Nelson Mandela (1918 – 2013)

NELSON MANDELA

(Mvezo, 18 luglio 1918 – Johannesburg, 5 dicembre 2013)

Nelson Mandela

Nelson Mandela

L’educazione è il grande motore dello sviluppo personale. È grazie all’educazione che la figlia di un contadino può diventare medico, il figlio di un minatore il capo miniera o un bambino nato in una famiglia povera il presidente di una grande nazione. Non ciò che ci viene dato, ma la capacità di valorizzare al meglio ciò che abbiamo è ciò che distingue una persona dall’altra. (da Lungo cammino verso la libertà, 1995)

Non c’è nessuna strada facile per la libertà. (da Lungo cammino verso la libertà, 1995)

Una persona che viaggia attraverso il nostro paese si ferma in un villaggio, e qui non ha bisogno di chiedere cibo o acqua. Appena arrivata la gente le offre il cibo, la intrattiene. Questo è solo un lato di Ubuntu ma Ubuntu ha anche altri aspetti. Ubuntu non significa che le persone non debbano dedicarsi a se stesse. La questione piuttosto è: vuoi farlo per aiutare la comunità che ti circonda a migliorare? (da “Experience Ubuntu Interview”, di Tim Modise, 24 maggio 2006)

Unitevi! Mobilitatevi! Lottate! Tra l’incudine delle azioni di massa ed il martello della lotta armata dobbiamo annientare l’apartheid! (dal messaggio dal carcere, pubblicato sul Manifesto dell’ANC il 10 giugno 1980)

Colonna sonora: Simple Minds – “Mandela Day”

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in dichiarazioni, NOTIZIE, politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Nelson Mandela (1918 – 2013)

  1. furbylla ha detto:

    penso che ormai si debba tenere forte il ricordo dentro di noi e i suoi insegnamenti
    cinzia

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Nelson Mandela ha fatto moltissimo contro la discriminazione razziale perché la sua Africa, l’Africa ideale deve essere uguale per diritti e condizioni di vita per tutti, indipendentemente dal colore della pelle. L’Africa non deve essere una terra di sfruttamento e schiavismo e dittature. Spetta a noi ora raccogliere la sua eredità e far sì che la sua battaglia sia la nostra.

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.