La Bonino innocente come Alfano. Loro due agnelli sacrificali! – di Iannozzi Giuseppe

La Bonino innocente come Alfano

Loro due agnelli sacrificali!

di Iannozzi Giuseppe

Emma Bonino

Emma Bonino

Fatti e rifatti italiani. Ma ci siamo sbagliati. Sicuramente non può che essere così. Perché adesso anche Emma Bonino dice: “Sono stata informata telefonicamente da esponenti della società civile il 31 maggio, a cose già avvenute, e da allora ho lavorato attivamente, con una azione che continua ancora oggi e si è mossa su tre direttrici: assicurare il rispetto dei diritti della signora, promuovere la necessaria raccolta di informazioni, raccogliere documenti circa l’espulsione in Kazakistan. Il 2 giugno, in occasione della parata per la festa della Repubblica, ho sensibilizzato il ministro Alfano”.

Ma il ministro kazako a Roma ha un’altra versione. E anche il Kazakistan ribadisce che Alma Shalabayeva non doveva essere rimpatriata. E però né Alfano né la Bonino sono colpevoli, anzi sono innocentissimi, agnelli sacrificali. Poi la Bonino lamenta pure d’aver perso sette denti, per i suoi scioperi della fame. Forse non se n’è resa ancora conto, ma la cara buon vecchia Emma non è più una ragazzina, va da sé che dei problemi odontoiatrici sono davvero minima cosa per la sua rispettabile età.

Ecco dunque che la cara e buona e vecchia Emma si lava ben bene le mani perché lei non sapeva e poi in primis la sua credibilità personale, vale a dire che resta ben attaccata alla sua poltrona: “E’ una vicenda di grande delicatezza, sulla quale si impone la massima chiarezza: una vicenda che tocca aspetti di grandissima rilevanza per il nostro Paese e per i suoi valori fondamentali. Il comportamento dell’ambasciatore kazako a Roma sull’affaire Ablyazov è stato intrusivo e inaccettabile. La mia credibilità personale è per me un grande patrimonio ed ho vissuto con grande amarezza in queste settimane. Sono stata tormentata e non ci ho dormito, ma non ho mai pensato di dimettermi.
Astana ci ha fatto sapere di volere buoni rapporti con l’Italia. Ritengo evidente che, dopo questo episodio, la qualità dei rapporti dipenderà dalla disponibilità dei responsabili di Astana a dare la loro imprescindibile collaborazione e pieni diritti e libertà di movimento ad Alma: valuteremo, tempestivamente, le misure più opportune da adottare nei confronti dell’ambasciatore Yelemessov. La priorità è la tutela delle due cittadine kazakhe, è quanto ci sta più a cuore. Stiamo svolgendo e continueremo a fare con forte determinazione interventi, a Astana, Bruxelles, Vilnius, per la piena libertà di movimento di Alma e la figlia: lo sento come obbligo morale, prima che politico”.

Insomma, parrebbe proprio che la Bonino sia più che mai Santa. Non sapeva niente, lei, Ministro degli Esteri, lei, non sapeva proprio niente. Per giunta lo ha scoperto per puro caso d’essere Ministro degli Esteri, una tegola che le è caduta in testa da un momento all’altro provocandole non pochi danni al maxillo facciale.

Dobbiamo però tacere, altrimenti rischio è che ci deportino tutti, uno a uno, in Siberia. E’ o non è l’Italia bene immanicata con la Russia di Putin? Ci chiediamo sempre perché tanti italiani scompaiono da un giorno all’altro e perché. In Siberia, sono in Siberia. E dove altro sennò!


promo culturale

frecciaL’ultimo segreto di Nietzsche
(Il ritorno del filosofo a Torino)
nelle librerie Feltrinelli a soli € 11,05

cico_feltrinelli

L'ultimo segreto di Nietzsche - Iannozzi Giuseppe
L’ultimo segreto di Nietzsche (Il ritorno del filosofo a Torino)

Beppe IannozziCicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-77-2 – pagine: 230 – prezzo: € 13,00

freccia Leggi su Cicorivolta edizioni dei brani estratti dal romanzo
freccia
Leggi la recensione di Dario Bentivoglio sul sito Cicorivolta edizioni
freccia Leggi la recensione di Gordiano Lupi sul sito Cicorivolta edizioni

In vendita anche online su:

LA FELTRINELLI

LibreriaUniversitaria

IBS

UNILIBRO

AMAZON.IT


Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, NOTIZIE, notizie italia, politica, politici, querelle, società e costume e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.