“Perdere l’innocenza” di Iannozzi Giuseppe

Perdere l’innocenza

di Iannozzi Giuseppe

hendrix-live-woodstock

Qui tutti ti vogliono un mondo di bene
Io sono soltanto uno dei tanti nel mucchio
Quanti biglietti d’auguri e quanti baci ricambiati
Non posso fare a meno di provar gelosia
A volte penso che avrei fatto bene
a uccidere le renne di Babbo Natale
Poi mi convinco che non sarebbe servito
a farti mia più di quanto tu non lo sia già,
giorno dopo giorno, con la neve che cade
schiacciando
sotto il suo peso i miei castelli di sogni

A volte penso
che Hendrix avrebbe dovuto imparare a scrivere
prima di suonare la chitarra e la siringa
Nei giorni che sono più tristi del dovuto
penso che un prete è di sicuro più felice di me:
suona ogni domenica le campane
e il batacchio che nasconde
sotto il vestito talare, son certo, il primo dell’anno
lo fa battere più forte delle trombe del giudizio

Ho perso l’innocenza tanto tempo fa
e nessuno può più darmi una mano
Devo fare ogni cosa in maniera artigianale se voglio
un rametto di vischio o una stella cadente sottocosto
E’ segno dei tempi, è segno dei tempi…
giù in strada lo strillone coi giornali sottobraccio
non fa altro che ripeterlo a ogni passante
E a me non resta altro che lasciarmi trascinare
dalla gente felice e triste pensando
a un miracolo che ti faccia per sempre mia

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Perdere l’innocenza” di Iannozzi Giuseppe

  1. furbylla ha detto:

    ovunque disillusione , siamo anche noi responsabili
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    L’hai vista in chiave sociale questa mia.
    Sì, temo che abbiamo rovinato tutto il bello che eppur c’era. Dovremmo tornare primitivi.

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.