LA VITA UN SOGNO UN VIAGGIO. Di Iannozzi Giuseppe + promo ”La lebbra” di Giuseppe Iannozzi (Il Foglio letterario)

LA VITA UN SOGNO UN VIAGGIO

di Iannozzi Giuseppe

a iannox by Chatterly

a iannox by Chatterly

a Jannox è un omaggio di Chatterly

Non dimenticare di leggere l’anteprima de LA LEBBRA di Giuseppe Iannozzi (immagine di copertina di Chatterly) – Il Foglio letterario, a ottobre in libreria.

La lebbra - Iannozzi giuseppe - Il Foglio letterario

La lebbra – Iannozzi giuseppe – Il Foglio letterario

1° CHORUS:

Alte ombre
premevano
forte
sulla carne
dei lupi
sbranati
nella fame.
Luna metallo
congelava
fiati
fra nuvole
basse
raccolte
in branco.
Mostrava fiera
di sé
gli occhi
la Regina,
esponendo
il volto
ai denti
dei figli
raccolti
in rabbia.

“Spunta,
la Luna spunta!”,
gridava l’uomo
reggendosi
il fianco
addolcito
in un cancro
renale.
“Spunta…
‘date via,
‘date via!
prima che
venga &
spalmi
le unghie
negli spilli
degli occhi.”
I drogati tutti
accolsero
l’invito
aprendo l’alma
a uno spavento,
& rincorsero
le ombre
proiettate
per perderle
negli spiccioli
a piovere
fuori
dalle tasche.

2° CHORUS:

Assisa
– su un trono d’argento –
la vita muoveva
nuvole &
lenta si placava
la fame
in una curva
nascosta
nel delirio
d’un cachinno
per l’amato-odiato
buio d’attorno.

“Poeta! Chi
ti grida?”
Eisenhower si strozzò
in una risposta,
mentre l’uomo col cappello
nero gli puntava pistola
alla testa.
“& ora prova un po’
a fare il furbo!”

“Poeta! Chi
ti chiama?”
Neal rispondeva
dalle rotaie del treno
fermo su un binario
morto: “L’amico
fa strage d’una &
una visione!”

Assisa
rimaneva &
guatava le ombre
proiettate &
la loro statura.

Non altro
il giudizio;
fontane sputano
ori e argenti
nell’Eternità Dorata,
Vecchio Angelo Mezzanotte.

3° CHORUS:

Correndo,
prendevi schiaffo
da una carezza: &
menavi stanchezza
nel sogno.
Poi, la vita destò
il corpo e
disse ch’era tempo
di tornare
all’inizio del viaggio.

4° CHORUS:

Cieco cielo abbaia
sciocche profondità,
universali accordi.
La gente si fa da sola &
ride un folle delirio,
truccando un nero
e un bianco tasto
sulla scacchiera del piano.
& le dita scivolano veloci
per raccogliere fumi di cicche
e ubriacature, all’una di notte.

Lei nulla dice:
non un sospiro
o un sorriso, &
solo versa il bicchiere
nel vuoto.
Inquisita dagli sguardi
di Uno e Cento Uomini,
osserva lo scorrere
del tempo
in
una
lancetta
mortificata, &
si trattiene nelle note
che volano e non sanno
dire armonia o
odore di brillantina.

& si pettina
una mano con l’altra
nel numero dei
capelli.

5° CHORUS:

Ritorno
il viaggio iniziato;
perché.

& vita,
battere un sogno.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, consigli letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, LA LEBBRA, libri, poesia, promo culturale, romanzi, società e costume, Valeria Chatterly Rosenkreutz e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.