”L’ultimo segreto di Nietzsche” di Giuseppe Iannozzi (Cicorivolta edizioni) recensito da Fabio Fracas su Macademia

L’ultimo segreto di Nietzsche di Giuseppe Iannozzi (Cicorivolta edizioni) recensito da Fabio Fracas su Macademia.it.

Macademia - di Fabio Fracas
MacAdam – MacAdemia di Scritture e Letture di Fabio Fracas

http://www.macademia.it/

L_ULTIMO_SEGRETO_DI_NIETZSCHEUltimamente, è raro che mi dedichi alle recensioni dei libri. I motivi sono molti e fra questi, c’è anche una certa omologazione dei contenuti che non mi invoglia – come critico – a ripetere considerazioni spesso già fatte. Il nuovo testo di Giuseppe Iannozzi, “L’ultimo segreto di Nietzsche”Cicorivolta Edizioni –, al contrario, mi obbliga a raccontare un approccio differente alla letteratura che, proprio per la sua originalità, mi spinge a riflettere sul ruolo che i libri possono e devono, avere oggi nel nostro contesto storico e culturale. Non serve indorare la pillola: “L’ultimo segreto di Nietzsche” non è un libro facile e di sicuro, può non piacere ai lettori occasionali o a quelli che cercano storie consolatorie o romanzi d’evasione. Lo stile utilizzato da Giuseppe Iannozzi e il “cut-up”: una tecnica inizialmente sperimentata da Tristan Tzara – pseudonimo di Samuel Rosenstock, fondatore del Dadaismo – che consiste nel “tagliare fisicamente un testo scritto, lasciando intatte solo parole o frasi, mischiandone in seguito i vari frammenti e ricomponendo così un nuovo testo che, senza filo logico e senza seguire la corretta sintassi, mantiene pur sempre un senso logico anche se a volte incomprensibile.” Così come scrive l’autore – nella pagina dedicata alle citazioni e a fianco di una riflessione di Seneca – riprendendo la definizione di Wikipedia.

Nel testo, quindi, si alternano elementi differenti: brani tratti di peso – e poi rielaborati, riadattati – da altri testi o dalla Rete; riferimenti a fatti veri o verosimili; personaggi reali, plausibili, mitici e mitizzati; simulacri senzienti e ragionamenti concreti; flussi di pensiero e riflessioni – etiche, religiose, sociali, filosofiche –; e molto altro ancora. La lettura, non facile, si scontra con cambiamenti di tempo, di prospettiva, di linguaggio e di argomento che obbligano il lettore a un incedere lento fra le diverse frasi e a un tentativo – destinato, forse, a fallire – di dare un ordine razionale al tutto; di riportare una logica all’interno di quello che pare un caos ma che si intuisce essere solo un diverso tipo di approccio al tutto. Alla realtà.

E proprio in questo gioco culturale e filosofico – dove la conoscenza la si deve per forza amare – risiede la forza e il valore, dell’opera di Giuseppe Iannozzi. Certo, si può essere in disaccordo con alcuni concetti espressi dall’autore, si può scuotere la testa dinanzi alle teorie riportate e alle conclusioni che sembrano venire tratte ma, in ogni caso, si è obbligati a pensarci; a rifletterci sopra. E questo, è già un risultato importante da conseguire. La dialettica – il discorso a due con un se stesso altro o con un proprio simulacro fin troppo reale – diventa non il tramite della conoscenza ma il fine stesso della comprensione.

Il riuscire a capire, se mai fosse possibile, chi siamo e perché lo siamo, passa anche dal sapersi porre le giuste domande. E sono proprio quelle domande, spesso inespresse, che catturano e conquistano in questo libro. Se non temete le sfide e non avete paura di mettervi in discussione, “L’ultimo segreto di Nietzsche” è un libro che merita di essere letto.

L’ultimo segreto di Nietzsche (Il ritorno del filosofo a Torino)
di Beppe Iannozzi
Cicorivolta Edizioni – Collana: I quaderni di Cico
Prezzo € 13,00
Anno 2013, 181 pagg.

Fabio Fracas su Wikipedia:

http://it.wikipedia.org/wiki/Fabio_Fracas

Fabio FracasFabio Fracas (Sestino, 21 settembre 1967) è uno scrittore, giornalista, compositore e critico cinematografico italiano. Si laurea in fisica presso l’Università di Padova con una tesi sperimentale che consente l’individuazione di un nuovo moto molecolare, di tipo debole, nei composti di inclusione. In seguito, specializza i propri studi in ambito informatico diventando analista di sistema, docente invitato presso il SISF, l’istituzione universitaria salesiana, e docente a contratto presso l’Università di Padova dove attualmente insegna fisica, informatica e teoria delle reti nella facoltà di medicina e chirurgia. In ambito egittologico, ha realizzato un nuovo metodo di rilevazione dei calchi geroglifici tramite applicazione di bicomponente siliconico.
In ambito letterario comincia la propria carriera nel 1988 come creatore, sviluppatore ed editor di avventure e giochi di ruolo per le maggiori case italiane del settore: Granata Press, Nexus, Sintagma Editrice e Stratelibri. In questo campo scrive articoli e saggi per le riviste Excalibur, Joker, Kaos, Rune e X; sviluppa, fra le altre, l’espansione BASIC: The X-Files per il gioco di ruolo italiano Basic. Come coautore del modulo BASIC: Egitto, vince nel marzo 1999 la XII edizione del Premio Lucca Games per il miglior gioco dell’anno. Nel 1996 realizza la collana Doppiogioco il cui primo volume, dal titolo L’Ultimo Drago, è basato sulla licenza italiana del film Dragonheart. Con lo pseudonimo di Arthur MacAdam, cura l’editing e la supervisione del gioco di ruolo di Ken il Guerriero – L’isola dei Demoni pubblicato da Nexus nel 1998. Nel 2004, assieme alla poetessa padovana Federica Castellini, fonda la scuola di scrittura MacAdam – MacAdemia di Scritture e Letture di Fabio Fracas. Nel 2006, assieme allo scrittore Giulio Mozzi, fonda la casa editrice on-line VibrisseLibri. Dal 2007 al 2008 è direttore artistico della manifestazione giallistica Thiene in nero. Attualmente collabora con varie testate giornalistiche sia cartacee sia web – Acacia edizioni, Arnoldo Mondadori Editore, MilanoNera, Sprea Editori -, pubblica libri per diverse case editrici italiane – Alphatest, De Agostini, Sprea Editori – e affianca al lavoro autoriale quello come editor e traduttore, dall’inglese e dal tedesco.

frecciaLeggi e commenta la recensione a “L’ultimo segreto di Nietzsche” di Beppe Iannozzi (iannozzi Giuseppe) su Macademia


promo culturale

frecciaL’ultimo segreto di Nietzsche
(Il ritorno del filosofo a Torino)
nelle librerie Feltrinelli a soli € 11,05

In vendita anche online su:

LA FELTRINELLI

LibreriaUniversitaria

IBS

UNILIBRO

AMAZON.IT

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, Beppe Iannozzi, consigli letterari, critica, critica letteraria, critici letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, letteratura, libri, narrativa, promo culturale, recensioni, romanzi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.