Il tempo è denaro. Giampaolo Furlotti intervistato da Iannozzi Giuseppe – Il giallo che si fa politica militante al 100%

IL TEMPO E’ DENARO

GIAMPAOLO FURLOTTI

Il giallo che si fa politica militante al 100%

intervista di Iannozzi Giuseppe

in evidenzaIl tempo è denaro - Giampaolo Furlotti

Il tempo è denaro – Giampaolo Furlotti

Il tempo è denaro
Giampaolo Furlotti

Cicorivolta edizioni – collana: temalibero
ISBN 978-88- 97424-80-2
pagine: 368 – € 15,00

© 2013 – in copertina, illustrazione originale
di Ilaria Grimaldi – (www.ilariagrimaldi.it)

ordinalo senza spese di spedizione

Giampaolo Furlotti su Facebook:

http://www.facebook.com/giampaolo.furlotti

1. Giampaolo Furlotti, “Il tempo è denaro”, tua opera prima pubblicata per Cicorivolta edizioni, è sostanzialmente un giallo, ma con non poche infiltrazioni di satira sociale e politica. Prima di parlare del tuo romanzo, giacché poco o nulla si sa di te, vorresti fornire ai gentili lettori qualche tua indicazione biografica?

Speravo fossero sufficienti le note della terza di copertina. Ma se le dovessi integrare, direi che sono divorziato e ho una figlia che sta (almeno spero) per laurearsi in architettura. Ho giocato a livello agonistico a rugby per 22 anni, e questo è stato molto importante sia per la formazione del mio carattere che delle mie amicizie. Ho cambiato un’infinità di lavori perché non riesco a sopportare la routine e in questo momento faccio il consulente aziendale.

Giampaolo Furlotti

Giampaolo Furlotti

2. “Il tempo è denaro” è un giallo, ma è anche un meccanismo ben oliato di satira che ritrae le tante debolezze e carenze dell’odierna politica. Il MuTamento 5 Frecce, fondato dal comico Michele Trillo, è il movimento sociopolitico nell’occhio del ciclone delle vicissitudini da te narrate. Perché? E tu, Giampaolo, hai mai pensato di poter far parte del M5F?

In realtà Il MuTamento 5 Frecce come tutti sappiamo è stato uno tsunami nel panorama politico italiano. Ha espresso la rabbia di molti connazionali, che non sopportano più l’arroganza con cui siamo governati. E anche per me è stato liberatorio citare per nome qualcuno dei politici che hanno gozzovigliato alle nostre spalle. Per quanto riguarda l’idea di far parte del movimento prevale in me l’idea che potere e denaro corrompano e quindi preferisco un impegno laterale in modo da poter continuare ad avere stima di me stesso.

Cicorivolta edizioni3. Il tuo giallo è anche una sorta di accusa nei confronti di movimenti e partiti politici. Tutti, chi più chi meno, vengono colpiti dai tuoi strali. La satira non è quasi mai fine a sé stessa. Sei dell’opinione che oggi la satira possa svegliare la coscienza degli italiani e invitarli così a sollevarsi contro gli oppressori?

La satira è l’ultimo baluardo della civiltà prima delle barricate. E’ un modo di focalizzare l’attenzione su questioni importanti ridicolizzando persone e comportamenti biasimevoli. In sostanza direi quindi che un po’ di risveglio lo può favorire.

4. Oggi sono in molti a credere, a ragione o a torto, che generi come il giallo, il thriller, il noir possano dare, per così dire, una svegliata al popolo. Qualcuno ha persino parlato di Nuovo Epico Italiano, ma con risultati alquanto risibili, tant’è che un critico come Giulio Ferroni lo ha subito liquidato. Tu, Giampaolo Furlotti, pensi che la nuova letteratura sia quella che viene data in pasto al pubblico attraverso gialli e thriller, con dei ritmi editoriali a dir poco vertiginosi? Nell’età vittoriana accadde qualcosa di simile; in tanti diedero alle stampe romanzi più o meno truculenti, tuttavia il tempo e la critica, per nostra somma fortuna, hanno lasciato a noi posteri ben pochi nomi vivi e attuali. Come te lo spieghi?

Effettivamente l’espansione della superficialità ha un ritmo talmente vorticoso che nemmeno l’elevamento a potenza riesce a ben rappresentarla. Così può capitare che temi delicati debbano essere trattati in modo molto accattivante per suscitare la giusta attenzione. Quasi tutti siamo convinti di avere cose importanti da dire e quindi, facendo leva su questo istinto, l’industria editoriale ne ha fatto un business consentendo la pubblicazione di un vastissimo numero opere. Per legge statistica, solo poche sono superiori alle altre, ma ciò non toglie che qualcosa d’interessante si possa trovare dove non ce l’aspettiamo.
Prima d’iniziare a scrivere il tempo è denaro ho letto molte opere prime di autori sconosciuti, per vedere cosa c’era di apprezzabile e cosa viceversa era decisamente brutto. E’ una cosa che consiglio di fare, perché offre un’opportunità di approfondimento psicologico notevole.

5. Personaggio principale del tuo romanzo è il questore Bergonzi, un 48enne ancora in gamba, che cura il proprio aspetto ma senza esagerare. Soffre di pressione bassa al mattino oltreché di ipotiroidismo. Niente di invalidante. E però la sua vita non è di quelle che si possano dire felici: l’unica donna che ha amato, Letizia, è morta di cancro tanti anni addietro e lui non si è più rifatto una vita sentimentale. Bergonzi dedica la più parte del suo tempo al lavoro, non guarda alle donne, e nonostante siano passati venti anni dalla morte di Letizia, è ancora un vedovo inconsolabile. Giampaolo, perché tutti gli eroi di un romanzo giallo hanno alle spalle un passato tragico, che loro malgrado li spinge a chiudersi in sé stessi, nella solitudine? Non trovi che sia un cliché un po’ abusato questo?

I cliché diventano tali perché riprendono accadimenti osservabili con una certa facilità. Purtroppo oggigiorno in cui il degrado dei valori, esibito con fierezza, sembra diventare un obiettivo per molta gente, sentirsi sempre più soli, si fa quasi inevitabile. Questa solitudine può essere declinata in mille modi e in questo l’autore deve trovare la sua originalità.

6. “Il tempo è denaro” è ambientato a Parma, una città che sol ieri era ricca e fiorente, mentre oggi è ricca di extracomunitari che sbarcano il lunario come possono. I cittadini guardano agli extracomunitari che si arrabattano e non possono fare a meno di pensare che, presto o tardi, uguale destino potrebbe toccare anche a loro. La politica, o meglio i politici corrotti hanno mangiato alla grande e sono rimasti impuniti, e la crisi economica (mondiale) ha fatto il resto. Quali ragioni ti hanno spinto ad ambientare il tuo giallo proprio a Parma?

Parma è stata la roccaforte del M5F (al momento ho un po’ di confusione tra realtà e fantasia), per dirla con Trillo, la sua Stalingrado. Questo avvenimento epocale è stato determinante per la scelta della città. Ma altre caratteristiche di Parma la hanno resa particolarmente adatta all’ambientazione del libro. In particolare quell’essere stata un’isola felice ha reso i contrasti tra il mondo prima della crisi e quanto rimasto dopo particolarmente duri, offrendo all’osservatore un punto di vista privilegiato.

7. Dopo la morte della moglie Letizia, Bergonzi si è gettato a capofitto nel lavoro ottenendo promozioni ed encomi. Poi, dopo lo scandalo nella regione Lazio, a Bergonzi viene ordinato di trasferirsi a Parma. La sua fama è ben consolidata e, forse, con un po’ di ingenuità, crede che a Parma non avrà un granché da fare. E invece, di punto in bianco, muore un certo Baldi, un economista di grido. Parrebbe che Baldi sia morto per cause naturali, così però non è. La testardaggine di Bergonzi svelerà che Baldi è stato fatto fuori ricorrendo a una neurotossina. Per disegnare il personaggio della vittima, hai preso spunto da un personaggio realmente esistito, o hai lavorato di immaginazione punto e basta? A me Andrea Baldi ha dato l’impressione di essere un personaggio che ha molti punti in comune con Marco Biagi, assassinato dalle Nuove Brigate Rosse il 19 maggio 2002.

No, devo contraddirti. Ad ispirare quel personaggio è Enrico Bondi, il grand commis dei governi italiani. Molto freddo, distaccato, disilluso. Marco Biagi, di cui condivido molti pensieri, era un uomo molto più umano. Ha capito che la lotta di classe aveva un senso quando le ricchezze erano divise in modo diverso e i meccanismi democratici molto più labili. Non mi dilungo ulteriormente su questo tema perché nemmeno un libro sarebbe sufficiente per sviscerarlo in modo almeno decente, e non voglio sembrar superficiale.

8. Andrea Baldi era un uomo che piaceva, soprattutto alle donne. Baldi operava un po’ nell’ombra, ciononostante la sua fama era ben conosciuta, era difatti un uomo con le mani in pasta in un po’ tutti gli ambiti politici. A tuo avviso, oggi come oggi, le redini della politica sono in mano a persone come Baldi mentre i politici sono invece delle comparse molto molto ben pagate da noi italiani (italioti)?

Le dinamiche del potere sono assai complicate. Non esiste un potere indiscutibile (se si escludono quelli religiosi, che però spesso non sono tali in senso stretto), prova ne sono i continui rovesciamenti che la storia ci ha sempre mostrato. Si potrebbe addirittura pensare che tanto più sono cogenti, tanto più rischiano di essere rivoltati violentemente. In una democrazia (distorta) questa legge è ben nota a chi governa, che regolarmente baratta concessioni con i sottoposti al fine di mantenersi.
Le leve del potere sono nelle mani di pochi e ristretti gruppi economico/politici, tuttavia anche i politici di più basso livello hanno i loro micro poteri  con cui riescono peggiorare la situazione.
Scherzi a parte, devo dire che i politici, piaccia o no, ci rappresentano e quindi non resta che fare un lungo esame di coscienza.

9. Qualcuno parla di nuovi fascisti, facendo riferimento ai “trillini” di Michele Trillo. Perché? Non sarebbero dunque loro il cambiamento Yes We Can? José Saramago aveva riposto molta fiducia nell’Idv di Antonio Di Pietro, da sempre inviso a un po’ tutte le forze politiche italiane. A tuo avviso, Giampaolo, il M5F si sfascerà come l’Idv?

Chi parla di nuovi fascisti o ha qualcosa da nascondere o è immobile cerebralmente. Nel corso degli anni abbiamo visto tante nuove formazioni politiche alternarsi nel richiedere un profondo cambiamento.  Per restare al recente passato Lega, IDV, M5S oltre a tutti i movimenti locali. Ognuno di essi è crollato non appena è entrato nei gangli del potere.
Purtroppo non credo che M5S sarà diverso. Le primissime avvisaglie si erano avute già quando all’atto dell’insediamento si erano viste mamme recarsi al parlamento con mariti e figli a seguito, lasciando chiaramente intendere che il privato era più importante del pubblico. Ricordare la questione delle diarie mi mette una tristezza infinita.
Credo che le cose possano migliorare solo dopo un profondo mutamento culturale.

10. Qual è stata la genesi di “Il tempo è denaro”? E’ un romanzo che, perlopiù, raccoglie accadimenti anche degli ultimi giorni. Un romanzo scritto in fretta e furia?

Non saprei. Ti è parso scritto in fretta e furia?
Ma colgo l’insinuazione per fare un po’ di pubblicità alla mia attività di consulente. Organizzazione e determinazione possono consentire di bruciare i tempi.

11. Quali sono stati gli autori ai quali guardato e che forse un po’ ti sono venuti in soccorso nel corso della stesura del tuo giallo ambientato a Parma?

Mi chiedi di rivelare segreti scottanti.
In realtà provo parecchio pudore a tal riguardo, ma se proprio devo, direi Il nome della rosa.

12. Tu, Giampaolo Furlotti, hai studiato Economia e Commercio. Nel tuo romanzo la tua cultura in campo economico è ben evidente, e se uno volesse leggere fra le righe sarebbe tentato di dire che la crisi che oggi viviamo potrebbe durare ancora a lungo. E forse potrebbe non finire affatto. Te la senti di sbilanciarti, di proporre una tua ricetta come un vero “trillino” per risanare il Belpaese?

Che la crisi sia destinata a non finire mi pare assolutamente evidente. Basti pensare che la Merkel, facendoci una figura molto migliore di chi ha negli ultimi anni, l’ha regolarmente prevista per fine anno, nel 2011 ha ipotizzato la ripresa dopo il 2015. Ma, ahimè, si sbaglia.
Ci saranno dei sussulti, qualche corsetta in avanti, ma se non cambiano i paradigmi economici, non finirà mai.
Quali debbano essere quest’ultimi, vediamo se i lettori lo scoprono leggendo il libro.

13. Quale potrebbe esser il target ideale di lettori per il tuo “Il tempo è denaro”, trattandosi di un romanzo di impossibile evasione politica?

Spero che possa piacere ai curiosi che non si accontentano delle risposte facili.

14. Esiste od è esistita la letteratura militante? E “Il tempo è danaro” è letteratura militante, e se sì, in che misura?

Esiste, esiste. Da 1 a 10 direi 100.

Giampaolo Fulotti nasce a Parma.
Sono stati nel tempo rinvenuti svariati cadaveri di persone che indagavano sulla sua data di nascita. Anche la sua carriera professionale ha diversi punti oscuri. Sembra che dopo essersi laureato in economia e commercio abbia trovato lavoro presso aziende private iniziando da impiegato per raggiungere la dirigenza ancora molto giovane Ma si tratta di voci che difficilmente chi lo conosce accetta di confermare. è stato consulente di direzione di imprese e banche
fino a quando non ha intrapreso la carriera di trader finanziario.
Per quel poco che è dato sapere, attualmente è consulente aziendale.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, autori e libri cult, casi letterari, consigli letterari, critica, critica letteraria, cultura, editoria, gialli noir thriller, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe consiglia, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, interviste, letteratura, libri, narrativa, politica, promo culturale, romanzi, segnalazioni, società e costume, storia odierna e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Il tempo è denaro. Giampaolo Furlotti intervistato da Iannozzi Giuseppe – Il giallo che si fa politica militante al 100%

  1. Arnaldo ha detto:

    Molto meglio come scrittore che come giocatore di Rugby……..

    "Mi piace"

  2. Marco ha detto:

    Credo che il machiavellismo dei suoi racconti nasca dal gioco delle carte, dove peraltro eccelle !

    "Mi piace"

  3. Sandro ha detto:

    Con le carte non lo so’,ma a sciare e’ un dio…..

    "Mi piace"

  4. Arnaldo ha detto:

    negli anni 70 forse, lo stile e l’abbigliamento sono rimasti agli anni 70 ……

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Se a sciare è un dio, allora direi che vale anche per “Il tempo è denaro”. Tu che lo conosci meglio di me Sandro, accordagli fiducia e leggilo. Ne val la pena sul serio.

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Infatti Giampaolo mischia molto bene le carte in questo poliziesco a sfondo politico, al pari d’un giocatore professionista, e credo sia questo un più che valido motivo per leggere tutto d’un fiato “Il tempo è denaro”.

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Gli anni 70 erano forse non troppo dissimili da quelli di oggi.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.