TUTTO & NIENTE. Poesie d’amore dark di Giuseppe Iannozzi + Promo “L’ultimo segreto di Nietzsche” di Beppe Iannozzi (Cicorivolta edizioni)

TUTTO & NIENTE

di Giuseppe Iannozzi

gargoyle


promo culturale

frecciaL’ultimo segreto di Nietzsche
(Il ritorno del filosofo a Torino)
nelle librerie Feltrinelli a soli € 11,05

L_ULTIMO_SEGRETO_DI_NIETZSCHE
L’ultimo segreto di Nietzsche (Il ritorno del filosofo a Torino)

Beppe IannozziCicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-77-2 – pagine: 230 – prezzo: € 13,00

freccia Leggi su Cicorivolta edizioni dei brani estratti dal romanzo
freccia
Leggi la recensione di Dario Bentivoglio sul sito Cicorivolta edizioni
freccia Leggi la recensione di Gordiano Lupi sul sito Cicorivolta edizioni
freccia Leggi la recensione di Fabio Fracas su Macademia

In vendita anche online su:

LA FELTRINELLIIBSLibreriaUniversitariaUNILIBROAMAZON.IT


Sotto i cieli del nostro amore

Tutti i cieli urlano il tuo nome
attraverso la mia voce
Sono lontano mille miglia
dall’amore e dall’odio
Ma è nell’aria il tuo sapore
che non so dimenticare

Che ci posso fare? Davvero non ricordi
che sono semplicemente un uomo?
Davvero non puoi capire
che ogni respiro, che ogni sospiro
che tiro a campare è solo per te?

Tutti i cieli urlano il tuo nome
Ci ricordano l’uno all’altra
come eravamo belli abbracciati al sole
sotto la pioggia delle nostre lacrime

Tutti i cieli urlano che non è giusto
che l’amore si sia perso nella pioggia del tempo

Lo sanno tutti, tutti lo sanno
che se sono un uomo lo devo solo a te,
a te che hai dimenticato la bellezza
delle domande senza risposta, senza pietà

Tutti lo sanno che eravamo una preghiera in cielo
Lo sanno tutti che eravamo vuoti a perdere, ma felici
di nasconderci sotto le lenzuola della luna
E’ per questo che i cieli urlano ancora il tuo nome
E come sempre ogni mattina ha il tuo sapore
che si spande al di là di ogni lontananza

Siamo sotto i cieli del nostro amore
Lo sanno tutti, tutti lo sanno che è così
Che l’amore si sia perso nella pioggia del tempo?
Siamo sotto i cieli della nostra assurda tenerezza
Lo sanno tutti, tutti lo sanno che è così
Che l’amore si sia perso nella pioggia del tempo?

Siamo sotto i cieli del nostro amore
Lo sanno tutti, tutti lo sanno che è così
Davvero non ricordi che sono semplicemente un uomo?
Siamo sotto i cieli della nostra assurda tenerezza
Lo sanno tutti, tutti lo sanno che è così
Che l’amore si sia perso nella pioggia del tempo?

Sono lontano mille miglia… dall’amore e dall’odio
Sono lontano mille miglia… dall’amore e dall’odio
Sono lontano dall’amore e dall’odio… dall’amore
Sono lontano dall’amore e dall’odio… dall’amore

E’ nell’aria, è nell’aria il tuo sapore, il tuo sapore
Siamo sotto i cieli del nostro amore
Toccami – Accarezzami – Baciami – Insaporami
(Tutti i cieli, tutti i cieli urlano il tuo nome)
E’ nell’aria, è nell’aria il tuo amore, il tuo amore
Siamo sotto i cieli della nostra assurda tenerezza
Toccami – Accarezzami – Baciami – Insaporami
(Tutti i cieli, tutti i cieli urlano il tuo nome)

Sono lontano mille miglia… (E’ nell’aria il tuo sapore)
Toccami – Accarezzami – Baciami – Insaporami
Sono lontano mille miglia… (E’ nell’aria il tuo amore)
Toccami – Accarezzami – Baciami – Insaporami
Dall’amore e dall’odio… (Lo sanno tutti che è così)
Toccami – Accarezzami – Baciami – Insaporami
Dall’amore e dall’odio… (Tutti lo sanno che è così)
Toccami – Accarezzami – Baciami – Insaporami

Siamo, siamo sotto i cieli del nostro amore…

Sono così spiacente

Sono così spiacente…
sapere che il bianco t’invade la verginità
e la smaschera,
e che ogni cosa ha un sapore strano

Il cervello mi va in acqua a forza di schiaffi,
a forza di violetto, di lussuria

Ma le tue labbra rosse e dolci di fragole
non le so dimenticare in un bicchiere di barbera
e in uno di tiepide lagrime

Sono così spiacente…
sapere che l’amore è una cosa così che oggi c’è
e domani non è più lo stesso creduto, sofferto

Il cuore mi si spezza in due
sotto il suono delle cornamuse,
sotto il bronzo delle campane
quando il cielo si tinge di vespertino

Il mio corpo si piega sul tuo
Resto adagiato al cancello: un bianco fantasma
E il tuo leggero peso morto su di me
ricordando com’era bello fare all’amore
in un sussurro

Sotto l’Arco di Trionfo

Esco, oggi esco
Prenderò qualcosa che sia per me,
un giorno di sole e uno di pioggia
e una storia di venti caldi e freddi

Ho un appuntamento:
sotto l’Arco di Trionfo
aspetta un cuore pulsante
che è la mia vita temuta e bramata
da sempre; così credo che uscirò
a prendere tutto quello che voglio,
nonostante i venti e i tempi
che cambiano all’improvviso

Esco, oggi esco
Vado a incontrare il mio viso,
l’età che ha, gli occhi e la bocca
in un raggio di sole, in uno specchio
di acqua piovana

Tendimi la mano

Se intorno ti guardi
e occhi amici non scorgi,
allora tendimi la mano
anche se non sai chi sono
Andremo lontano, lontano
prima che il mondo
s’accorga di noi,
della nostra follia d’amare
nonostante sia io giusto un’ombra
Andremo lontano, lontano
prima che il tempo
mi faccia tomba
sul fiore del tuo sorriso appena
sbocciato, appena nato
nonostante tu sia impossibile
da credere, per me troppo bella

Quale la differenza

Guarda questo mondo, poi guarda me
E dimmi quale la differenza, se c’è

Guarda, guarda com’è facile cadere
e rialzarsi sempre annegando lagrime
nella stessa pozza che ci ha visti
dentro al Tutto e al Niente

Guarda, guarda questo giorno
che non c’è, che non è
Eppure noi sediamo a un tavolino francese
e centelliniamo un succo amaro e uno dolce
dallo stesso bicchiere, dallo stesso amore

Guarda te, poi guarda me
E dimmi quale la differenza, se c’è

Lady Lussuria

Amore, dimmi se amore è
o solamente la mia speranza

Amore, danza, danza per me
per il cieco mio egoismo

Dentro una lagrima ti chiamerò:
fino a straziarmi l’anima tutta
e il corpo tutto t’invocherò

Ti dirò cuscino, seno
d’incandescente lussuria
per l’amante mio cuore
Ti dirò poesia e tragedia,
perché mai sei stata mia
se non nei sogni miei

Ti dirò Lady Lussuria:
ti farò zolletta di zucchero
dentro al caffè caldo,
caffè zingaro ladro come me,
come me nero e di più
quando il verno freddo è

Amore, Lady Lussuria,
perché ho scelto te
e non un’altra più simile a me?

Oh no! Non dirmi che,
che solamente l’avanzo siamo
dell’eco di note lette, suonate
e dal leggio allontanatesi
per sempre via, per sempre
perse nel buio delle vie

Amore, danza, danza per me,
per l’incurabile mia lussuria

Amore, spogliati delle sottane,
andiamo a letto, o dal cuore
questo sogno strappami;
o una volta per sempre umiliami
sotto il peso dei rosei tuoi malleoli
così simili a gitani bambini persi,
confusi in una guerra che non finisce mai,
confusi in una danza che non finisce mai

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, Beppe Iannozzi, consigli letterari, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, libri, poesia, promo culturale, romanzi, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...