Chatterly Coniglietta! Poesie per conigliette – di Iannozzi GIuseppe

Chatterly Coniglietta!

Poesie per conigliette

di Iannozzi Giuseppe

Chatterly Bunny Cartoon

Chatterly said: “I really like how i look like as bunny cartoon”

GIORNO DI PIOGGIA

Questo girotondo, Amica mia, ci sta soffocando
Non è colpa nostra, ma ci sono uomini cattivi assai
Questo girotondo che ci porta in giro per il mondo…

T’ho incontrata dentro a un giorno di pioggia
Cadeva fitta e tu non avevi l’ombrello
T’ho invitata a ripararti sotto al mio e m’hai sorriso
Piovevano lacrime sul tuo viso bagnato
e io non ne conoscevo il motivo, però stavo male
Ho incontrata la tua anima dentro a una o due lacrime

Mi chiedesti che facevo per tirare a campare
Ti dissi che scrivevo poesie e che le davo via
Tu mi sorridesti un po’ incredula, un po’ arrabbiata
Io solo mi preoccupavo di coprirti meglio
Ho incontrata la tua anima dentro a mille lacrime

Questo girotondo, Amica mia, ci sta soffocando
Non è colpa nostra, ma ci sono uomini cattivi assai
Questo girotondo però, che ci porta in giro per il mondo,
ci porta anche a incontrarci quando siamo troppo soli

IL BLUES DI BIMBA

La mia Bimba aspetta davanti al fuoco
Aspetta davanti al fuoco
mentre le ombre s’allungano
e disegnano fantasmi e uomini neri
La mia bimba aspetta davanti al fuoco,
ed è impaziente e si tormenta i capelli:
prende un cernecchio, poi un altro e un altro
e li fa tristi – un immenso cielo di lagrime

La mia Bimba aspetta e fuori è la notte
Le ho ripetuto – non so quante volte –
che non deve accettare caramelle dagli sconosciuti,
gliel’ho ripetuto fino a farmi male dentro al suo cuore
Le ho sempre detto una verità e una bugia
perché mi piace vederla allegra e triste allo stesso tempo
Ma non deve accettare caramelle dagli sconosciuti

La mia Bimba non aspetta, non aspetta
La mia Bimba è proprio un bimba dispettosa
E’ uscita per andare incontro al buio della notte
La mia Bimba, la mia Bimba non aspetta

La mia Bimba è bella, è troppo bella
Provo gelosia se solo butta lo sguardo allo specchio
per incontrare la sua bellezza – sì, provo gelosia
La mia Bimba è troppo bella, troppo bella per me
Ma è mia, e se mi lasciasse sono sicuro
che commetterei una follia più nera della notte

La mia Bimba è tenera come un agnellino
La mia Bimba è proprio una bimba molto tenera
Non sa quanto possono essere tragiche le strade
che portano dentro al cuore buio della notte
(Non sa quant’è profondo il mio amore per lei)
La mia Bimba è troppo bella, troppo bella per me
Ma è mia, e se mi lasciasse è chiaro come il sole
che commetterei una follia più nera della notte

Le ho ripetuto – non so quante volte –
che l’amo per quel suo equilibrio teso fra sacro e profano
Le ho ripetuto a memoria ogni nome del firmamento celeste
per metterla in guardia dagli sconosciuti
che spacciano caramelle e anestetiche vertigini di odio

La mia bimba non vuole aspettare davanti al fuoco
E’ impaziente e si tormenta i capelli e urla contro Geremia,
poi prende tra le dita un cernecchio e un altro ancora
e si fa più triste e profonda d’una lagrima persa nella notte

La mia Bimba non aspetta, non aspetta
La mia Bimba è proprio un bimba dispettosa
E’ uscita per andare incontro al buio della notte
La mia Bimba, la mia Bimba non aspetta
Ma è mia, e se mi lasciasse è chiaro come il sole
che commetterei una follia più nera della notte
Ma è mia, e se mi tradisse è chiaro, è chiaro
che sarei costretto a una follia più nera della notte

Grida nel cuore della notte tutta la sua disperazione
Grida nel cuore della notte tutta la sua immutata fede
“Ora verso lagrime amare e vado a bruciare pensieri nascosti.
Perché tu non ci sei. Sei lì, accanto alla macchina per scrivere.
Non sei solo. Una lampadina chiude gli occhi insieme a Te”

La mia Bimba è tenera come un agnellino
La mia Bimba è proprio una bimba molto tenera

La mia Bimba è bella, è troppo bella per me
Provo gelosia se solo butta lo sguardo allo specchio
per incontrare la sua bellezza – sì, provo gelosia
E io le ho sempre detto una verità e una bugia
perché mi piace vederla allegra e triste allo stesso tempo
Ma non deve accettare caramelle dagli sconosciuti
Ma non deve accettare caramelle dagli sconosciuti
Ma non deve accettare caramelle dagli sconosciuti

E’ mia, e se mi tradisse è chiaro, è chiaro
che sarei costretto a una follia più nera della notte
(Non sa quant’è profondo il mio amore per lei)
Dormi, dormirai nei tuoi occhi di bimba

E’ mia, e se mi tradisse è chiaro, è chiaro
che sarei costretto a una follia più profonda della notte
(Non sa quant’è profondo il mio amore per lei)
Dormi, dormirai nei tuoi occhi di bimba

E’ mia, e se mi tradisse è chiaro, è chiaro
che sarei costretto a una follia più immortale della notte
Perché lei non sa quant’è profondo il mio amore per lei
Dormi, dormirai nei tuoi occhi di bimba

LA BAMBINA E IL LUPO

Bambina, vieni, vieni qui
Qui fa caldo e non c’è il lupo
Qui c’è un uomo, una strada e un treno
Bambina, vieni, vieni qui
Fra le mie braccia
… il ritorno non è possibile

CON UNA PUTTANA

Sì, Bambina, hai ragione
Ieri sono andato con una puttana,
perché non ce la facevo più a sostenere
il peso della vita e quello dell’odio
E tu ti credi bella, ma non lo sei

Sì, Bambina, hai ragione
Ieri ho ucciso il tuo gatto per farti dispetto,
perché mi piace vederti piangere a dirotto
Perché la vita è dura
E’ ora che tu lo capisca

Sì, Bambina, hai ragione
Oggi sei sola
e non hai una spalla amica su cui piangere,
perché intorno a te hai fatto il deserto
E’ la vita che è crudele
E tu non l’hai ancora capito

Sì, Bambina, hai ragione
Nessuno ti amerà mai
E nessuno ti odierà mai
Sei come la sabbia, come la rabbia
che stringi fra le mani:
solo una triste impotente sincerità
che il tempo inghiotte senza pietà

E’ per questo
che mi sono fatto una vera puttana

DONNA MIA, T’AMO

T’amo
Che te lo dico a fare?
T’amo
quando il crepuscolo si presta a me,
all’anima mia

T’amo e t’amo come non sai,
come mai più saprai dalla bocca mia

Il prete maledice il nome che fu mio
mentre il becchino mi seppellisce in un amen,
in uno sputo alcolizzato
profondamente maledetto
E io t’amo e t’amo
per morire in silenzio
e in eterno nel nome tuo, Donna Mia

DELUSIONE

Le delusioni vengono dagli uomini
così come la fame è la voce
che hanno dentro allo stomaco:
e non c’è stupore, solo dolore
E una rosicata briciola d’amore

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia, società e costume, Valeria Chatterly Rosenkreutz e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.