Iannozzi Giuseppe su l’Articolo 1 della Costituzione Italiana

Iannozzi Giuseppe su l’Articolo 1
della Costituzione Italiana

Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, sul suo blog, dichiara: “Appena ogni italiano avrà una casa, un lavoro, o un sussidio se non sarà possibile inserirlo subito nel mercato del lavoro, allora dirò: l’Itala è una grande nazione”.

La miscela dunque è: un uomo libero, un italiano, che parla di diritti dei lavoratori. Ed è, come immaginate, esplosiva, perché intrecciare diritto costituzionale, italianismo, dignità è proprio quello che i politicanti di destra, di sinistra, di centrosinistra – compresi i populisti, i cristiani e i cattolici e gli anarchici in odor di santità autopromossa e autoeletta – non intendono affrontare con atti concreti, tangibili e ben visibili a occhio nudo in questo sventurato paese.

«L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.»

(Articolo 1 della Costituzione Italiana)

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in attualità, dichiarazioni, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, NOTIZIE, notizie italia, politica, società e costume e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Iannozzi Giuseppe su l’Articolo 1 della Costituzione Italiana

  1. ventisqueras ha detto:

    mi sa, caro Beppe, che sei in orbita col nostro astronauta sulla navicella spaziale e forse stai per atterrare su Marte

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ho i piedi ben piantati per terra. Il mio è solo un auspicio, chiaramente non realizzabile in questo tempo storico.

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.