Storie di Primavere (poesie dark) – Iannozzi Giuseppe

Storie di Primavere

(poesie dark)

Iannozzi Giuseppe

dall’archivio privatissimo

dead flowers

Funerali di Stato

Si morì
fra polvere e macerie,
nient’affatto convinti che
la vita un perché
sempre
a portata di mano
o al termine della notte
nascosto

Si morì
schiacciati
dal peso tremendo
della terra
sotto i piedi franata,
nello squasso
delle mura sbriciolate,
delle fotografie care
rovesciate
E non era ancora
la Pasqua

Si morì;
e se qualche sogno
lo nutrimmo,
con noi finì
Si morì
per finire
in un incubo
partorito dal profondo
della terra

Si finì
di essere
senza avere il tempo
minimo di capire
che risate e pianti
più non avrebbero sepolto
albe e tramonti
dentro ai nostri occhi

Crollò infine
il cielo
in Aprile
ai Funerali di Stato

Primavera

Sboccia l’amor a Primavera
Il vino allegro giù va tutto d’un fiato
A tarda notte i canti degli avvinazzati
Il tuo petto eccitato non nasconde
il suo splendore, vien fuori e riempie
il maschio cuore di sentimento
ma del sangue pian piano lo vuota

Così eccitante l’amor
nell’affanno in piedi consumato,
in un angolo costretto e spogliato
In un ritaglio di Luna immortalato

Papaveri rossi

Storia semplice,
due cuori una capanna
E quanti fiori, amor mio
Polline di papaveri
ci sbatte dritti in paradiso
Non credevi, e invece
Quando c’è l’amore
Quando c’è un prato fiorito
e il sole giallo sul rosso,
niente è come sembra, niente

Così bello, giallo rosso viola

Amor mio, amo tutto di te
La pazzia che è mia
e quella che ogni dì
a piccole dosi mi dai

Amo come non ho mai amato
Questi papaveri e il tuo nome
adagiato sul cuore mio peloso

Siam proprio noi
in mezzo ai papaveri commossi

Così veloce

Lo so che questa volta
è per me l’amor qui
raccontato fra stelle
e pazze lune;
e non per finzione

Sento il cuor tuo
batter veloce veloce
come ali di farfalla
sulla fragilità d’un fiore
nella Primavera sbocciato

Per questa semplice bellezza
ho sfidato l’infinito e l’oblio,
incontrando un frammento di Dio
nella tua femminilità che l’ardore
mi perdona

Vecchio e sporco
Scontroso anche, severo
giusto quel poco che basta
perché non sia solo gioco
la tenerezza che mi fa
agli occhi tuoi innocenti
uomo e orso

Il Ritorno

Tace il tuo volto,
tremano le labbra
Facile amare
il primo cane
che bussa alla porta
quando si è odiato
per tanto tempo
partorendo rabbia e dolore
dal fondo
della fine del mondo

Non una virgola
è però cambiata,
eterno ritorno:
poter morire
in primavera,
esser sicuri
che il domani
non sarà più
E’ chiedere la luna
in fondo al pozzo

Età

Una poesia scritta
male
e nella terra
sepolta
Fiorirà
o forse no
con la bella stagione

Per ora riposa,
mio cuore
Della morte,
del gelo alle radici
non ti curare

Giovinezza

Giovinezza
ogni cosa ispira,
bellezza
e morte lampo

Uguale
alla collera di Dio
i passerotti
fa cadere
morti stecchiti
senza un perché

Diciassette

Gli occhi chiuse
per un sonno breve,
dopo una lunga corsa
all’ombra d’un filare
di giovani alberi;
e del domani
non vide più la luce,
né udì il pianto
della pioggia
sulla spoglia bara

Sotto due metri
di profondità,
nel suo grembo
la fredda terra
felice lo accolse

Diciassette primavere,
la frettolosa preghiera
e il segno della croce
del becchino: dalla vita
null’altro ebbe

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, Beppe Iannozzi, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, King Lear, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Storie di Primavere (poesie dark) – Iannozzi Giuseppe

  1. romanticavany ha detto:

    Il sole finisce sempre per succedere alla pioggia.
    Il giorno alla notte.
    Una buona notizia a una cattiva, la felicità all’infelicità…
    Così che ci piaccia o no è la vita.
    Ogni giorno rappresenta un nuovo motivo di speranza…
    ma…. il solo leggerti le speranze le toglie tutte.

    1 ciao ♥ vany

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Bellissima questa tua: “Ogni giorno rappresenta un nuovo motivo di speranza… ma il solo leggerti le speranze le toglie tutte”.

    No, non sono offeso. Tranquilla tranquilliSSima. Per me, quello che hai detto è grosso complimento. Sìsìsì, ed hai ragione, sì, sono paSSopaSSopaSSo. 😀

    Come?
    Solo un ‘ciao’?

    Con un ‘ciao’ solamente potrei diventare indiavolato: 😀

    ♥ ♥ ♥ LeKKatine in gran quantità, Monella. 😉

    orsetto di VaNY

    P.S.: L’ho ricevuta… la sto preparando la 4 mani, non ti preoccupare.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.