INFINITO SPAVENTO (poesie contro) – di Iannozzi Giuseppe – illustrazione di Valeria Chatterly Rosenkeruz + Promo “Angeli caduti” di Beppe Iannozzi

INFINITO SPAVENTO

di Iannozzi Giuseppe

The Net by Chatterly

The Net by Chatterly

The Net è Opera di Valeria Chatterly Rosenkeruz

metti nel carrellometti nel carrello

Angeli Caduti - Giuseppe IannozziAngeli caduti
Beppe Iannozzi
Cicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-56-7
pagine: 230
© 2012
prezzo: € 13,00

acquista dall'editore ''Angeli caduti'' di Beppe Iannozzi (Giuseppe Iannozzi)

INFINITO SPAVENTO

a Valeria Chatterly Rosenkeruz,
My Immortal Muse

Angeli, Angeli, il mio animo è al vento.
Angeli, Angeli, il mio corpo è quello del tempo.
Angeli, Angeli, sono vento, sembro il mio spavento.

Non so, non so quanti dimenticati baci, non si contano:
sarei morto in una follia infinita per un Vostro bacio,
avrei fatto torto al mondo per cader nel Vostro strazio.

I respirati bramati affanni non come me si affannano,
non stanno dietro al vento, al tempo; eppur si concedono
ad altri angeli. E Voi, miei Angeli, dove e come? A chi,
[ora, il mio strazio?

E’ questa la mia delusa follia? non comprendere il mio dire,
non vivere né morire? e solo nelle mie contraddizioni finire?
E’ questa la mia malattia? non trovar risposta all’Amore?

Angeli, Angeli, siete in un altro vento a cercare un altro tempo.
Angeli, Angeli, tutte le lagrime si sciupano in questo mio canto.
Angeli, Angeli, sono vento. Sol più sono il mio infinito spavento.

NERO LAGER

tentano gli occhi
di capire perché tanti uomini in fila
da dio abbandonati
una pallottola cacciata a forza nel cavo
della povera bocca priva di denti

bruciano le fabbriche corpi su corpi
si consuma nelle fabbriche
giorno dopo giorno la realtà
sparo dopo sparo

qui solo l’orrore
e mai un colore diverso dal nero
delle camice fasciste

solo il buio quando la vita
negli occhi si spegne

resta un perché irrisolto bruciato dato
a un vento di cenere

e restano altri fratelli a vivere
una grama vita che presto si spegnerà
in questo nero nero lager

LA GALEA

il rutto del bruto, e tu occhio per occhio ma dente perdente
poi il canto delle sirene, e tu a dire ci si deve arrendere
ed io la bocca sdentata, gli occhi ciechi dalla nascita
e le mani ancorate ai remi a remare oltre il tuo pretendere

IL NOME

Amore,
più non avresti
nome,
se ti invocassi
nel mio nome
o se tu…

Perciò
io taccio
per entrambi.

NUVOLE DI TEMPESTA

no, perché? o sai forse che
si stanca la fatica e il passo lungo più della gamba
quando credi, quando il mondo nella mano

sì, si agitano i coriandoli all’aria affidati
poi mutano in nuvole di tempesta
e tutte le parole prendono il volo
e i sogni pure quando il tempo fuggito
dalla mano,
ma fra le gambe incastrato bastone

ALLE SPALLE

e quanti i miei giorni andati sputati
e quante le battaglie alle spalle – che palle!
non si contano, non valgono il tempo
d’una poesia o d’una noia

NESSUN ROSSORE

una andrà via col cuore spezzato
un’altra solo sarà impacciata
quando l’amore finito o iniziato

e nessun rossore per le mie rose

FUMARE

Fumo
per il piacere mio,
non per quello passivo
degli altri!

T’ho fumata bene,
attiva, stanotte.
Oh, sigaretta,
un piacere sei,
punto e basta. Ma se
cacciata nella bocca mia
ti pensassi,
se fallica ti pensassi,
addio piacere.

Ecco, così t’ho pensata.
Mon Dieu! M’è passata
voglia e piacere di fumarti.

In una sola tirata è sfumata
la piacevole colpa della vita.

IL TALENTO

C’è voluto
del talento,
amarci
e poi lasciarci
in questo tempo.

Bene o male
abbiamo fatto
il nostro tempo.

CORPO BUIO

Oh Notte, prendimi!
Nel tuo buio corpo
voglio scoprire
ogni estremo piacere
anche se poi il dolore.

INCHIOSTRO

non c’è romanzo
non c’è inchiostro
da versare invano

ma polso rotto
conserva la sua penna
e sente sangue freddo caldo
e tutte le stagioni da qui
all’eternità per una puttana
o una donna, la vita se…
qualcuno ad eterna morte

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, autori e libri cult, Beppe Iannozzi, casi letterari, consigli letterari, CULT, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, letteratura, libri, libri di racconti, poesia, promo culturale, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.