, davvero troppi.
Non posso andare avanti così, a leggere bruttezze. Mi rovinano la salute e la rovinano ai miei lettori costretti, loro malgrado, a leggere stroncature. Bisogna davvero che ci dia un taglio, che torni ai classici, che torni a leggere libri belli, quelli che ho amato in gioventù.

– Suvvia, non ditemi più poeta. Non lo sono. Non lo sono mai stato. Ma se proprio devo farmi carico della croce, per favore, che almeno il paragone mi faccia giustizia, per cui non immaginatemi maledetto, nero come uno spazzacamino. Immaginatemi Leonard Cohen o Kurt Cobain.

– Meglio scopare che leggere: si imparano molte più cose sulla natura umana, sul tradimento che poi finisce prigioniero di pagine di falsa letteratura.

– Fare (scrivere) letteratura è niente di più di un pettegolezzo ben oliato. O come la forfora: una volta che scopri d’avercela, non c’è più modo di liberarsene.

– Mai fidarsi di nessuno. Chi si fida è un uomo morto che cammina. Ed io mi sono fidato sin troppo di questo e quell’altro. Sopraggiunti i quaranta una certa dose di cinismo è necessaria, più dell’olio, perché il motore che è la vita vada avanti tra scricchiolii e vaffanculo.

– L’amore è complicità, un tango a due con un re e una regina che si sfidano in passionalità.

– “Mi sento come Cappuccetto Rosso. Ho una bocca grande grande per poter mangiare meglio il Lupo Cattivo che non legge le mie storie. Sono certo che la sua carne ha lo stesso sapore di quella del maiale.”

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, società e costume e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.