“Parfum de femme” di Iannozzi Giuseppe

Parfum de femme

di Iannozzi Giuseppe

profumo di donna

profumo di donna

Nell’eterno buio
non ti vedo io
Cieco m’ha fatto venire dio
E più cieco m’hai fatto tu
accendendomi la passione,
cercandomi nella patta
dei pantaloni l’accendino

Che fai?
Troppo giovane, troppo davvero
per consumarti con un vecchio
Che vai cercando,
che vai insinuando?
Non t’amo, lo ruggisco
che non t’amo né mai sarà

Non ti vedo mai,
ti sento cercare sempre
ora questo ora quello
Provochi le fantasie d’un vecchio,
che ha in spregio quel dio
che gli ha messo coraggio
nel budello per poi togliergli
la vista illudendosi
di togliergli tutto, la vita intera

Lo sento il tuo profumo
Profumo di femmina
Giovane donna,
odori tu di sesso

In silenzio
resisti al mio fianco
Ti credi forse
di farmi dispetto,
di lasciarmi a consumare
E c’hai ragione!
Lo sento però
che sei donna oramai,
più non sei la bambina
che tenevo sulle ginocchia
Mai più quella creatura
che spaventata da un niente
piangeva per nascondersi
poi fra le mie gambe

Che vai insinuando,
restando al mio fianco?
Non t’amo, lo ruggisco
che non t’amo né mai sarà
Non hai forse visto
che vado a puttane?
Le riconosco dai piedi,
dal profumo che emanano
Non sbaglio, per dio!

Profumi di donna
No, aspetta: di femmina
Mi vuoi far fesso?
Sono vecchio, mica coglione
Lo sento quel che sei, dio cane!

Mai più la bambina
che accarezzavo:
con te innocente tornavo, lo sai
Bastava che ti guardassi
negli occhi per credere
che il domani sarebbe stato
se non migliore…
Mi bastava guardarti piangere
e poi sorridere, quasi quieta
e odorosa di languide lacrime

Non t’amo, lo ruggisco
che non t’amo né mai sarà

Levati dal mio fianco!
No, no che non piango
Non dirlo, non avvicinarti
Non un altro passo
Lontana, stammi lontana

…non baciare così un vecchio
Non ridarmi, non ridarmi
quel che credevo
per sempre perso, per dio!

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a “Parfum de femme” di Iannozzi Giuseppe

  1. romanticavany ha detto:

    Cosa passa per la testa di un uomo maturo o vecchio non si sa, ma l’attrazione tra due persone penso non abbia età , poi non si sa se possa essere duratura la cosa…sicuramente può essere elettrizzante.
    ‘Notte King, fa bei sogni.
    Bacetto ♥ vany

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Mya PYccola RegYna, immagino tu non abbia mai avuto modo di vedere la versione originale di “Profumo di donna”, quella con Vittorio Gassman per la regia di Dino Risi. La storia è poi ripresa da un famosissimo romanzo italiano di Giovanni Arpino, “Il buio e il miele” (1969). La versione con Al Pacino è invece una bruttura senza fine: non è per niente fedele al romanzo, in pratica è una boiata americana. Ciò detto, questa poesia è anche per Gassman, per il grande Mattatore, perché un attore come lui non è rimpiazzabile. E’ una storia bellissima quella che è nel “Buio e il miele”, al cinema con il titolo “Profumo di donna” – film del 1974, ma tu a quel tempo non eri ancora nata. ^_^ Se ti capita, leggilo il libro “Il buio e il miele” di Giovanni Arpino, non è lungo e non è scabroso. E’ la storia di un uomo che crede d’andare incontro alla morte, perché oramai cieco, perché oramai diventato sordo all’amore; e la giovane sara invece lo salva, con l’amore. E’ vecchio il capitano Fausto? Ha 39 anni, è un bell’uomo, ma ha perso la vista in un incidente. Non ti racconto altro.
    Se vorrai leggere il libro o vedere la versione con Vittorio Gassman, che è quella bella e fedele al grande romanzo di Arpino, bene. 😉

    Un rapporto fra due persone che si vogliono bene non si basa sull’età. Ma penso che non tutti siano d’accordo con me. 😉

    Che la notte ti regali tanti sogni dorati, PiccolYna ♥ ♥ ♥

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  3. furbylla ha detto:

    bellissima.. fa ricordare a chi ha visto questo stupendo film la profonda analisi dei personaggi profonda dolce incantevole amara..
    cinzia

    "Mi piace"

  4. isabella difronzo ha detto:

    Concordo, la versione originale, quella con Vittorio, non si tocca! 🙂

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ero certo che saresti stata d’accordo con me. La versione originale, di Dino Risi con il grandissimo Vittorio Gassman non ha eguali. Un Capolavoro in tutti i sensi.

    Bacioni, Is@ che sei bella

    beppe

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Hai detto molto ma molto bene. E’ questo un omaggio al Mattatore, a Dino Risi che ha diretto in maniera superba il film, e ovviamente un omaggio più che mai dovuto a Giovanni Arpino che ha scritto “Il buio e il miele”, romanzo che Capolavoro Assoluto della Letteratura italiana… ma che dico! … della Grande Letteratura Mondiale.

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.