I bamboccioni voodoo di Marco Candida (Historica edizioni) – recensione di Giuseppe Iannozzi

I bamboccioni voodoo di Marco Candida

Giuseppe Iannozzi

Bamboccioni Voodoo – Marco Candida

Bamboccioni Voodoo – Marco Candida

Historica edizioni

Marco Candida

Probabilmente la dimensione più congeniale a Marco Candida è quella del racconto breve, o brevissimo, come ben dimostra questa sua raccolta di racconti, Bamboccioni Voodoo (Historica edizioni). Va da sé che Marco Candida non è John Cheever né Stephen King (autori omaggiati da Candida con almeno tre racconti, “Cheever’s – pag. 6”, “The Mist – pag. 45”, “Per un abbraccio a Stephen King – pag. 67”), ma ciò non toglie che l’autore riesca a inquadrare bene l’attuale stato sociale e il momento storico in cui viviamo. Speranza ridotta al lumicino, fede fantasmatica, disillusione ostinata e però precaria: in Bamboccioni Voodoo c’è una polaroid che fotografa una società disumanizzata, di uomini (ancora in vita) che si decompongono per un’autodistruzione non procrastinabile, oltreché a diversi personaggi, loro malgrado, affetti da elefantiasi lovecraftiana e letteraria.

La scrittura di Marco Candida, talvolta aritmica, in bilico fra il surrealismo di Raymond Queneau e il bombardamento mediatico di cui sono intrisi i migliori romanzi di Douglas Coupland, solleva nel lettore, sia esso occasionale o meno, inquietanti e importanti interrogativi; viene dunque naturale chiedersi chi siamo noi in realtà, verso e in quale ‘dove’ la moderna società sta fossilizzandosi; e ancora: è più abominevole e fittizio il grande vecchio sacerdote Cthulhu, o siamo piuttosto noi nevrotiche profezie prigioniere d’un folle quanto fallimentare Necronomicon? Sia come sia, Bamboccioni Voodoo non propone facili soluzioni, anzi è più giusto dire che non ne propone affatto: Marco Candida non veste difatti l’abito dell’arabo pazzo Abdul Alhazred, nonostante lasci a intendere, fra le righe dei suoi racconti, che (forse) “non è morto ciò che può attendere in eterno, e con strani eoni può morire anche la morte”.

Il blog di Marco Candida

http://marcocandida.altervista.org/blog/

Bamboccioni Voodoo – Marco Candida – 1ma edizione, 2012 – Historica edizioni – ISBN 9788896656525 – € 14,00

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, consigli letterari, critica, critica letteraria, cultura, editoria, fiction, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe consiglia, letteratura, libri, libri di racconti, narrativa, promo culturale, recensioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a I bamboccioni voodoo di Marco Candida (Historica edizioni) – recensione di Giuseppe Iannozzi

  1. Felice Muolo ha detto:

    Preciso e diretto, bravo Beppe. Auguri a Marco.

    "Mi piace"

  2. tuA ha detto:

    Marco Candida (ma come l’infezione vaginale????) non lo conosco e certo la tua recensione non aiuta…

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Che dire?
    Forse non è un libro che possa interessarti.

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Auguri anche da parte mia.

    "Mi piace"

  5. Marco Candida ha detto:

    “Probabilmente la dimensione più congeniale a Marco Candida è quella del racconto breve, o brevissimo”

    Per la serie: meno scrivo, meglio è?

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    “Per la serie: meno scrivo, meglio …”: non ho detto questo, caro Marco. Ho invece detto che i tuoi sono racconti molto ben scritti.

    ciao

    beppe

    "Mi piace"

  7. Marco Candida ha detto:

    Ti ringrazio.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.