La genialità inventiva di Enrico Unterholzner. U e i confini dell’immaginabile – recensione di Iannozzi Giuseppe

La genialità inventiva di Enrico Unterholzner

U e i confini dell’immaginabile

di Iannozzi Giuseppe

U e i confini dell’immaginabile - Enrico Unterholzner

U e i confini dell’immaginabile – Enrico Unterholzner

U e i confini dell’immaginabile (il Ciliegio edizioni) di Enrico Unterholzner è un romanzo delicato e forte allo stesso tempo, scritto con verve gioiosa e giocosa, anche quando eventi inoil ciliegio edizionipinati minacciano la tranquillità della quotidianità.

Konrad Uduatrus, da tutti chiamato U, condivide la sua vita con la giovane moglie Fragole. Presso la locanda del Buon Respiro, U racconta parabole che, con grande interesse, vengono analizzate e discusse dagli avventori occasionali e non, e dai suoi discenti Giansereno, Pierdipino e Maibruno, oltreché dal fisiologo Trinciabò. U è felice, non c’è nulla che lo turbi.

U è un marito innamorato, uno studioso mai stanco di conoscenza che approfondisce la CdE (Coscienza di Esistere) insieme ai suoi amici discenti; e Fragole, mogliettina intelligente premurosa e passionale quanto basta, non manca mai di far sì che ogni giorno sia un po’ più speciale degli altri.
U, studia i fenomeni onirici, ma altra sua grande passione è “il salto della carpa”, disciplina sportiva che lo impegna non poco, perché non è mica facile fare in modo che una carpa salti fuori dall’acqua per dare spettacolo. U, tra una allegoria e un’altra raccontata al suo sempre attento pubblico, anche questo anno si sta preparando per la gara ittica; molta della sua attenzione è dunque dedicata a come far saltare le sue carpe dall’acqua affinché gli spettatori della sfida sportiva rimangano a bocca aperta. Non è facile ed U ben lo sa. Non è facile riuscire a convincere le carpe a uscire dall’acqua con un salto che sfidi le leggi della fisica!
La vita di U sembra non debba subire terremoti, ma un giorno accade qualcosa: una vecchia, un po’ tanto invasata, crede d’esser vittima di una coscienza maligna, quella della moglie del pescivendolo. Per U e i suoi discenti iniziano i guai. La vecchia signora darà non poco filo da torcere ad U e ai suoi discenti; nel tentativo di arginare i danni che la vecchietta produrrà, U dovrà fare appello a tutto il suo buon senso, perché riuscire a calmare la vecchietta invasata è fondamentale per il quieto vivere. Ma il pescivendolo non vuole sentire ragioni, accusa U di essere lui e proprio lui la causa che ha portato scompiglio nella sua vita e in quella della moglie. La pescivendola è stata infatti legata e imbavagliata al suo letto completamente nuda, mentre la vecchia, anch’essa nuda, si dava da fare su di lei… per scacciare il dèmonio!

Enrico Unterholzner ci consegna una storia robusta, sempre divertente, dove filosofia orientale e occidentale, mondo onirico e immaginazione si fondono in un magma letterario che, per certi versi, è affine a quello di Stefano Benni e Daniel Pennac. Dopo Lo stagno delle gambusie (Meridiano zero, 2009), Enrico Unterholzner torna con un romanzo che traduce il lettore nel più sconosciuto dei mondi possibili, quello onirico dove i confini dell’immaginabile sono da scoprire, pagina dopo pagina, parabola dopo parabola. L’autore, senza mai scadere nell’enciclopedismo, con spirito frizzante racconta le vicissitudini di U e dei suoi amici; e non dimentica mai di spiazzare il lettore con colpi di scena non prevedibili, rendendolo così complice – e parte in causa – dello sconfinato universo che è in  U e i confini dell’immaginabile. Impossibile non leggere questo romanzo, e a ancor più impossibile non rimanere presi all’amo dalla genialità inventiva di Enrico Unterholzner. 

U e i confini dell’immaginabileEnrico Unterholzner   Edizioni Il Ciliegio – collana: Narrativa – pagine 174 – 1ma edizione: ottobre 2013 – ISBN/EAN 9788867710300 – Prezzo: € 15,00

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, autori e libri cult, casi letterari, consigli letterari, critica, critica letteraria, critici letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe consiglia, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, letteratura, libri, narrativa, recensioni, romanzi, società e costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La genialità inventiva di Enrico Unterholzner. U e i confini dell’immaginabile – recensione di Iannozzi Giuseppe

  1. Pingback: upnews.it

I commenti sono chiusi.