I Queen di Freddie Mercury battono Beatles e Abba

I Queen di Freddie Mercury
battono Beatles e Abba

di Iannozzi Giuseppe

Freddie Mercury disegno di Iannozzi Giuseppe

Freddie Mercury disegno di Iannozzi Giuseppe

I Queen di Freddie Mercury continuano a battere record su record. Sono 23 anni che Mr Bad Guy non c’è più, ma la sua voce, più unica che rara, da mezzo tenore continua ad emozionare, a far tremare i cuori e non solo.

I Queen hanno venduto nella sola Gran Bretagna ben 6 milioni di dischi con il primo Greatest Hits. I Queen hanno così surclassato bestseller quali Gold degli Abba e Sgt. Pepper dei Beatles. In pratica, un terzo della popolazione britannica ha in casa almeno almeno il Greatest Hits.

Freddie Mercury è da tempo mito e leggenda, l’Ultimo degli Immortali: la sua popolarità cresce di giorno in giorno scavalcando quella di John Lennon, Jimi Hendrix, Jim Morrison.

Perché i Queen di Freddie Mercury sono così famosi?
La risposta è semplice: Freddie era la voce regina, inimitabile anche quando giggionava. Il suo carisma unito a una voce da brividi ha fatto di Freddie e dei Queen qualcosa di più di una semplice band di culto; una band che mai ha fatto politica attraverso la musica, riuscendo così a lasciare l’Arte all’Arte, questo è bene sottolinearlo.

Il biografo David Bret ha spiegato che Mercury era in grado di compiere “scale musicali in poche battute, passando da un ruggito rock gutturale ad un acuto puro e cristallino, una coloratura perfetta”. E la soprano Montserrat Caballé disse di lui: “La sua tecnica era impressionante. Non aveva alcun problema di tempo, cantava con un senso del ritmo incisivo, scivolando da un registro vocale all’altro senza alcuno sforzo. Aveva grande musicalità. Il suo fraseggio poteva essere sottile, delicato e dolce o più energico e deciso. Era in grado di trovare il giusto timbro, la giusta sfumatura espressiva per ogni parola”. E sempre la grande Caballé confermò la tesi delle quattro ottave, dicendo che “la sua voce si estendeva dal fa della prima ottava al fa della quinta (F2 – F6 in notazione anglosassone), raggiungendo il fa della quarta ottava (F5 nella notazione anglosassone) in voce piena”.

Freddie Mercury and Montserrat Caballé

Freddie Mercury and Montserrat Caballé

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cultura, Freddie Mercury, Iannozzi Giuseppe, musica, NOTIZIE, spettacoli e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.