Lo sparatore Luigi Preiti: “Volevo uccidere i politici” – Iannozzi Giuseppe

Luigi Preiti: “Volevo uccidere i politici”

Iannozzi Giuseppe

Luigi Preiti

Luigi Preiti

Luigi Preiti, 49 anni, originario di Rosarno, in Calabria, viveva in Piemonte, in provincia di Alessandria, da molti anni. Fonti investigative qualificate affermano che, dopo la separazione dalla moglie e la perdita del lavoro, l’uomo sarebbe finito nel giro dei videopoker. L’uomo ha confessato: “Volevo uccidere i politici”.

Luigi Preiti ha raccontato nel corso del primo interrogatorio: “Sono partito sabato sera da Rosarno in treno, non lo sapeva nessuno”. A Palazzo Chigi c’era per compiere quello che ha lui definito “un gesto eclatante”: “Volevo colpire i politici perché non ci aiutano, siamo nei guai e loro non fanno nulla”. Non gli è riuscito di arrivare ai politici e così ha fatto fuoco sui carabinieri. Ha anche precisato: “Non volevo che finisse così”. Forse pentito per aver sparato contro dei carabinieri ha dichiarato: “Mi sarei voluto uccidere”.

A fine interrogatorio ha scelto di non avvisare la sua famiglia: “Ma no, tanto non importa a nessuno di me”.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cronaca, NOTIZIE e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.