Harem di affetti. Poesie d’amore di Iannozzi Giuseppe & segnalazione “L’ultimo segreto di Nietzsche” di Beppe Iannozzi (Cicorivolta)

Harem di Affetti

di Iannozzi Giuseppe

harem

harem


frecciaL’ultimo segreto di Nietzsche
(Il ritorno del filosofo a Torino)
nelle librerie Feltrinelli a soli € 11,05

L’ultimo segreto di Nietzsche (Il ritorno del filosofo a Torino)
Beppe IannozziCicorivolta edizioni
ISBN 9788897424772 – pagine: 181 – prezzo: € 13

freccia Leggi su Cicorivolta edizioni dei brani estratti dal romanzo
freccia
Leggi la recensione di Dario Bentivoglio sul sito Cicorivolta edizioni
freccia Leggi la recensione di Gordiano Lupi sul sito Cicorivolta edizioni
freccia Leggi la recensione di Fabio Fracas su Macademia
freccia Leggi l’intervista a Giuseppe Iannozzi su Postpopuli.it
freccia
Leggi Iannozzi Giuseppe intervista sé stesso

In vendita anche online su:

LA FELTRINELLIIBSLibreriaUniversitaria
UNILIBRODEASTOREWEBSTER

VEDI DI FARTI BELLA

Vedi di farti bella, spogliati
Non ho tempo per i “ti amo”,
per tutte quelle sciocchezze
di carezze, fazzoletti e pianti
Stasera ho bisogno d’una donna
che resti a me accanto, con il corpo
e con la mente, in silenzio

Stasera non ho tempo da perdere:
ho raccolto già troppe lacrime
per arrivare sin qui da dov’ero,
merito qualcosa di più del tuo broncio
Vedi di farti bella, mettiti a nudo
Mostrami la santità del tuo corpo
E fra le lacrime amami crudelmente
ma sempre in silenzio – ti sto baciando
dove nemmeno tu sai dove

Lascia quella pistola nel cinturone
E’ pesante, non è adatta a una Signora
Piuttosto fatti bella, mostrati
nella tua interezza, di petto e di schiena
Da dove vengo non c’erano donne
Non ho molto tempo
e questa notte vorrei viverla
fino a morirne – fino a seppellire
tutto il buio che c’è in me
in una tomba dove possa riposare in pace

Vedi di farti bella
Vedi di farti fare senza tante storie
Non hai motivo di piangere
Così è la vita, dovresti saperlo oramai

Così vedi di portar qui il tuo culetto
Ne ho bisogno stasera per riposare
Vedi di portare qui la tua nuda bellezza
Non ho tempo per i “ti amo”,
per tutte quelle sciocchezze
di carezze, fazzoletti e pianti

CHIACCHIERE ALLE SPALLE

Non ti lasciar illudere
dai commenti
che la gente lascia
appesi ai muri dei manicomi
Non sei il cuor d’oro
che dici a tutti d’essere
Vai ancora in giro
in punta di piedi
a decapitare le bambole
di tutte quelle bambine
che, per un motivo o no,
ti stanno sullo stomaco

Non sei quella bella persona
che dici di essere, e lo sai
Sei così in te,
così tanto in te
da non averla ancora persa
quella voglia tutta matta
di sputar in un occhio
al primo arrivato
e all’ultimo condannato,
che ha visto tutti,
tutti i suoi compagni cadere
Sei la solita che abbraccia Giuda
Sei ancora l’unica, proprio la sola
di cui io mi possa fidare

La gente non è buona,
è cannibale,
farebbe di tutto per portarti
ad abbracciare
un’idea di fratellanza in voga
E tu lo sai, tu lo sai bene

Continua a decapitare bambole
E io ti amerò per sempre (per sempre),
senza mai confessartelo con un fiore
o una stupida poesia da coccodrillo

LOLITE

Le lolite non mi piacciono
Mi fanno pensare al cielo
Mi portano a suonare blues
Le lolite non mi piacciono
Mi ricordano che sono vecchio
e che il mio occhio cade
nelle scollature delle femmine
con sempre più facilità

Non amo le lolite,
amo le donne bell’e fatte
e che nel cuore sono bambine

STAMPELLE LE SPERANZE

Oramai avevo persa la speranza
che tornassi
M’ero arreso a stare in piedi da solo
con una gamba sola
Non avevo più lacrime né voce
Mi sentivo un perfetto straniero
allo specchio, scavandomi gli occhi
per veder meglio le fiamme dell’inferno

Oramai m’ero arreso a camminare
con una gamba sola,
a non portare stampelle né a cercare
l’aiuto d’anima viva in strada
ai semafori fra il traffico e la gente
Oramai avevo persa la speranza
Non gridavo neanche più
contro la guerra
o al mio vicino di casa preso
in un altro party di balli di tango

Era così tanto, così tanto
che mancavi alla mia rabbia,
alla mia gioia; mancavi così
così tanto al mio petto stanco

Ora resta con me
Non ti chiedo di tracciare i miei passi
Solo ti invito a restarmi accanto,
a deporre per un attimo soltanto
la tua guancia in lacrime
sul mio petto pulsante
E in piedi saprò restarti accanto

ESSERE PENSIERO

Posso far parte dei tuoi pensieri?
Posso essere il pensiero
che al mattino ti sveglia e ti accarezza
come fossi un petalo d’un fiore raro?
Posso esser così,
semplicemente una carezza
che seduce
e di cui non puoi fare a meno?

Amica mia, sei leggera
come le foglie della vita
che dai rami si staccano
e lasciano nudo il tronco
all’esposizione dell’autunno

Ti accontenti di così poco
Ma sei vera, vera più d’un attimo,
più del disegno leggero della sensualità
Così sol ti chiedo, posso esser il tuo pensiero,
quello che amerai pensare da mane a sera?

POESIA IN MUTANDE

Poesia che tolga le mutande
ce ne fosse, ce ne fosse!

Ma io che poeta non sono,
che ho bollette e strie nascoste
e usurai che mi minacciano la gola
buttandomi giù la porta di casa,
sì, lo confesso,
che le ho imbollettate per bene
le mutande; e il sedere tante
ne ha avute a soffrire di frustate
Così adesso, Signorina,
troverete in me uno
che per mettersi assiso
deve usar cuscino di piume d’angelo;
e però ciò che è peggio
è che per far fronte a tutte le bollette
le chiavi dalle mani di San Pietro
mi toccherà tosto rubargli
senza scoreggiare sospiri
o inutili preghiere

Ah, poesia che strappi le mutande,
spero però non le mie, per Dio!
La scarsella m’è pienamente vuota
e non c’ho voglia proprio
d’impegnare il buco del sedere
per un altro vergine ricambio

L’UOMO DEI SOGNI

Se ce l’avessi una bella voce,
ti canterei una serenata
che ti faccia innamorare
Se ce l’avessi la faccia tosta,
ti direi che sei molto carina
e ti offrirei poi il braccio
per andare insieme a passeggio
Se ce l’avessi un po’ di coraggio,
ti bacerei sugli occhi e basta,
senza chiederti il permesso
e senza mettermi in ginocchio
per il solito secco no
Se fossi l’uomo dei tuoi sogni,
mi sogneresti ogni giorno
né bello né impossibile,
soltanto normale

Ma sono solo uno
fra i tuoi tanti spasimanti
E la mia speranza d’averti
è una sola, quella di sognarti

FIAMME E AURORE

Vorrei poter non esser banale
Lo vorrei sì, per non farti del male
Da lontano t’ammiro, con paura quasi
che possa tu scivolarmi via
come sabbia fra le mani aperte

Vorrei poterti amare, in fondo
fra cielo e mare, oltre il tramonto
e l’alba, oltre il sole la luna
e l’alta e la bassa marea
Vorrei cantarti una canzone nuova
che sia di fiamme e d’aurore boreali

Vorrei non farti alcun male

E vorrei non doverti dire
che le mie labbra son semplici,
quelle d’un uomo che t’ama

FRANCY

Francy, m’ha colpito la tua ironia
di mettermi a dormire con un cazzotto
Per te, ho commesso i sette peccati capitali
Tu, per me, hai rubato dal giardino del vicino
l’erba più verde e tutt’e sette i nani
Così adesso mi trovo più morto che vivo
a sognare che fine abbia fatto il nostro amore
Tu invece hai scoperto che anche i nani
– nel loro piccolo ovviamente –
sanno venir su con pretese giganti a letto
Ma ciò che m’ha fatto male veramente
non è stato il cazzotto e nemmeno il tradimento
preventivo; m’ha fatto male scoprire
che a dormire da mane a sera ci sto bene

M’ha spiazzato proprio la tua ironia
Gli amici m’avevano avvertito
che dietro a quel tuo bel visetto innocente
si nascondeva il duro cuore d’un boxeur
Con quel gioco di gambe, dovevo capirlo
che ne sarei uscito conciato male
Così adesso dormo da mane a sera
E con la brutta faccia che c’ho su
manco fra mille anni una negra strega
verrà a baciarmi le labbra per ridarmi
a questo mondo di nani giganti e fate ignoranti

Così adesso mi vedo dall’alto giù al tappeto
a sognare che fine abbia fatto il nostro cuore,
quel letto di sospiri, di mancamenti per finta,
e poi scoprire chi di noi si sarebbe preoccupato

E poi scoprire chi di noi si sarebbe preoccupato
M’ha fatto proprio tanto male scoprire
che a dormire da mane a sera io mo’ ci sto bene

LA PACE

Non serve appendere la bandiera
Non serve sventolare la pace
a mo’ di sudario
per il bronzeo suono delle campane
Non serve gridarla la pace
se non c’è,
se non è
Non il vento,
non il vento la seminerà
fra quegli uomini comandati
a un macello senza cervello

Non serve una pace svolazzante
condannata
a farsi croce di cristiana pena
su mille e più balconi
d’un sole occidentale
che solo sa portare il male

Non serve il pentimento
se pace non è libertà di vivere,
di morire nel proprio letto
quando sarà giunto
il giusto naturale momento

Così oggi solo si muore
per mano di quelli
che dovrebbero esser fratelli

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, attualità, Beppe Iannozzi, consigli letterari, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, libri, poesia, romanzi, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Harem di affetti. Poesie d’amore di Iannozzi Giuseppe & segnalazione “L’ultimo segreto di Nietzsche” di Beppe Iannozzi (Cicorivolta)

  1. furbylla ha detto:

    quanto è meravigliosa esser pensiero!
    cinzia

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Pensare che io l’avevo messa più come un riempitivo che per altro. 😉
    Ma alla fine sono i lettori a scegliere le poesie che maggiormente rientrano nelle loro corde.

    bacione

    beppe

    Mi piace

  3. romanticavany ha detto:

    Che meraviglioso medley poetico
    io sono assolutamente conquistata da : “SPERANZE E STAMPELLE” Sospeso fra la sua sete di libertà a capire cos’è nuovamente vivere.

    ‘ Notte panino di burro!!
    ♥ vany 😉

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ma allora ti sono piaciute, Mya RegYna Vany. ♥ ♥ ♥

    Oh, sì, “Speranze e Stampelle” piace tanto anche a me che sono l’autore.

    Buondì, RegYna Vany. E tanti bacetti e tante leKKatine fresche fresche

    orsetto di VaNY

    Mi piace

I commenti sono chiusi.