Promo “L’ultimo segreto di Nietzsche” di Beppe Iannozzi (Cicorivolta edizioni)

L’ultimo segreto di Nietzsche
Giuseppe (Beppe) Iannozzi

Promo culturale

frecciaL’ultimo segreto di Nietzsche
(Il ritorno del filosofo a Torino)
nelle librerie Feltrinelli a soli € 11,05

cico_feltrinelli

Sinossi – Il filosofo di Ecce homo nonché dell’Anticristo si trova a Torino. E’ il suo soggiorno torinese, la capitale italiana che vedrà purtroppo sbocciare quella pazzia che per anni lo accompagnerà sino alla drammatica morte. A Torino Nietzsche si trova per completare i suoi scritti, ma anche per allontanarsi da Richard Wagner che ha disconosciuto dopo che questi ha dato vita al Parsifal, tradendo, secondo Friedrich W. Nietzsche, la loro idea di non lasciarsi sottomettere dal cristianesimo e dall’ebraismo. Nietzsche non riesce ad avere dei buoni rapporti con le donne, per questo è costretto a frequentare i postriboli, anche quelli torinesi. Appena uscito di casa, su invito, un giorno decide di recarsi a una seduta spiritica: ci va per curiosità, tanto più che è uno degli argomenti del momento, nonostante la cosa lo interessi poco o niente. Mentre si reca all’appuntamento sulla sua strada incontra uno strano personaggio, Absu Imaily Swandy. Vuole la leggenda che Absu sia in realtà un uomo venuto da un altro pianeta. Absu e Friedrich hanno un breve scambio di battute in strada, dopodiché le loro strade pare che si dividano. Purtroppo per il filosofo, dopo la seduta spiritica comincerà a manifestare i primi segni di pazzia fino ad arrivare al punto di abbracciare un cavallo arringando il suo padrone. Ma l’esplosione più forte di pazzia ce l’ha in casa: come un satiro comincia a suonare malamente il pianoforte gridando “Dioniso o Gesù crocifisso”.
La scena si sposta ai giorni nostri: un giovane, dopo aver seguito il suo percorso di studi, sulla sua strada incontra un vecchio compagno. Il giovane è un tipo schivo, chiuso, misantropo, uno che non ama e che non nutre alcuna fiducia nell’umanità. Gianni, vecchio compagno del giovane protagonista, è un fascista. I due si odiano. Gianni gli racconta del suo amore per casa Savoia e blatera di come, a sua detta, sarebbe in atto un tentativo per trafugare il Sacro Lino, la Sindone. Parla e straparla. Il giovane protagonista lo manda a quel paese credendo così d’aver chiuso per sempre con lui. Così non sarà. Poi il destino vuole che incontri anche un’altra vecchia conoscenza, una certa Maddalena. Maddalena non è più la ragazzina strafottente che il giovane protagonista aveva conosciuto sui banchi di scuola, è difatti una tossica persa, malata di Aids. I due si incontrano e bene o male riprendono il dialogo là dove tanti anni addietro l’avevano lasciato. Maddalena ha avuto anche dei rapporti sessuali con Gianni. Maddalena gli racconta della sua vita, di come è caduta in basso, ma soprattutto si paragona a una strega perché malata di Aids e scansata da tutta la società. I due cominciano a peregrinare insieme lungo le strade storiche di Torino, mentre Maddalena gli racconta anche di quando le streghe (le lamie) erano in Piemonte. Gli racconta di come furono processate e con quali capi d’accusa.

Asbu Ismaily Swandy  è tornato. Se ne occupa la Stampa, ma anche Panorama e diverse testate giornalistiche americane. Il suo ritorno fa scendere in campo persino Dino Buzzati che decide di scrivere un pezzo su questo enigmatico personaggio. Nell’intanto il giovane protagonista sta studiando per diventare giornalista, nonostante sia il suo animo quello di un filosofo. Concentrato sul razionalismo, il giovane protagonista par essere la reincarnazione di Friedrich W. Nietzsche, anche se non osa ammetterlo. Vede però accanto a sé il suo doppio, un simulacro che gli parla e lo istruisce. Un giorno anche lui incontra Absu e come Nietzsche gli tributa poca o nulla importanza. Tuttavia dovrà ricredersi perché Absu pare abbia un piano per rubare la Sacra Sindone. Dice che gli appartiene.

Il tragico epilogo della vicenda si avrà in cima alla Mole Antonelliana, dove verrà messo a nudo l’ultimo segreto di Friedrich W. Nietzsche. Un segreto così terribile che se fosse rivelato all’umanità questa cadrebbe nel tempo d’un batter di ciglia.

L'ultimo segreto di Nietzsche - Iannozzi Giuseppe - Cicorivolta

L’ultimo segreto di Nietzsche – Iannozzi Giuseppe – Cicorivolta


L’ultimo segreto di Nietzsche (Il ritorno del filosofo a Torino)

Beppe IannozziCicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-77-2 – pagine: 230 – prezzo: € 13,00

freccia Leggi su Cicorivolta edizioni dei brani estratti dal romanzo
freccia
Leggi la recensione di Dario Bentivoglio sul sito Cicorivolta edizioni
freccia Leggi la recensione di Gordiano Lupi sul sito Cicorivolta edizioni

In vendita anche online su:

LA FELTRINELLI

LibreriaUniversitaria

IBS

UNILIBRO

AMAZON.IT

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, attualità, autori e libri cult, Beppe Iannozzi, casi letterari, consigli letterari, critica letteraria, critici letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, letteratura, libri, narrativa, promo culturale, rassegna stampa, romanzi, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.