Capire la poesia – Iannozzi Giuseppe

Capire la poesia

Iannozzi Giuseppe

bukowskiCercherò di farti capire. Ma la poesia non è logica, è espressione di sentimenti tradotti in metafore, è grattarsi sotto le ascelle o in un altro posto pieno di peli. Quello che intendo dire è che se vai a cercare un significato preciso nella poesia non lo trovi. So di certi gatti matti che credendosi dei passerotti mettono le loro zampe sui fili elettrici e ci rimangono secchi. Ecco, i passerotti possono farlo, i gatti matti no ma sono loro i poeti, quelli che ti daranno un’emozione elettrica, al di là di quel che già conosci e che ti è facile capire.

Il calore che ti dà una bella voce in una canzone non te lo spieghi, però ti piace o non ti piace, per farla facile.
La poesia è pazzia, perché nessuno che sia un po’ sano di mente scriverebbe della poesia quando potrebbe fare mille altre cose, più divertenti e costruttive. Eppure, nel corso dei secoli, tanti hanno scritto poesia con risultati diversi. Se fai arte o se credi d’aver le capacità di creare dell’arte, sei pazzo, non può essere in altro modo. A me i passerotti mi fanno star bene, però mi diverto di più quando incontro un gatto matto che ci prova a imitare un passerotto.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, critica, critica letteraria, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.