I fascisti rossi sono la sinistra sinístra

I fascisti rossi sono la sinistra sinístra

di Iannozzi Giuseppe

Giornalisti di sinistra? Oggidì non esistono dei giornalisti di sinistra, né esiste la sinistra. E’ più corretto, a mio avviso, parlare di fascisti rossi, ovvero di stalinisti che non disdegnano querele e peggio ancora, nel tentativo di far grana, di spillare soldi perché quelli che hanno non gli bastano mai. La carta stampata, perlopiù, fa schifo e fanno schifo certi giornalisti e/o scrittori e/o associazioni che tappano la bocca a suon di querele. Il metodo che adoprano è quello littorio, né più né meno. Hanno imparato e fatta propria la legge che “tutti gli animali sono uguali ma alcuni sono più uguali (e quindi più animali) degli altri”. In verità niente di nuovo: Orwell aveva visto giusto e i mali di ieri sono purtroppo quelli di oggi. In verità ci vorrebbe un bel Diluvio Universale, di quelli biblici, che spazzi via l’umanità una volta per tutte e che restituisca la terra a dio o a chi per esso, affinché dopo l’uomo si possa ricominciare daccapo, non con l’uomo però.

Lenin morto

Lenin morto

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in attualità, controinformazione, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, politica, riflessioni, società e costume e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a I fascisti rossi sono la sinistra sinístra

  1. furbylla ha detto:

    arriverà se non sarà un diluvio sarà altro ma accadrà ormai non può essere che la conseguenza naturale
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Purtroppi sì, la conseguenza naturale alla nostra innaturalezza. Che l’Italia è al collasso completo dovrebbe essere oramai chiaro a tutti. 😦

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.