Cesare Battisti. Ennesima presa per i fondelli. In Brasile il fascista rosso parlerà in qualità di docente

Cesare Battisti. Ennesima presa per i fondelli

Il fascista rosso parlerà in qualità di docente
presso l’Universidade Federal de Santa Catarina

di Iannozzi Giuseppe

Cesare Battisti il mostro rosso

Cesare Battisti il mostro rosso

Il merito letterario, poco ma sicuro, non depone a favore di Cesare Battisti. Facciamola breve: Battisti semplicemente non sa scrivere, sa però sparare per ammazzare e proprio per questo in Italia è stato condannato all’ergastolo. E lui è scappato, con la coda fra le gambe, inciampando a ogni passo ma riuscendo infine a farcela a trovare asilo in Brasile.  E dal Brasile Cesare Battisti – che dice che il suo passato di militante dell’estrema sinistra è oramai da tanto tanto tempo alle sue spalle – adesso salirà in cattedra per una conferenza presso l’Università federale di Santa Caterina, a Florianopolis, sul tema “Chi ha diritto di parlare”.

L’annuncio dato dall’Università è stato ripreso dai media brasiliani, i quali evidenziano che l’ateneo è finanziato con soldi pubblici: più precisamente, viene sottolineato, dal ministero dell’Educazione. Per fare da docente universitario per qualche ora, Cesare Battisti, che continua a ripetere che oramai con i Proletari armati per il comunismo (Pac) lui non ha più niente a che fare, intascherà un compenso di circa 500 euro (millecinquecento reais). Un bel gruzzoletto per chi vive in Brasile, bene è sottolinearlo.  La lezione è in programma mercoledì, nell’ambito di un forum dell’Universidade Federal de Santa Catarina. A organizzare l’appuntamento il professor Paulo Lopes, il quale ha spiegato che l’idea alla base della lezione è quella di «ascoltare gli esuli, i carcerati, i demoni della società». Peccato però che Cesare Battisti non sia un rifugiato politico, checché ne dicano gli amici vicini e vicinissimi al fascista rosso.

«Può sembrare una barzelletta, ma non è così», mette i puntini sulle “i” Claudio Humberto, editorialista di jornaldamidia.com. Claudio Humberto spiega che  «l’ex terrorista italiano, che Lula ha voluto rifugiato politico in Brasile, è stato condannato nel suo paese al carcere a vita per quattro omicidi». In Brasile e soltanto in Brasile, Cesare Battisti – che gode della «protezione» politica d’una larga fetta della sinistra oltreché del sindacato – darà dunque fiato alle trombe in una delle maggiori istituzioni accademiche del paese, la terza in una classifica fondata sulle sovvenzioni ai programmi decise dal governo Dilma Rousseff.

La notizia ha subito scatenato commenti e reazioni su Twitter, sia in Italia sia in Brasile. Su YouTube è anche apparso un video nel quale due ragazzi raccontano gli omicidi per i quali è stato condannato Cesare Battisti; i due danno appuntamento a una protesta per mercoledì – in coincidenza con la lezione – davanti al rettorato dell’Università di Santa Caterina. I due ragazzi precisano: «Noi non siamo contrari alla sua libertà di espressione, siamo contrari all’utilizzo delle risorse pubbliche per questa finalità».

L’Associazione Nazionale Polizia Penitenziaria, in un comunicato, ha espressamente raccomandato alla gente comune di condividere la memoria e l’informazione corretta, in merito a fatti che la Storia porterà sempre con sé.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cronaca, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, NOTIZIE, notizie italia, politica, querelle e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Cesare Battisti. Ennesima presa per i fondelli. In Brasile il fascista rosso parlerà in qualità di docente

  1. Pingback: Cesare Battisti. Il governo cancella la conferenza – di Iannozzi Giuseppe | Iannozzi Giuseppe in arte "Beppe Iannozzi"

I commenti sono chiusi.