Perché leggere un libro di Iannozzi Giuseppe

Perché leggere un libro di Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe

“Vi è, di certo, un modo pedantesco e retorico di badare alle parole. In sostanza, è il modo che consiste nel badare alle parole prese di per sé e per sé e staccate da argomenti che tratta, fini che si propone e destinatari reali del discorso.
Argomentando, dunque, fuori dalle relazioni con le cose da dire, i fini e i destinatari reali del dire, le parole non avrebbero valore. Tutto sommato è così se ci comportassimo come un avaro, come il cartoon di Disney che passava il suo tempo ad affastellare fantastilioni di miliardi di dollari, a covarseli con lo sguardo, senza spenderli e utilizzarli né per sé, né per gli altri.
Ecco che Giuseppe Iannozzi, tiene presente il consiglio di un antico e valoroso oratore romano, Catone il censore: Rem tene, verba sequentur, “possiedi bene l’argomento e le parole verranno da sé”.
Alla “res”, alla cosa di cui vuol parlare, il bravo Iannozzi, aggiunge le finalità e i destinatari del discorso.”
(Ninni Raimondi)
“…hai la capacità di creare “medaglioni” di ordine umano-psicologico (in quelle tue proiezioni sempre in un oltre spazio-temporale) che collocano l’insieme in un metatempo e metaspazio che “apre” di continuo. Grazie della lettura e grazie per l’incisività. Un saluto di stima.”
(Gian Ruggero Manzoni)
“Giuseppe Iannozzi, detto Beppe, è un agitatore culturale niente male, recensore sincero e letterato naïf, come piacciono a me, perché le persone simili sono destinate a incontrarsi nel mare magnum della nostra narrativa contemporanea. Beppe Iannozzi è uno scrittore che ha un sacco di cose da dire.”
(Gordiano Lupi)
“La scrittura di Giuseppe Iannozzi è eloquente, limpida, moderna. La prosa di chi ha dimistichezza e scioltezza con la parola e l’uso della lingua italiana. Ben tratteggiata e delineata è anche la psicologia dei personaggi con le loro pulsioni ed emozioni. Una scrittura autentica e genuina nello scorrere degli eventi e delle passioni.”
(Nicla Morletti)
“Ultimamente, è raro che mi dedichi alle recensioni dei libri. I motivi sono molti e fra questi, c’è anche una certa omologazione dei contenuti che non mi invoglia – come critico – a ripetere considerazioni spesso già fatte. Il nuovo testo di Giuseppe Iannozzi, “L’ultimo segreto di Nietzsche” – Cicorivolta Edizioni –, al contrario, mi obbliga a raccontare un approccio differente alla letteratura che, proprio per la sua originalità, mi spinge a riflettere sul ruolo che i libri possono e devono, avere oggi nel nostro contesto storico e culturale.”
(Fabio Fracas)
“Beppe Iannozzi è scrittore versatile ed enciclopedico, la sua narrativa attraversa molte branche del sapere, spesso fondendosi alla saggistica divulgativa, sconcertando il lettore – ma l’effetto è voluto – che sta cercando soltanto un romanzo da leggere. Iannozzi non fa narrativa da spiaggia, non scrive romanzi di genere, non racconta le gesta intrepide del solito commissario di polizia che vive in luoghi di fantasia, fuma come un turco, beve Marsala e si ciba di manicaretti prelibati.”
(Gordiano Lupi)
“Se non dotato di una cultura enciclopedica poco ci manca, questo uno dei tanti punti forti di Giuseppe Iannozzi, in arte Beppe Iannozzi, il cui stile letterario non imitabile rifugge da qualsiasi etichetta ed etica.
Demolitore di idoli, con rara abilità Iannozzi porta sul banco degli imputati etica ed estetica condannando larga parte dell’axiologia, a partire da ben prima dell’anno Zero sino ad arrivare all’attuale momento storico.”
(Dario Bentivoglio)
I libri di Beppe si possono amare e anche odiare, ma non può accadere che chiudendo un suo libro dopo averlo terminato si possa dimenticare.
Cinzia Paltenghi

L'ultimo segreto di Nietzsche - Beppe Iannozzi - Cicorivolta edizioniL’ultimo segreto di Nietzsche (Il ritorno del filosofo a Torino)
Beppe Iannozzi
Cicorivolta edizioni
collana: i quaderni di Cico
ISBN 9788897424772
pagine: 181
prezzo: € 13

In vendita anche online su:

LA FELTRINELLIIBSLibreriaUniversitaria
UNILIBRODEASTOREWEBSTER


Angeli Caduti - Beppe Iannozzi - Cicorivolta edizioniAngeli caduti
Beppe Iannozzi
Cicorivolta edizioni
ISBN 9788897424567
pagine: 230
© 2012
prezzo: € 13

In vendita anche online su:

IBS LibreriaUniversitaria LA FELTRINELLI
DEASTORE WEBSTER UNILIBRO


la_lebbra_di_iannozzi-giuseppe_il_foglio_letterario.jpgLa lebbra
Giuseppe Iannozzi
Ass. Culturale Il Foglio – Collana: Narrativa
Data di Pubblicazione: 2013
Pagine: 150
ISBN-10: 8876064540
ISBN-13: 9788876064548
Prezzo: € 14

In vendita anche online su:

IBSAMAZONin MondadoriLibreria UniversitariaUnilibro
dall’editore Il Foglio letterario

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, autori e libri cult, Beppe Iannozzi, comunicati stampa, consigli letterari, critica, critica letteraria, critici letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, LA LEBBRA, letteratura, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, narrativa, romanzi, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Perché leggere un libro di Iannozzi Giuseppe

  1. furbylla ha detto:

    visto che i commenti non sono disabilitati mi permetto di lasciare il mio modesto perchè almeno per me importante. I libri di Beppe si possono amare e anche odiare ma non può accadere che chiudendo un suo libro dopo averlo terminato si possa dimenticare
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Questa te la incornicio, Cinzia. ♥ ♥ ♥
    E’ il parere di una lettrice. E allora? MEglio ancora.

    Bacione

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.