† Il Sogno di Andromeda † di Iannozzi Giuseppe e segnalazione dei suoi libri

† Il Sogno di Andromeda †

di Iannozzi Giuseppe

Andromeda incatenata

Andromeda incatenata

COSI’ BUFFI, COSI’ TENERI

E il sole dà addosso al sole
E la tua anima sulla mia
Chiedimi perché in silenzio
e dammi al cielo, al cielo

Alza la testa, ho voglia di vederti
Lega le mie mani alle tue e non un fiato,
perché contro il sole c’è soltanto il sole
Così dammi al cielo, al cielo, in alto

Uomini costruiscono in alto
Precipitano in basso, si seppelliscono
per sempre – sempre per sempre
Così buffi! Così teneri! Non trovi?

Uomini sotto agli uomini
Mattoni su mattoni – su nevralgie e nostalgie
Una svendita totale alle Porte del Paradiso
Anime in saldo, mai salve, sempre più in basso
Così buffi! Così teneri! Non trovi?

Mi vuoi vedere stasera, mi puoi capire
Porterò il mio corpo nudo e nero
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)
Non abbiamo scelta o sì, che te ne farai di me…?

E il sole addosso
E la tua anima
Così perdutamente soli
In saldo no, pure noi no!
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)
In un singolo momento della tua vita
Dammi al cielo, dammi alla fantasia di dio
E uccidila con il tuo nudo corpo sul mio
Uccidila con il tuo corpo di sole, uccidila!

Così buffi! Così teneri! Non trovi?
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)

Così buffi! Così teneri! Non trovi?
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)

Solo alzare la testa, ho voglia di vederti
Solo stringere le mie mani e non un perché
Non è molto, non è poco, ma dammi via
se capisci che sono diverso da come mi sai
Dammi al cielo, dammi alla fantasia di dio
E uccidila con il tuo nudo corpo sul mio
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)
Uccidila con il tuo corpo di sole, uccidila!
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)

Così perdutamente soli (Dammi, dammi via)
In saldo no, pure noi no! (Dammi, dammi via)

Mi vuoi vedere stasera, mi puoi capire
Porterò il mio corpo nudo e nero
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)
Non abbiamo scelta o sì, che te ne farai di me…?

Così perdutamente soli (Dammi, dammi via)
In saldo no, pure noi no! (Dammi, dammi via)

Così buffi! Così teneri! Non trovi?
(Se capisci che sono diverso da come mi sai)
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)

…e poi una croce su, una su, senza pietà
con il tuo corpo di sole, una su sarà abbastanza

Così buffi! Così teneri! Non trovi?
(Dammi al cielo, dammi alla fantasia di dio)
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)

…e poi una croce su, una su, senza pietà
con il tuo corpo di sole, una su sarà abbastanza

Così buffi! Così teneri! Non trovi?
(Uccidila con il tuo corpo di sole, uccidila!)
(Dammi, dammi al cielo) (Dammi, dammi via)

Così buffi! Così teneri! Non trovi?
Per uccidere dio il tuo nudo corpo sul mio
Così dammi, dammi al cielo, fammi alto – lontano

…e poi una croce su, una su, senza pietà
con il tuo corpo di sole, una su sarà abbastanza

…perché contro il sole c’è soltanto il sole
una su sarà abbastanza…

DI CHI LA VANITA’?

E a chi sarà mai dedicata
questa poesia qui incastonata,
così simile a un gioiello di pioggia,
di salse lagrime e di sorrisi sotto
la Luna?

Oh, quanti riflessi sulle pozzanghere,
quanti non sono in grado di dire
– di ridere

Però, a chiunque sia dedicata
dev’essere, per forza di cose,
una persona con una bella faccia tosta
– con un un’energica passione
che proprio non gli riesce
di domare né a mane né a sera.
E io che son presuntuoso assai,
mi penso scrittore e borderline pure,
così ci leggo i segni miei,
anche se la maglietta ch’era ieri
addosso a me
oggi s’è ristretta e non scivola più bene giù
Ma fidati che è una sfida al cielo gittata

Mi spoglio, mostro il petto
e lo porto all’attenzione della gente,
perché possa vedere coi suoi propri occhi
che razza d’uomo sono, non bello,
sicuramente di peli sullo stomaco

Si spengono come fanali nella notte
gl’occhi dei passanti: non hanno gusto
se non per la bellezza d’un Adone
mitizzato ma morto e sepolto

Non chiudo i miei, di occhi
Sono abituato così,
perché la verità è sotto agl’occhi
di chi la sa vedere senza mai
lasciarsi incantare dagli sbalzi
d’umore della Luna in cielo alta

Oh, quanti riflessi sulle pozzanghere,
quanti non sono in grado di riderli
Ma una smorfia sincera ancora la posso,
mentre in cerca del mio amore
mi continuo a tentare per il domani

ZINGARELLA D’AMORE

Zingarella, Zingarella,
d’amore sei tanto bella
Come Andromeda ti perderai
Mai io qui ti legherò
dove i flutti vengono incessanti

C’è un cielo al collasso,
tutte le stelle piangono
stelle
E io qui ad aspettarti
inutilmente
E si muove il mare in tempesta
e alza schiumanti onde al cielo

Zingarella, Zingarella,
d’amore mi perderò per te
– contro il cielo tutta la mia voce
impotente
uguale a un crimine d’infinito

Per la tua bellezza
la mia vita la perderò
completamente
legandomi al tuo desio di libertà

Oh, mia sola piccola Zingarella,
Zingarella d’amore, tu così bella

QUESTA SERA GLI AMICI

Questa sera gli amici non verranno
Hanno cose più importanti da fare
C’è chi ha preso un impegno con dio
e chi invece con la tosse del fumatore
C’è poi chi ha da tempo sequestrato
la tosse dello stupratore in corsa
Stasera gli amici non si faranno vivi

Questa sera gli amici non diranno
né un tormento né un asso nella manica
Sono tutti lontani, persi a rincorrersi
in una fola sfiatata dal culo dell’inferno
Già!, stasera gli amici non si faranno vivi
e non tortureranno il gatto a nove code
che amo al pari della mia stessa vita

VAMPIRA

Bambina, sei pazza,
completamente bellezza
Non te l’ha mai detto nessuno
ma sei vampira come me

Lo sai che è tutto intorno a te
l’amore di cui hai bisogno
E’ nella tua bocca,
lo posso ancora sentire
il tuo alito benedetto

Che mi dici della vita?
Che mi dici della fede?
Che mi dici della speranza?

Non sono una ragazza cattolica
Ma credo nell’Occhio di Dio

E’ così alla moda!

Cosa aspetti? Prendi le mie mani
e guidami lontano, guidami fino a casa
dove c’è speranza e un’alba nuova
Ci consumeremo insieme, insieme

Sfiorami le mani, con l’anima:
c’è raccolto tutto il mio amore
Sfiorami la fragilità, col cuore:
c’è raccolto tutto il mio coraggio

E’ così alla moda!

E amami così,
amami fino alla fine del mondo



Angeli Caduti - Beppe Iannozzi - Cicorivolta edizioniAngeli caduti
Beppe Iannozzi
Cicorivolta edizioni
ISBN 9788897424567
pagine: 230
© 2012
prezzo: € 13

In vendita anche online su:

IBS LibreriaUniversitaria LA FELTRINELLI
DEASTORE WEBSTER UNILIBRO


la_lebbra_di_iannozzi-giuseppe_il_foglio_letterario.jpgLa lebbra
Giuseppe Iannozzi
Ass. Culturale Il Foglio – Collana: Narrativa
Data di Pubblicazione: 2013
Pagine: 150
ISBN-10: 8876064540
ISBN-13: 9788876064548
Prezzo: € 14

In vendita anche online su:

IBSAMAZONin MondadoriLibreria UniversitariaUnilibro
dall’editore Il Foglio letterario

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, Beppe Iannozzi, consigli letterari, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, LA LEBBRA, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, poesia, promo culturale, romanzi, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a † Il Sogno di Andromeda † di Iannozzi Giuseppe e segnalazione dei suoi libri

  1. Carlos benito ha detto:

    tutti possono vedere il sole e la luna estrelas.ma solo dare una descrizione delle cose, il poeti. grazie caro amico Beppe. Carlo.

    Mi piace

  2. furbylla ha detto:

    alcune sarebbero meravigliose canzoni, la mia preferita è “di chi la vanità?” Mi piace il comm di Carlos..
    cinzia

    Mi piace

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    In effetti non hai tutti i torti. Le avevo concepite più come dei possibili testi per delle ballate che non come per delle vere e proprie poesie. Ma quale la differenza fra un bel testo e una poesia? 😉

    beppe

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Grazie a te, Carlos per il bellissimo commento.
    Non sono poeta, ma ci provo a descrivere quel che vedo.

    Un forte forte abbraccio

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.