Franco Battiato. La grandezza di parlar chiaro – Iannozzi Giuseppe

Franco Battiato. La grandezza di parlar chiaro

Iannozzi Giuseppe

Franco Battiato

Franco Battiato

Da Bruxelles, Franco Battiato: “Stiamo lavorando bene. Il presidente Rosario Crocetta ha avuto un’idea formidabile, quella di scegliere dei non politici per gli assessorati. E ci siamo trovati come se fossimo stati sempre amici. Ho visto parecchie volte il presidente della Regione siciliana fuori il Palazzo affrontare precari incazzatissimi e trasformare il problema in soluzione. Crocetta è un uomo che ama i semplici, i deboli, lavora per questa gente. Crocetta non si può escludere da un momento all’altro perché ha consenso popolare, ha un grande favore popolare in costante crescita… non mi sono pentito di avere accettato questo ruolo, molto lontano dal mio percorso. Ho accettato la mia carica pur sapendo che dovevo fare un tour italiano ed europeo molto lungo. Mi occuperò di letteratura, danza d’avanguardia, cose che innalzano lo spirito dell’essere umano che sta vivendo un momento terribile. Ci sono troie in giro in Parlamento che farebbero di tutto, dovrebbero aprire un casino”.
Franco Battiato fa poi il punto sui grillini: “Anche i grillini stanno aiutando, anche se ultimamente sono uscite due tre cose penose che è meglio non affrontare qui… il M5S, col successo che ha avuto, deve indicare qualcuno con cui trovare un accordo per portare a casa quelle tre-quattro leggi che possono cambiare le cose. Ho già detto che per me il 75 per cento dei politici dovrebbe andare a casa, ma ci sarà pure un 10-20 per cento della sinistra non troppo compromesso con cui si può parlare, lontano da un certo tipo di politico italiano”. Qualcuno gli chiede se il “modello Sicilia” funziona: “Ho considerato l’arrivo dei grillini un dono da ogni punto di vista. Non ho mai avuto a che fare con Cancelleri, con lui solo un saluto veloce. Ma ho incontrato molti dei ragazzi deputati, li ho conosciuti durante le riunioni, mi pare che abbiano fatto bene. Si sono ridotti lo stipendio, io lo devolvo integralmente ogni mese, sicuro che l’onestà vinca su tutto. Ma è presto, per tirare le somme. Prima di vantarsi, bisogna arrivare a conclusioni serie. Ognuno è responsabile del proprio destino, quello che sta succedendo in Italia è una profezia biblica: parliamo la stessa lingua ma non ci intendiamo. Quest’Italia da una parte fa schifo, è inaccettabile, servi dei servi dei servi. Almeno noi siamo onesti, anche se io non mi intendo di politica”.

Si scandalizzano, ovviamente, Pd e Pdl, Laura Boldrini (Pd) e Daniela Santanchè (Pdl) per prime. Ma anche Sonia Alfano (Idv) e la solita signora, il peggior ministro del Lavoro che l’Italia abbia avuto, Elsa Fornero, non possono non scandalizzarsi. Come da copione. Del ben articolato e lungo discorso di Franco Battiato, le Signore hanno saputo cogliere una sola singola frase per dirsi scandalizzate. Va da sé che Alessandra Mussolini ha subito attaccato Franco Battiato chiedendo le sue dimissioni; ma la Mussolini non fa più testo, oggi come oggi.

Franco Battiato
replica: “Prendo atto con dispiacere che il senso della mia frase, che ovviamente si riferiva a passate esperienze politiche caratterizzate da una logica da mercimonio offensiva della dignità delle donne, sia stato travisato e interpretato come una offesa al Parlamento attuale, per il quale ho stima, o per le donne, o addirittura riferibile al parlamento europeo. Era evidente che il riferimento era a passate stagioni parlamentari che ogni italiano di buon senso vuole dimenticare. Stagioni caratterizzate dal malaffare politico, dal disprezzo per le donne e per il bene pubblico. Dispiace, altresì, prendere atto che dopo un’ora e mezza di conferenza in cui abbiamo raccontato quello che stiamo facendo per ridare dignità e speranza alla Sicilia, sia passata una singola frase che ovviamente non poteva essere riferibile all’attualità”.

Dovremmo ringraziare il cielo, e non solo, di avere un uomo come Franco Battiato che parla chiaro, un cantautore come pochi al mondo, un uomo di ineguagliabile statura culturale e intellettuale; ed invece i politicanti italiani che fanno? Gli sparano contro. Come da copione. Povera Patria.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in dichiarazioni, editoriale, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, NOTIZIE, notizie italia, politica, politici, querelle e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Franco Battiato. La grandezza di parlar chiaro – Iannozzi Giuseppe

  1. Furbylla ha detto:

    il parlar chiaro non implica la cafonaggine e la maleducazione e la pochezza e la ricerca de sensazionalismo. mi meraviglio che tu appoggi certe frasi e sappiamo quale.
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Cafonaggine? Maleducazione?
    No, non ravviso niente di tutto ciò nel discorso di Franco Battiato.
    Sarebbe ben ora di finirla con certi falsi moralismi, uguali tanto a destra quanto a sinistra e al centro: vogliamo parlare delle ruberie immonde che certi politici hanno operato a tutto danno dei poveri italiani e che sono… sono a casa, e dove sennò, a casa, agli arresti domiciliari. Gli hanno dato il premio perché hanno rubato milioni di Euro, mica centesimi.

    C’è bisogno di parlar chiaro e di dire le cose come stanno usando i termini giusti.
    A me indigna che di tutto il discorso di Battiato, le Signore abbiano colto una sola e singola frase infischiandosene altamente di tutto il resto. E’ QUESTO IL VERO SCANDALO.

    Ma se vuoi una risposta più poetica ma non per questo meno veritiera e più che mai giusta, ti lascio rispondere da Fabrizio De André:

    Tentò la fuga in tram
    verso le sei del mattino
    dalla bottiglia di orzata
    dove galleggia Milano
    non fu difficile seguirlo

    il poeta della Baggina
    la sua anima accesa
    mandava luce di lampadina
    gli incendiarono il letto
    sulla strada di Trento

    riuscì a salvarsi dalla sua barba
    un pettirosso da combattimento

    I Polacchi non morirono subito
    e inginocchiati agli ultimi semafori
    rifacevano il trucco alle troie di regime
    lanciate verso il mare

    i trafficanti di saponette
    mettevano pancia verso est
    chi si convertiva nel novanta
    ne era dispensato nel novantuno

    la scimmia del quarto Reich
    ballava la polka sopra il muro
    e mentre si arrampicava
    le abbiamo visto tutto il culo

    la piramide di Cheope
    volle essere ricostruita in quel giorno di festa
    masso per masso
    schiavo per schiavo
    comunista per comunista

    La domenica delle salme
    non si udirono fucilate
    il gas esilarante
    presidiava le strade
    la domenica delle salme
    si portò via tutti i pensieri
    e le regine del ”tua culpa”
    affollarono i parrucchieri

    Nell’assolata galera patria
    il secondo secondino
    disse a ”Baffi di Sego” che era il primo
    si può fare domani sul far del mattino
    e furono inviati messi
    fanti cavalli cani ed un somaro
    ad annunciare l’amputazione della gamba
    di Renato Curcio
    il carbonaro

    il ministro dei temporali
    in un tripudio di tromboni
    auspicava democrazia
    con la tovaglia sulle mani e le mani sui coglioni
    voglio vivere in una città
    dove all’ora dell’aperitivo
    non ci siano spargimenti di sangue
    o di detersivo
    a tarda sera io e il mio illustre cugino De Andrade
    eravamo gli ultimi cittadini liberi
    di questa famosa città civile
    perché avevamo un cannone nel cortile

    La domenica delle salme
    nessuno si fece male
    tutti a seguire il feretro
    del defunto ideale
    la domenica delle salme
    si sentiva cantare
    quant’è bella giovinezza
    non vogliamo più invecchiare

    Gli ultimi viandanti
    si ritirarono nelle catacombe
    accesero la televisione e ci guardarono cantare
    per una mezz’oretta
    poi ci mandarono a cagare
    voi che avete cantato sui trampoli e in ginocchio
    coi pianoforti a tracolla travestiti da Pinocchio
    voi che avete cantato per i longobardi e per i centralisti
    per l’Amazzonia e per la pecunia
    nei palastilisti
    e dai padri Maristi
    voi avete voci potenti
    lingue allenate a battere il tamburo
    voi avevate voci potenti
    adatte per il vaffanculo

    La domenica delle salme
    gli addetti alla nostalgia
    accompagnarono tra i flauti
    il cadavere di Utopia
    la domenica delle salme
    fu una domenica come tante
    il giorno dopo c’erano i segni
    di una pace terrificante
    mentre il cuore d’Italia
    da Palermo ad Aosta
    si gonfiava in un coro
    di vibrante protesta

    beppe

    "Mi piace"

  3. romanticavany ha detto:

    Sono allibita!!
    Ma, come sono gli Italiani all’estero sempre a parlare male di questo o di quello, mai a difendere la gente del nostro paese.
    Per me questo stoccafisso di nome Battiato è un povero ignorante vestito da parlamentare che soffre di manie di grandezza e si permette di offendere.
    Da che mondo è mondo in parlamento e nelle istituzioni, ci saranno pure state prostitute sia in quelle recenti e sia in quelle antiche…. ed anche in ogni parte della terra;non a caso a suo tempo Gesù perdonò Maddalena.
    Ma poi, come si permette costui? Le sue canzoni sono lagne che mettono noia e mi fanno cambiare canale; al sol vederlo capisci che non è una mente eccelsa, né un cantautore raffinato, penso che certe persone debbano rimanere nel loro ambito ed in questo caso nel suo cesso di casa.
    Battiato sei un idiota propongo la tua evirazione! !!!Perché penso che nessuna donna ti abbia mai voluto mai e poi mai,e mai ne troverai una per sopportarti e coccolarti, forse per fregarti i soldi si.. è questo il motivo la rabbia che porti verso le donne. e mi ripeto…ma come sono certi Italiani all’estero sempre a parlare male di questo o di quello, mai a difendere il nostro paese
    Dolce serata King.
    ‘Notte ♥ vany

    "Mi piace"

  4. Furbylla ha detto:

    se i termini giusti son questi vuol dire che la volgarità impera ,,come il degrado e lo vediamo ogni giorno certe esternazioni le usi nella cucina di casa sua in quella situazione rappresenta il popolo italiano lo faccia come deve essere fatto e poi ci lamentiamo di cosa è questo paese.Ripeto parlar chiaro non è essere dei cafoni
    cinzia

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non codivido niente di quello che hai detto, Vany. Proprio niente.
    Sarebbe ben ora che si parlasse dei problemi dell’Italia, anziché continuare a nasconderli sotto lo zerbino di casa facendo finta che non ci siano.
    Basta con il falso moralismo.

    Bene, anzi male: ti assumi tu tutte le responsabilità per come hai definito Franco Battiato. Alle volte dovresti davvero stare molto attenta a come usi le parole e in quale contesto. Temo tu non sappia neanche chi sia Franco Battiato. Anzi, senza il condizionale: tu non lo sai chi è Battiato, indi per cui portare dei giudizi così infamanti su di lui, lascia a me allibito.

    L’impero romano, per quanto grezzo e barbaro fosse, aveva più dignità del nostro sistema governativo.

    Di Gesù puoi averne fede, tu, perché ci credi e io rispetto altamente la tua fede. Ma non me ne puoi parlare in termini storici. Solo in termini fideistici, giacché non esiste un solo straccio di prova che sia mai esistito un uomo chiamato Gesù, storicamente e scientificamente parlando. Non v’è prova alcuna che un uomo di nome Gesù abbia mai calpestato questa terra. Rispetto la tua Fede, ci mancherebbe altro, però non parliamo di Gesù come di un personaggio storico perché non lo è. E’ un personaggio della Fede, ed è un po’ tanto diverso.

    La lagna per me altra cosa.
    Non stiamo parlando della musica di Battiato.
    Non lo ascoltare.
    Io, per mio, evito di ascoltare le Spice Girls e tanta altra robaccia così. Ma rimaniamo nell’ambito dei gusti musicali. E qui non si sta parlando di musica e di gusti musicali, bensì di tutt’altro, ragion per cui, attaccare Battiato per le sue canzoni, che a te non piacciono, per convalidare il tuo punto di vista soggettivo è, come dire, davvero molto poco cristiano.

    Sta’ tranquilla, Vany. Battiato ha una gran bella vita sentimentale.

    Tutte le dichiarazioni che hai fatte qui, cara Vany, sono tue. Io dalle tue parole mi disgiungo nella maniera più netta. Spero che ti sia chiaro. Giacché le hai fatte simili dichiarazioni, te ne assumi la piena e totale responsabilità, come è giusto che sia.

    Beooe

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Cinzia, cosa è la cafonaggine per te?
    Parlare chiaro è dire le cose come stanno, anche usando termini un po’ forti. Ma quali termini forti, poi?
    A ME FA PAURA CHE DI TUTTO QUELLO CHE HA DETTO BATTIATO UNA SOLA PAROLA, UNA SOLA PAROLA, UNA SOLA PAROLA, UNA SOLA PAROLA E’ STATA RECEPITA: TROIE.

    Porca miseria, ma tutto il resto, diavolo boia, l’abbiamo sentito, l’abbiamo letto?
    No.
    Impuntiamoci sulla parola, perché il perbenismo ipocrita imperante vuole così, a destra a sinistra al centro, etc. etc. E non parliamo dei problemi e delle soluzioni che eppure Battiato ha evidenziato e lungamente.

    Giusto, parliamo della parola troia.

    Povera patria.

    beppe

    "Mi piace"

  7. romanticavany ha detto:

    Quanto sei polemico King. è proprio vero il detto:” i diritti sono dei padroni e i doveri dei coglioni”.Ed il Signor Battiato non ha nessun diritto solo dei doveri.
    HA SBAGLIATO, nella vita bisogna essere diplomatici , sai come dice il proverbio :” Meglio in vita un complimento che da morti un monumento.
    Essere gentili ed onesti ed educati, avere rispetto per la carica che si porta è sempre bene.
    E tu perché t’arrabbi stai calmino non credere di ricevere medaglie perché tu meglio di me e Cinzia credi di saper leggere i contenuti . 😉
    CIAO CINZIA!!
    Bounjour!! ♥ vany

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non sono polemico, sono per il giusto che è cosa diversa.
    Nessun uomo ha solo doveri, tutti gli uomini hanno prima i loro imprescindibili diritti.

    La diplomazia è buona ma fino a un certo punto: se vedi che il Titanic sta affondando, per salvare i passeggeri io credo proprio che un capitano urlerebbe e imprecherebbe pur di salvare quante più persone possibile, e non starebbe certo come a un the a dire, “signorina, signore, se vorrete avere la grande bontà di attendere che mi dia una spazzolata ai baffi e che vostra consorte, di grazia, etc. etc. …”.

    Lo sbaglio è estrapolare una singola parola per tralasciare tutto il resto, cioè la vera sostanza del discorso.

    Io odio le medaglie. E non scherzo affatto. Dovresti saperlo oramai. Medaglie e bandiere servono solo ai politici diplomatici per nascondere meglio i cadaveri degli uomini che hanno spedito in guerra a farsi massacrare.

    Bonjour, Amoruccio mio. ♥ ♥ ♥
    Come penitenza ti becchi una canzone di Franco Battiato, così forse imparerai un poco a conoscerlo. 😉 Chi può dirlo, magari ti piacerà pure. E sennò pazienza.

    Franco Battiato feat. Cristina Scabbia – I’m That (Live)

    Uè, qui manca la leKKatina, Cucciolotta mia bella. Voglio la leKKatina vanytosa e non dire che sono in punizione. 🙂

    bacetti e leKKatine

    orsetto di Vany

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.