Littoria Blues City. Paolo Rigo – di Giuseppe Iannozzi

Littoria Blues City. Paolo Rigo

di Giuseppe Iannozzi

LittoriaBluesCity

Littoria Blues City – Paolo Rigo
Il Foglio Letterario
ISBN 9788876063732
€ 14,00 – Pag. 205

acquista

Littoria Blues City di Paolo Rigo è un bel romanzo, un romanzo che si compone di diverse storie, talvolta allucinanti e quasi inverosimili, eppur assai vicine alla realtà, molto di più di certi fatti di cronaca sputati sui quotidiani.
I personaggi che ruotano intorno al personaggio principale, Salvatore J. Rinaldi, sono perlopiù dei borderline, ragazzi avviati a finire male o già finiti male (perché troppo pressati da una società che li ha vomitati sulla strada abbandonandoli a sé stessi), ma anche artisti emigrati in Italia in cerca d’una Bengodi che presto si è rivelata pienamente fascista. Littoria è una provincia che a Rinaldi non piace. Accade di tutto e la gente mormora, non si fa i propri affari ma è sempre fin troppo attenta a farsi quella degli altri. Se vivi a Littoria tutti sanno tutto di tutti, e questo non va affatto bene. Manca la privacy, manca la liberta. Il foglio letterarioE, soprattutto, manca la libertà. Littoria è una cittadina immaginaria, che è purtroppo specchio delle assurdità che in Italia, da Nord a Sud, giorno dopo giorno si consumano tra l’indifferenza generale della politica e dell’opinione pubblica. Bisognerebbe tagliare i ponti, lasciarsi alle spalle Littoria una volta per sempre, ma per Rinaldi, un giovane trentenne, non è una decisione che si possa prendere così, su due piedi. Sal Rinaldi si arrabatta come può per sbarcare il lunario. La sua esistenza è senza scopo. Si arrangia, prende il poco che gli viene offerto, ma il più delle volte non fa un cazzo perché a Littoria non c’è possibilità alcuna di emergere, di avere un futuro anche e solo ai minimi termini che, sospirando, si possa dire squallido e borghese. Se vivi a Littoria ogni giorno è un’avventura il cui scopo ultimo è quello di tirare a campare.

Seguendo le orme di John Fante, Raymond Carver e di Charles Bukowski, Paolo Rigo ci regala un vortice di storie ambientate a Littoria. Paolo Rigo, facendosi accompagnare dalla fragile voce di Edith Piaf e non solo, compone un vero e proprio blues. In Littoria Blues City l’autore sviscera l’ipocrisia della società, e tenta di combatterla anche, con i pochi mezzi che ha a sua disposizione; tuttavia, la maggior parte delle volte, è suo malgrado costretto a subire le vessazioni di una società consumistica, menefreghista, nichilista.

Paolo Rigo è nato a Roma il 9 marzo 1985, da sempre interessato alla letteratura e alla lettura compie il suo esordio letterario a febbraio del 2011 con il libro di poesie Anima Piange di Edizioni della Sera, dopo diversi interventi e letture partecipa come ospite a Radio 2 days, programma condotto da Michele Cucuzza. A settembre viene selezionato nel concorso GialloLatino per la poesia noir. Da ottobre inizia un’intensa collaborazione con il portale culturale Viva Flanerí. A dicembre del 2011 consegue la laurea magistrale in Italianistica con una tesi sulla metafora lirica in Mario Luzi. Attualmente sta finendo di preparare la raccolta definitiva-edizione critica delle poesie del poeta istriano Otello Soiatti.
Cura una rubrica sul portale culturale Flanerì (www.flaneri.com).

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, autori e libri cult, casi letterari, consigli letterari, critica, critica letteraria, CULT, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe consiglia, letteratura, libri, narrativa, recensioni, romanzi, società e costume e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.