L’inferno non avrà i tuoi occhi (2nda parte) – Iannozzi Giuseppe

L’inferno non avrà i tuoi occhi

(2nda parte)

Iannozzi Giuseppe

fulmine

angelo

Un angelo sereno
la Morte
In pace
la tua voce
ascolta
levarsi
ora piano
ora irata
dalla strozza;
e
nella tua stessa
risata
ti seppellisce
Lei
non ride
Si limita
invece
a osservare
L’agonia
La sorpresa
Il terrore
di chi pensava
non potesse accadere
proprio a lui

Un angelo
la Morte
Non conosce lei
la preghiera
né il cimitero
dove
i mortali
pensano
di poterle
dare casa

Angelo libero
Angelo sereno
per terra
per mare
o altrove
ma sempre
in ogni dove
presente
eternamente

un morente

Tu
che conoscesti
il pregiudizio
oggi
a mani giunte
vieni,
e da me pretendi
il perdono
perché
gli anni severi
hanno straziato
carni e pensieri
In sincerità
ti dirò
che non vedo
un motivo
valido
o una convenienza
zoppicante
perché debba io
riesumare
il passato
e storpiarlo
con borotalco e belletto

Ora va’!
Non sciupare
oltre
i giorni
che
ti restano
seppur d’ombra
– come
scimmie di dispetti

in tribunale

se più conveniente
la morte
o l’incancellabile inimicizia
solo il tempo
vindice portatore di giudizio
ma sempre
con un margine
d’insicurezza

così è


metti nel carrellometti nel carrello

Angeli Caduti - Beppe Iannozzi - Cicorivolta edizioniAngeli caduti
Beppe Iannozzi
Cicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-56-7
pagine: 230
© 2012
prezzo: € 13,00

acquista dall'editore ''Angeli caduti'' di Beppe Iannozzi (Giuseppe Iannozzi)

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, Beppe Iannozzi, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, King Lear, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a L’inferno non avrà i tuoi occhi (2nda parte) – Iannozzi Giuseppe

  1. 'cabra ha detto:

    così è
    .

    Mi piace

  2. Pingback: L’inferno non avrà i tuoi occhi – Iannozzi Giuseppe | Iannozzi Giuseppe aka King Lear

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Preghiamo. 😀

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Dovremmo pagare… cioè pregare per tutte queste povere anime perse. Non trovi? 😉

    Mi piace

  5. 'cabra ha detto:

    Hai detto giusto. Pagare. Che con le preghiere si puliscono la coscienza solo i santi. A noi no, ci tocca scontare ogni colpa, figurati, anche quelle che non abbiamo. Ma come direbbe una brava donna pia: Cristo da’ la croce a chi la può portare. Ti assolvo 😉

    Mi piace

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E i santi, dacché mondo è mondo, son stati tutti immondi e forse solo uno si salva, San Francesco d’Assisi. Frank Zappa si salva di sicuro perché è un santo non-santo, per cui vicino al Cielo e all’Inferno in egual modo, insomma un proto-signore.

    A noi ci fan scontare tutte le colpe, soprattutto quelle che non abbiamo mai commesso, mentre chi ruba delinque e ammazza diventa un eroe popolare. E pensare che ieri, che sol ieri si scrivevano indignate pasquinate. Oggi invece si tace.

    Io mi rifiuto, non la porto la croce. La sbatto addosso a farisei ed ebrei allo stesso modo. Ci provino a crocifiggermi.
    Mi assolvo da solo perché sono al di sopra di ogni inventato dio. Gli dèi sono invenzioni dell’uomo per giustificare le loro colpe, null’altro che questo.

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.