Bruno Boileau e Vincent Autin sposi a Montpellier

Bruno Boileau e Vincent Autin sposi a Montpellier

a cura di Iannozzi Giuseppe

Bruno Boileau e Vincent Autin

Bruno Boileau e Vincent Autin

Il sì di Bruno Boileau e Vincent Autin pochi minuti prima delle 18 nel municipio di Montpellier. Un lungo bacio e un applauso hanno suggellato le prime nozze omosessuali in Francia. Dopo essersi scambiati le fedi, sulle note di Love di Nat King Cole, i neosposi hanno abbracciato amici e parenti e sventolato il certificato di matrimonio appena ricevuto dal sindaco, Helene Mandroux. E’ questo uno dei giorni più belli per la Francia dell’uguaglianza, dei diritti, della civiltà.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cronaca, esteri, NOTIZIE, società e costume e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Bruno Boileau e Vincent Autin sposi a Montpellier

  1. furbylla ha detto:

    concordo pienamente. Alla faccia di quei “benpensanti” che sono andati in piazza.
    Buongiorno
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Io non credo esistano dei benpensanti. Penso invece che esistano dei “senza cervello” fascio-stalinisti. Chi è andato in piazza ha mostrato il lato peggiore della Francia, di quella Francia che, per il Diavolo!, la vide protagonista del 68.

    Beppe

    "Mi piace"

  3. mondidascoprire ha detto:

    Io sono una Senza-cervello…
    ma non mi offendo perchè penso onestamente che il punto vero sia che la felicità che ognuno di noi ricerca disperatamente ,non si compri realizzando i progetti che ci vengono in testa, la felicità è qualcosa che noi attendiamo ma non siamo noi a compiere. Anche la nostra vita, prima non c’era e poi c’era, è tutto dato.Ciao

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    “Non i progetti che ci vengono in testa”. L’amore non è roba di testa, non è un pensiero. L’amore è punto e basta.
    Mi spiace che tu sia fra quanti seguono le direttive dogmatiche della chiesa cattolica, perché pensi con la loro di testa e non con la tua.
    E la chiesa ha tradito in toto tutti i messaggi d’amore di quell’uomo che dicono si chiamasse Gesù. Sarà forse per questo che sempre più fedeli si scollano ogni giorno dalla Chiesa?

    Ciao

    "Mi piace"

  5. mondidascoprire ha detto:

    Sbagli a dirmi questo, perché anche tu hai dei pregiudizi su chi la pensa diversamente tacciandolo per razzista. Nelle tue poesia spinte metti bene in evidenzia che il mascolino è fatto per il femmineo.
    Fisicamente è così , ed è così che l’uomo genera la vita. C’è di fatto un’alterazione della natura, che dissocia la mente dal corpo. E’ questa per me una ferita, che si vuole rimuovere dicendo che va bene,ma invece bisognerebbe andare al fondo del disagio che la genera perchè tutti possano vivere al massimo di sè e non riducendo o alterando la natura delle cose.

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Io non ho detto alcunché. Non mettermi in bocca accuse che non ho espresso, e lascia da parte la mia presunta poesia perché non è l’argomento di questo post, tranne nel caso tu voglia fare un processo al blog o al sottoscritto.

    In natura esiste, ed è provato scientificamente, che tante scimmie, ad esempio, hanno rapporti fra di loro pur essendo dello stesso sesso. La scienza ti smentisce e la natura lo fa ancor prima.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Omosessualit%C3%A0_negli_animali

    E’ la natura e se la natura è cosa di dio, oddio! Ma io non mi scandalizzo, io amo la natura in tutte le sue forme perché è vita e amore.

    "Mi piace"

  7. mondidascoprire ha detto:

    Non si possono mettere sullo stesso piano scimmie e uomo.
    Le scimmie non generano civiltà e non sono responsabili di generazioni future di uomini.

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Devo ancora smentirti. L’uomo è solo l’ultimo scalino di quel grandissimo progetto che è la vita sul pianeta Terra. L’ultimo scalino nell’evoluzione.
    Prima dell’uomo, per migliaia di anni sono stati i dinosauri la specie dominante.

    "Mi piace"

  9. mondidascoprire ha detto:

    l’uomo è l’unico che ne ha coscienza e percepisce anche il desiderio di felicità , di eterno e di Dio.
    cia e buona serata

    "Mi piace"

  10. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sbagliato. La scienza ti smentisce ancora. Credi che i dinosauri non sapessero quanto erano forti? Certo, il loro desiderio era diverso da quello nostro. Ma sono stati la specie dominante per molto molto molto tempo più di noi. La nostra storia a confronto della loro è cosa ridicola.

    Dio è una concezione fideistica umana, non v’è infatti alcuna prova concreta e tangibile che un dio sia mai esistito. Se tu riuscissi a portare una simile prova al mondo, poco ma sicuro che riceveresti come minimo il premio Nobel. E neanche di Gesù v’è prova alcuna che sia mai esistito. Non c’è una sola prova concreta a sostegno del fatto che sia mai esistito un uomo chiamato Gesù nato nell’anno Zero, stando al calendario romano-cristiano. V’è invece prova certa che Maometto è realmente esistito. E’ la Storia e la Storia si compone di fatti assodati e certi essendo che è una scienza.

    Ciao e buona serata anche a te.

    "Mi piace"

  11. mondidascoprire ha detto:

    Ma come mai allora anche il tempo moderno si conta dalla venuta di Cristo, tutta la civiltà moderna è nata dal cristianesimo.
    grazie

    "Mi piace"

  12. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ancora sbagliato. Il calendario adottato dal mondo occidentale è un calequendario, null’altro che questo. Hai idea di quanti calendari esistono, sì o no? Tu in quanto occidentale lo pensi, ma per fortuna sulla Terra siamo almeno in 6 miliardi e il tempo non inizia con quella che fu la presunta nascita di Cristo, di cui non v’è prova alcuna. Ma come già detto, se mi porti una prova che Gesù è esistito e che c’è Dio, bene, come minimo il Nobel. Abbiamo però prova che Buddha è esistito, abbiamo prova che Maometto è esistito… etc. etc. Non abbiamo invece alcuna prova che Zeus sia mai esistito, eppure Zeus è stato ha regnato sugli uomini per molto più tempo di quell’uomo che si dice si chiamasse Gesù. Di entrambi non esiste alcuna prova. La culla della civiltà però è nata con Zeus, Giove per Roma. La civiltà, come vedi, è la Storia a dirlo, non è nta con il cristianesimo, adottato da Costantino I. E’ nata con il paganesimo. Sempre è la Storia a dirlo.

    "Mi piace"

  13. mondidascoprire ha detto:

    Esistono le prove che Gesù è vissuto, certo che ci sono.
    Mentre la civiltà greca e romana ha fondato la sua religione nel rapporto con gli dei , che mai si facevano vedere, Cristo è un uomo che è vissuto e che è morto in croce al tempo di Erode e Pilato. Puoi credere che non fosse Figlio di Dio, ed è questa è la domanda cruciale per l’uomo.

    "Mi piace"

  14. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Se esistono, dove sono?
    Saresti la prima persona al mondo a presentarle. Avanti, presentami queste prove sull’esistenza di Gesù.
    Che tu mi dica che eisterebbero delle prove non significa niente per la scienza e per la storia.

    Quello che dici è scritto nei Vangeli che sono stati scritti dopo la presunta venuta e morte di Gesù Cristo. Mai sentito parlare dei Manoscritti di Qumran? Approfondisci se non sai cosa essi siano e cosa contengono soprattutto.

    Non c’è nessuna salma, nemmeno un ossicino piccolo piccolo che provi l’esistenza d’un uomo chiamato Gesù che visse 2013 anni fa, secondo il calendario occidentale. Non c’è una prova, dico una sola prova incofutabile che sia esistito Gesù.

    Dacché è apparso l’uomo sulla Terra, hai idea di quante religioni ci sono state? Il cristianesimo è una delle più giovani. Ma tutte le religioni parlano di un dio e nessuna è riuscita mai a provare l’esistenza di un essere superiore che sarebbe d’ogni cosa il creatore.

    La fede non ti aiuta di certo se vuoi delle prove. La fede, di qualsiasi religione, ti obbliga a credere in questo piuttosto che in quell’altro. La fede non è una scienza, è invece un sentimento cui credere in maniera cieca. Ed è questa la ragione per cui ogni popolo ha la sua di fede, il suo proprio sentimento.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.