Esercizi sulla madre di L. R. Carrino (PerdisaPop): Litania inutile lunga e noiosa – recensione di Giuseppe Iannozzi

Esercizi sulla madre di L. R. Carrino

Litania inutile lunga e noiosa

Giuseppe Iannozzi

Esercizi sulla madre

Esercizi sulla madre

Esercizi sulla madre di Luigi Romolo Carrino è una lunga lunga e noiosa litania, nulla di più nulla di meno. Una litania che sfrutta l’abusato cliché del gioco di specchi, di sovrapposizioni verbali e psichiche.
Un uomo è fra le mura d’un manicomio. Il motivo non lo sa, sa soltanto che la sera del 27 febbraio 1976 sua madre, uscita per fare la spesa, non è più tornata. Nel giro di dieci ore, Giuseppe, che adesso è un uomo bell’e fatto ma fuori di testa, cerca di ricostruire quello che accaduto trent’anni prima, quand’era solo un soldino di cacio, innocente agli occhi della società e di Dio. Polaroid sfocate su altre polaroid, quadri, lacerti di pensieri (perlopiù incoerenti), per dar voce a dieci dèmoni, a dieci madri che dicono la loro mentre Giuseppe, un po’ bambino un po’ uomo, poco a poco ricostruisce gli accadimenti della sua vita, di lui, il non amato.
Giuseppe cerca delle giustificazioni per sé, per la madre: non ne trova. Lui è colui che dalla madre non è stato amato, perché lei, la madre, era troppo impegnata a cercarsi un compagno, il quale, puntuale come un orologio svizzero, ogni volta finiva con l’abbandonarla. L’abbandonava perché un uomo non può amare, non sul serio, una donna che ha già un figlio: “Ogni volta che un uomo ti ha lasciata io sono diventato la causa delle tue cose assenti, delle tue mancate presenze. […] Tu sei la madre sanguinosa che mi ha scannato di infanzia in infanzia…”.

Perdisa POP editoreNella sua prigione manicomiale, Giuseppe, dopo dieci ore, dopo dieci incontri con i dèmoni-madre, finalmente, vestirà i panni della madre chiamandosi Gioia e Follia: “Spruzzo l’alcol sulle lenzuola. […]  L’odore della tua carne mi sale nelle narici. Salti nel letto avvolta in una rossa lingua voluttuosa. Accovacciato in un angolo, ti butto altro alcol addosso e tu sbatti il corpo come un serpente arso vivo.”
Sono le madri che uccidono i figli non donando loro amore, o tutt’al più un amore invalido? O sono piuttosto i figli che, rimbambiti da cartoon e caroselli in tivù, finiscono col credere di non essere amati?
Sia come sia, Esercizi sulla madre, a ben vedere, è un esercizio più stilistico che non doloroso: Carrino è lontano anni luce da quella perfetta infanzia sanguinosa che Michele Mari seppe ritrarre in maniera mirabile in Tu, sanguinosa infanzia (Mondadori, 1997), e, purtroppo, neanche gli riesce di sfiorare quella fine del mondo di quel bambino che la sognava grazie alla sapiente penna di Antonio Scurati.

Rimane giusto una punta d’amaro in bocca: da un autore qual è L. R. Carrino ci si sarebbe davvero aspettati un lavoro migliore

Esercizi sulla madre – L.R. Carrino – PerdisaPop – collana Corsari –  Isbn 978-88-8372-589-0 – pagine 168 – prezzo € 15,00

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, critica, critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, Iannozzi Giuseppe sconsiglia, letteratura, libri, narrativa, promo culturale, recensioni, romanzi, società e costume, stroncature e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Esercizi sulla madre di L. R. Carrino (PerdisaPop): Litania inutile lunga e noiosa – recensione di Giuseppe Iannozzi

  1. Felice Muolo ha detto:

    Qualcuno prima o poi ti strozza.

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Rischi del mestiere.
    Non intendo assolutamente dire che qualcosa è bello quando, secondo il mio metro di giudizio, non lo è.
    La mia critica l’ho esposta e ho portato argomenti, non aria fritta.

    Il critico deve essere onesto con sé stesso e con il pubblico: l’onestà prima d’ogni altra cosa, o non c’è cultura.

    "Mi piace"

  3. L. R. Carrino ha detto:

    grazie assai per l’attenzione. dispiaciuto che il romanzo non ti sia piaciuto. al prox lavoro 🙂
    luigi

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Al prossimo, sì, certo.

    giuseppe

    "Mi piace"

  5. Pingback: Esercizi sulla madre di L. R. Carrino. Litania inutile lunga e noiosa – recensione di Giuseppe Iannozzi |

I commenti sono chiusi.