Salviamo Report e il diritto di informare

Salviamo Report e il diritto di informare

Come si fa per impedire a un giornalista di indagare e permettere ai cittadini di conoscere la verità?

Milena Gabanelli

Milena Gabanelli

change.org

L’Eni, sesto gruppo petrolifero mondiale per giro di affari che con un atto di citazione di ben 145 pagine accusa Report di Milena Gabanelli di averne leso l’immagine per un’inchiesta del dicembre 2012. Cospicua la richiesta di risarcimento: 25 milioni di euro. Ieri sera anche Alemanno ha annunciato via twitter che querelerà la Gabanelli per il servizio “Romanzo Capitale”.

Chi si sente diffamato ha tutto il diritto di tutelarsi ma è chiaro che in questo caso l’obiettivo è un altro: un palese tentativo di intimidazione. Il termine tecnico è “querele temerarie,” un’azione di sbarramento compiuta nei confronti di un giornalista per dissuaderlo dal proseguire il suo filone di inchiesta. E ovviamente per disincentivare altri cronisti dall’occuparsi dello stesso tema.

Per impedire l’uso di questo strumento intimidatorio il Parlamento ha avviato un lavoro bipartisan nella passata legislatura. Un iter che ovviamente giace ora impolverato nei cassetti di Montecitorio e Palazzo Madama.

Per questo abbiamo lanciato una petizione per chiedere che il nuovo Parlamento voglia immediatamente mettere mano ad una revisione della materia che preveda una sostanziosa penalità nei confronti di chi utilizza strumentalmente questo tipo di richieste, condannando il querelante, in caso di sconfitta in sede giudiziaria, al pagamento del medesimo importo.

“Alla #Gabanelli solo una risposta: querela per diffamazione e risarcimento danni per le menzogne contro #Roma in onda su @reportrai3″. Non ha neanche aspettato la fine della trasmissione il sindaco di Roma Gianni Alemanno. Già alle 22:50 di ieri su twitter cinguettava contro Milena Gabanelli e la sua puntata dal titolo “Romanzo Capitale” in cui si parlava di tangenti, infiltrazioni mafiose, debiti milionari delle municipalizzate.

Dopo Eni ecco che si annuncia l’ennesima “querela temeraria”, stavolta da parte della politica. Cambia il querelante ma non la sostanza: si usa la querela come strumento intimidatorio per impedire ai giornalisti di documentare e ai cittadini di sapere, di conoscere la verità. Contro queste “querele temerarie”, è ora che il Parlamento si pronunci e lo avevamo già chiesto con la petizione che abbiamo firmato in 100mila.

Firma anche tu la petizione:

https://www.change.org/salviamoreport?utm_source=action_alert&utm_medium=email&utm_campaign=22356&alert_id=LTRodQiruP_aETQrHrelX

Stefano Corradino via Change.org

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in comunicati stampa, copia e diffondi, giornalismo, NOTIZIE, notizie italia, politica, querelle, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.