“Sogni d’oro, My Love”. Poesie dark di Iannozzi Giuseppe e segnalazione “L’ultimo segreto di Nietzsche” di Beppe Iannozzi

Sogni d’oro, My Love

di Iannozzi Giuseppe

Sleep Well by Chatterly

Sleep Well by Chatterly

Sleep Well è opera di Valeria Chatterly Rosenkreutz

frecciaL’ultimo segreto di Nietzsche
(Il ritorno del filosofo a Torino)
nelle librerie Feltrinelli a soli € 11,05

L’ultimo segreto di Nietzsche (Il ritorno del filosofo a Torino)
Beppe IannozziCicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-77-2 – pagine: 230 – prezzo: € 13,00

freccia Leggi su Cicorivolta edizioni dei brani estratti dal romanzo
freccia
Leggi la recensione di Dario Bentivoglio sul sito Cicorivolta edizioni
freccia Leggi la recensione di Gordiano Lupi sul sito Cicorivolta edizioni
freccia Leggi la recensione di Fabio Fracas su Macademia
freccia Leggi l’intervista a Giuseppe Iannozzi su Postpopuli.it
freccia
Leggi Iannozzi Giuseppe intervista sé stesso

In vendita anche online su:

LA FELTRINELLIIBSLibreriaUniversitariaUNILIBROAMAZON.IT


SOGNI D’ORO, MY LOVE

Lo posso sentire sulla tua pelle il brivido
Abbandonati, non c’è niente che non vada
E’ solo giunto il tempo di dormire
E’ solo giunto quel sogno che ci farà morire
Lo posso vedere nei tuoi occhi, My Love

Tutti i giorni in strada incontro gente felice
Tutti i giorni vado con qualcuno
che non ha più nulla da perdere o perdonare
I giornali fanno a gara per dare il numero vincente
La Ruota della Fortuna è su tutti i canali
Gli anchormen ripetono come un mantra
di mantenere la calma, di mantenerla in ostaggio
Tutti, tutti i giorni penso a come sarebbe stato
Penso al nostro amore carnale al punto giusto
Tutti i santi i giorni scendo in strada e piango

Lo posso sentire sulla tua pelle il brivido
Scorre come un Serpente che cerca la foce
Non si arresta un solo momento, abbandonati
E’ solo giunto quel Dio che ci unirà per sempre
Lo posso toccare, è la tua anima palpitante
ancor viva, così bellamente viva d’orgoglio

Tutte le mattine guardo l’alba che arrossisce vergine
Si spande dal fiume alla montagna, un vero trionfo
Tutte le cose che dispongo, tutto quello che faccio
Oh, non c’è miracolo più grande che tu possa toccare
Così sol ti chiedo di lasciarti andare, di lasciarti a me
Perché non c’è un altro al mondo che ti amerà meglio

Ho visto uomini sconfitti da buste di plastica e case di cartone
Ho sentito profeti declamare la fine del mondo in Central Park
Ma in televisione continuano a ripetere che La Ruota gira e gira
Ci credo – gira come un satellite sul punto d’esplodere
Ci credo – domani diranno il numero che farà la diversità
Ci credo, ci credo, è solo una questione di calma
Ci credo, ci credo, è solo una questione di abilità
Ho visto così tanto, ho visto così tanto che ho perso la memoria
Sono colpevole, sono colpevole?

Abbandonati, non c’è niente, non c’è niente
Abbandonati, tutto andrà a posto per tempo
Puoi fidarti, My Love – Puoi fidarti, My Love
E’ solo giunto quel sogno che ci farà perfetti
E’ solo arrivato il momento di tacere le paure
Puoi fidarti, My Love – Puoi fidarti, My Love
E’ solo una questione così, la sento la tua anima
La sento correre come un brivido nella mia
Abbandonati, abbandonanti, non è sbagliato

Lo posso, lo posso divinare nei tuoi occhi, My Love
Lo posso, lo posso capire dai tuoi occhi, My Love
Lo posso, lo posso vedere nei tuoi occhi, My Love

E’ solo giunto quel grande momento
del numero vincente, solo questo, del vincente!
Sono colpevole, sono colpevole?

STASERA LE RAGAZZE

Stasera le ragazze hanno qualcosa di speciale
Si portano lungo le buie strade con sorrisi
da far impallidire pure l’ombra di dio
Stasera le ragazze hanno un sorriso luminoso
Hanno intenzione di conquistare il mondo

Nessuno, nessuno potrà farle tacere o scomparire
Hanno su tacchi numero dodici e calze nere
Stasera, stasera vi faranno vedere loro com’è
che si fa a innamorare un uomo per poi lasciarlo
su due piedi senza provare dolore o pietà

Mamma me l’aveva detto che avrei sofferto
Non le ho dato ascolto, le ho chiuso la porta
Lei lo sapeva che stasera sarei caduto in ginocchio
E per due occhi di ragazza son diventato pazzo
Per due occhi azzurri ho dimenticato che una donna…
Oh, ho fatto finta che una donna non sa far del male

Stasera le ragazze hanno occhi luminosi più della luna
Gli gira come gli gira, non guardano in faccia nessuno
Hanno deciso che metteranno il mondo ai loro piedi
Vestono alla moda, profumano di vita, non hanno altro
Non hanno davvero bisogno d’altro per il loro piano

Uno prende un drink, un altro fuma con Fred Buscaglione
Un altro ancora ci prova a fare l’occhiolino a quelle due
Oh, non lo sanno ancora quanto possono fare due occhi
Non immaginano come ci si può ridurre per una ragazza
Ma la festa è appena iniziata stasera e non finirà tanto presto

Non finirà in punta di piedi tra ubriachi e morti ammazzati
Stasera le ragazze hanno deciso di fare le ore piccole piccole
Non lasceranno nessuna traccia del loro passaggio, né lacrime
né baci di rossetto, né piccoli uomini che all’alba potranno dire
d’esser stati messi in ginocchio
Non lasceranno che accada, porteranno via il bello e il brutto
Resterà soltanto un soffio di vento e non un solo sospiro
in sospeso, e non un battito di cuore a metà tra la pietà e la verità

Stasera, stasera le ragazze faranno impazzire tutti i ragazzi
che le seguiranno per innamorarsi d’un sogno – d’un batticuore
Stasera, stasera le ragazze hanno qualcosa di speciale
che vi farà male, che vi farà male, che vi farà male fino al mattino

AMOR CREPUSCOLARE

Cercavo poi solo un’identità
che un poco mi rassomigliasse
se non nella perfezione
perlomeno nell’ideale d’un confine
delineato tra apparenza e realtà

Fu così che m’imbattei
all’ora del più tardo crepuscolo
in un caffè da tutti i Signori evitato:
non feci a tempo di pensare
al possibile rischio
che già ero accomodato dentro
a centellinare un liquore amaro
Però la chellerina che m’aveva servito
era ancora sulla liquida superficie
e ai miei occhi ella appariva
come la più bella delle creature

Come caduto in deliquio
l’alma mia non trovava requie:
seppur intravista per un momento
quell’apparizione m’era più cara
della mia stessa vita
Con lo sguardo la cercai intorno
ma indarno: ogni mio sguardo
si disperse tra i fumi e le nebbie
dei tanti avvinazzati ai tavoli
Dalle loro larghe bocche
si dipartivano voci roche
di catarro e bestemmie ovvie
che non ho cuore di ripetere

All’alba mi portai all’aperto:
l’aria m’era pesante in petto,
a ogni sospiro morivo un poco
passandomi la mano inguantata
sul volto non rasato e stanco
Il bronzo delle chiese un’eco
che spezzava di netto le gambe
ai primi insonnoliti viandanti

Ma ai bordi, con l’alba addosso,
sui marciapiedi ancora resistevano
Allegre Signore coi rossetti disfatti

LIBRO DI POESIE

Lady Cy,
con me Lei è troppo generosa davvero
Io sono solo un piccolo miserabile
che si trascina da mane a sera per le strade
cercando un finale un poco originale
alla storia che è la vita
Alla fine però mi tocca di mettere su
il solito che sapete, un bicchier di rosso
e fra le mani un vecchio libro di poesie
mentre scoppietta nel camino l’anima mia

E si fa l’Inverno

COME DONNA

Conosco bene Saffo
Conosco l’Amor delle Donne
Vi abbracciate, vi baciate
Mi fate invidia così gioiose
Così giocose, e lontane
Impossibili da sfiorire
Verginità
che nascono all’Alba
e muoiono al Tramonto
e tornano il dì appresso

Vi conosco, Donne
Così perfette, così piene
di maturità, di affetti succosi
Di labbra rosse
che sfiorare è peccato

Vi amo così tanto
Possibile che non lo capiate!

IL TUO PROFUMO

Sì, sei un pochetto assente
Come quella gente
che si perde nella confusione
e poi strilla l’amore che ha perso
L’amore che ha dato in dono via
a chi più sfortunato, a chi senza niente

Così assente, il mondo tira storto
Si porta avanti così, più non ti guarda
E tu – che fai! – continui come sempre
a dirti che non è possibile
che nessuno ti abbia più a cuore

Così, così assente tra la gente
che è tanta, più di te, più di te

Così, proprio così, come un profumo
che nell’aria si perde per catturare
la gente e tra la folla lentamente
poi morire

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, Beppe Iannozzi, consigli letterari, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, libri, poesia, romanzi, segnalazioni, società e costume, Valeria Chatterly Rosenkreutz e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.