Bambolina jukebox (911 Emergency Only Use) – Iannozzi Giuseppe

Bambolina jukebox

Iannozzi Giuseppe

Dall’archivio mio privatissimo…

Fonzie... mi piace

Fonzie… mi piace

Bambolina jukebox

Sei una bambolina,
la mia bella stellina
che dice sempre “sì è così,
proprio come dici tu!”
con la testolina un po’
piegata all’ingiù

Sei tu la mia stellina,
il gettone d’oro
nel mio grosso jukebox

Baby, It’s rock and roll
And All I want is to live w/ you

Sei tu che mi prendi
e mi porti su e di più
Sei sempre tu
che mi porti in paradiso
con le tue fresche risate
E sei sempre tu
che mi maledici
quando fingi di cadere
in un pianto a dirotto
Sei tu che hai preso possesso
dell’anima mia, proprio tu

Bambolina, bambolina mia,
non esitare un secondo,
vieni sulle mie ginocchia
e dimentica il mondo d’attorno

Baby, It’s rock and roll
And All I want is to live w/ you

Balla a lungo e baciami a lungo
Lasciati cadere fra le mie braccia
Bambolina, bambolina mia

Bambolina mia, stellina mia,
è solo rock and roll
e il jukebox è pieno di canzoni
E’ tutto nelle tue mani,
Bambolina mia

Pretendenti gelosi

Voi che qui v’appostate
simili ad avvoltoi colla bava alla bocca
forse non l’avete ancor capito
che io e lei stiamo insieme
Mai ci lasceremo, mai e poi mai

Perfetta coppia a ogni minuto secondo
i baci ci scambiamo senza pudore
in mezzo alla folla o in un ritaglio d’ascensore
E carezze a profusione
che non starò nei dettagli a focalizzare
Già troppa è la gelosia che vi consuma
e che da osso a osso i petti vi collassa

Mio Dio sì, certo che sì… Bestie senz’anima
non siamo; certo che sì, con sincrono respiro
ci accorgiamo di quanto son tristi gl’infelici,
però subito scoppiamo in una risata
che il core ci scalda e l’alma ci colma
di nuove vergogne tutte da provare
lontano da occhi indiscreti trafficanti
di menzogne

Vi faccia dunque cattivo il sangue
questa confessione ora che la verità
tutta conoscete, ragazzacci gelosi

Serpenti in te

Son serpenti i pensieri
che s’annodano
e s’annodano
Non si viene a capo mai
d’un bel niente
a dar loro retta;
par che quando ce li hai
in pugno sia per sempre,
e invece un momento
e già son liberi di nuovo
pronti a morderti le labbra
e non di rado altrove, forse
con più gravi conseguenze

Così i serpenti
che tanto amiamo,
Amor mio bello

Ragazzo vecchia maniera

Se bussano alla porta
Bambola, mandali a quel paese
soprattutto se son venditori di bibbie
o strani evangelisti in odor di orrore

Se suonano due volte
Bambola, non ti preoccupare
Ho il fucile bello carico,
non c’è bisogno che aggiungi
un posto in più a tavola

Sono un ragazzo alla vecchia maniera
Un duro tutto whisky e calci in culo
Ma niente sindacati e tessere di partito
Ho le mie idee di libertà e bastano
per ogni occasione buona e della malora

Se sono i francescani dàgli un pane di ieri
Ma se sono i preti neri tiragli un calcio
dove non batte il sole, mia Luce degli Occhi
Se sono i comunisti ricordagli
che nessun animale è più uguale d’un altro
Se sono i fascisti, non esitare un istante,
sbattigli la porta sul grugno e chiama il 911

Se sono quei rompicoglioni degli indiani
regalagli quel poco di cianuro che teniamo
sottochiave per le occasioni speciali:
la nostra erba non ha bisogno di fumose cure
Se bussano gridando “dolcetto o scherzetto”
falli cagare nelle mutande, sbattiglielo in faccia
che Babbo Natale è finito morto ammazzato
e digli pure che John Wayne era un pezzo di merda
Se bussano, Bambola, fa’ la cosa giusta

Sono un ragazzo alla vecchia maniera
e tu sei la mia bambola, e guai a chi ti tocca
Non tengo tessere di partito nascoste in tasca,
le mie pistole sono però sempre ben cariche…
non datemi l’occasione per aprirvi il terzo occhio
in mezzo alla fronte o in mezzo ai coglioni

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, attualità, Beppe Iannozzi, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.