Cherry Lips – poesie d’amore e contro la violenza – Giuseppe Iannozzi

Cherry Lips

Giuseppe Iannozzi

Dall’archivio privatissimo perché non ce l’ha solo lui…
e chi ha orecchi per intendere intenda. – g.i.

microfonoLeggi anche l’intervista collettiva a Giuseppe Iannozzi autore di ”Angeli caduti” (Cicorivolta edizioni)

redlips

Preghiera per il Padre

Mi sveglio ancora
Ancora
nel cuore della notte
con il petto tremante
e la voce strozzata
che dalla gola
non se ne vuole dipartire
Mi sveglio ancora
come presa sotto
da zoccoli di cavalli in corsa

Mi sveglio ancora,
Padre
Non te l’avevo detto,
ma io sì, mi tormento
e il tuo volto estraneo
m’appare, lo posso toccare,
lo posso sentire sotto il calore
della mia pelle ch’era d’agnello
e che tu hai offeso
fino a farti odiare

Mi sveglio ancora
Ti ho davanti, Padre
E le vedo quelle tue mani
grandi come badili mulinare
E lo sento il dolore
di Lei che vola
più leggera d’una farfalla
per baciare infine il duro
pavimento
E le sento ancora vive
e vive più di ieri
le carezze della mamma
a calmare i miei singhiozzi,
e lo sento quel suo pianto muto
sul volto devastato preoccupato
di non vedermi piangere per lei

Padre,
non chiedermi di perdonarti ora
Posso solamente fare quello che sento,
restarti accanto fino all’ultimo istante
E poi continuare per la mia strada,
ogni giorno cercando
d’allontanare il tuo spettro
uguale a interminabile attacco di panico

Padre,
sono stata tua figlia:
ho visto
e non ho dimenticato
che c’eri solamente
per far del male
a me e alla mamma
Ma tu, Padre,
tutto questo
tu non l’hai capito mai
Così questo tuo non capire
ti auguro sia il rimorso ultimo
che per sempre seppellirà
l’ignoranza del corpo
e dell’anima che non hai

Così sia

Cherry Lips

L’hanno cantato
Lo spettacolo deve andare avanti
Ma io no, io non m’arrendo all’idea
e metto le pallottole in canna
Oh Cherry Lips, ho già pronta la pistola
e in testa un lungo lungo tunnel nero

Non mi pensare sentimentale
Ho già visto tutto questo
– le Porte della Percezione
e il vecchio Dulouz piangere
Niente mi può oramai portare
a farmi il fegato
di dolcezza o di fiele
Certo è stata una sorpresa
scoprire una mosca nel whisky
proprio nel momento
che credevo d’aver tutto vinto
Non ci farò però su una malattia
Ha la pistola voce tonante
più forte cento volte della mia

Oh Cherry Lips, tu ami tante cose:
lo sciroppo d’acero e quello di ciliegie,
il caffè caldo per svegliarti al mattino, il sole
e le stampe giapponesi di fiori, samurai e geishe,
e ami pure milioni di petali,
milioni di petali di ciliegio sulle onde del vento
Tu sì, ami molte cose
E forse hai ragione,
non avrei il coraggio di metterti in ginocchio
con un colpo: nonostante tutto il dolore
rimani pur sempre la bimba che ama,
che troppo ama vivere e tradire i sogni miei
Così non ti preoccupare, ho già scritto a ma’
perché quando non mi vedrà più
mi riservi un posto accanto a pà

Sono al di là dell’amore
Sono nel dolore, uomo d’onore;
l’amore non compra amore,
ma i danari sì, basta averne tanti
Così sono oltre l’amore,
forte abbastanza per aprirmi un tunnel
nero e cieco da tempia a tempia,
e debole abbastanza da perdonare
quelle tue labbra rosse, di ciliegia

Ti perdono ogni cosa di oggi, di domani
Non disperare per me, il caffè l’avrai domattina
come sempre: solo saranno altre mani a farlo
e saranno altre labbra a incontrare il tuo sorriso

Lo spettacolo deve andare avanti
Ma io no, io non m’arrendo all’idea
e metto le pallottole in canna

Oh Cherry Lips, temo che…
ci sia una furtiva lagrima sul viso

Vieni come sei

Come incesto
a cielo scoperto
la felicità:
la vogliono tutti,
e tutti ne hanno paura
In fondo in fondo
siamo noi
vittime del futuro
che ci attende
oltre l’orizzonte
che i nostri stessi occhi
hanno segnato

Se avessi ori in abbondanza
ti comprerei felicità
e saresti tu felice,
coccolata
da fiumi di vodka e borotalco,
e dalla stanchezza d’un uomo
che ama
e amore non può avere
E se la violenza del mondo
imponesse un giorno ragione
su te, sul tuo bel corpo bianco
puro come petalo
dal vento strapazzato
per qui e altrove,
finalmente
quell’uomo capirebbe
che ci ha provato pure lui
al pari di tanti altri
a vender la Terra
al primo alieno di passaggio

Capirebbe d’esser
caduto in errore,
di non aver ancora abbastanza
per poter comprare te,
per prendere l’anima tua in blocco
e di dosso sciogliersi la stanchezza

Piangi per me

Piangi
Piangi quanto ti pare
Non sei la mia storia d’amore
Non sei tu la spina nel fianco

Piangi
Piangi perché mi piace saperti nel dolore
Piangi più forte
Non risparmiare gli occhi
Piangi finché non avrai più lacrime
Piangi
& piangi ancora, con occhi aridi
svuotati d’ogni umore
Piangi, non voglio sentire storie

Non ho bisogno di baci,
né delle tue mani nelle mie
Non sei il mio amore
Non sei altro che acqua e sale
che poi vien la pioggia e porta via
Non sei la canzone del mio jukebox,
né la beffa e la sberla del dolore
Sei solamente una fra tante
Puoi solo fare una cosa per me,
continuare a piangere

Puoi solo continuare a piangere
Non c’è altro
che m’interessi in questo momento

Immagina il tuo funerale e il mio
Immagina due casse da morto
che vengono ricoperte di terra;
e immagina tutti a ridere di noi,
di come l’abbiamo buttata via la vita
Non ti sembra abbastanza?

Piangi
& piangi ancora, con occhi aridi o no
L’importante per me è vederti piangere
Chi lo sa se ti stancherai mai
di morire ogni giorno un po’… chi lo sa!

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, attualità, Beppe Iannozzi, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Cherry Lips – poesie d’amore e contro la violenza – Giuseppe Iannozzi

  1. tuA ha detto:

    porca miseria Beppe… suppongo siano testi di canzoni…ma tu la pensi come Cherry Lips?

    "Mi piace"

  2. furbylla ha detto:

    “quadri” crudi dell’animo umano , delle sue bassezze dei suoi limiti. Molto belle
    cinzia

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, direi di sì. Soprattutto la prima che è una chiara accusa contro la violenza che purtroppo tanti padri-padroni adoperano contro le figlie.

    beppe

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Io non la penso come Cherry Lips. Io mi limito a raccontare delle storie altrui.
    No, non sono canzoni.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.