BABY BLUES – Giuseppe Iannozzi + promo ”Angeli caduti” e ”D’Amore 4”

BABY BLUES

Giuseppe Iannozzi

Dall’archivio privatissimo perché non ce l’ha solo lui…
e chi ha orecchi per intendere intenda. – g.i.

baby blues

baby blues

metti nel carrellometti nel carrello

angeli_caduti_giuseppe-iannozziAngeli caduti
Beppe Iannozzi
Cicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-56-7
pagine: 230
© 2012
prezzo: € 13,00

acquista dall'editore ''Angeli caduti'' di Beppe Iannozzi (Giuseppe Iannozzi)


D'Amore 4 - Romantica Vany e Giuseppe IannozziD’amore 4
Romantica Vany e Giuseppe Iannozzi
su Lulu.com qui
ISBN 9781291228212
pagine: 122
© 2012
prezzo: € 10,00

acquista online

con preghiera di diffusione


BABY BLUES

Bimba bambina, ho in tristezza la tua carezza
nel sentimento che mi porto appresso
Ho perso in un giorno tutto l’amor che avevo
Ma tu dormi, niente t’importa del mio core
che per te ogni dì un poco in più se ne more

My Baby Blues, core mio, core mio, adesso sì
Addio

Bimba bambina, My Baby Blues, domani a chi
a chi dirai amore, con chi uscirai sul lungomare
Sento le voci degli scugnizzi e il rombo delle onde
su la spiaggia, e in faccia a me un pugno di sabbia

My Baby Blues, core mio, core mio, adesso sì
addio

Bimba bambina, mia non sei mai stata mia
M’hai distrutto, con un bacio distratto,
m’hai lasciato a la brezza violenta dal mare
Tu già ti scioglievi per quel guaglione
con un po’ di voce e ‘na poesia in tasca
Bimba bambina, ti sei dimenticata presto
com’era bello far l’amore core su core

Ho perso tutto, ho perso niente, mai mia
Mai mia, bimba bambina, ho perso tutto
così presto, così presto, e un pugno di sabbia
su le mie lacrime di sale, per la mia faccia

My Baby Blues, core mio, core mio, adesso sì
addio

CUORE SPEZZATO

Tu, Mio Angelo, Mia sola Follia,
scherzi di Me, non scherzi con me

Il mio cuore è franato in pezzi
nel momento stesso
che m’hai sbattuta in faccia la verità

Ho cominciato a piangere di nascosto
Ho cominciato a pregare dio
e un po’ di fortuna – come un ladro
Nulla è cambiato, nulla è cambiato

La mia vita è stata su una strada solitaria,
sempre più solitaria della mia stessa ombra
La mia vita è sempre stata dirottata
su un binario morto
E tu, che eri la mia sola piccola fiammella,
la sola ragione che mi spingeva a correre
oltre il freddo delle notti e il sole dei deserti;
e tu, che eri la mia anima, il sogno inconfessabile
d’una felicità impossibile,
m’hai sbattuta la porta in faccia,
così, all’improvviso
E allora ho capito tutte le facce della verità,
d’esser soltanto un piccolo uomo,
un avanzo e una pozzanghera
che tutti possono calpestare

Tu, Mio Angelo, Mia sola Follia,
scherzi di me, non hai mai scherzato con me
Me ne rendo conto ora che pago il conto
delle mie illusioni mentre il cielo si fa d’inferno
e la pioggia mi batte a sangue il viso in ombra
Però ho la mia pistola che riposa
Ho una pallottola in canna
Tutto presto cesserà

Ho il cuore spezzato, in due
Ho in petto soltanto una croce di morte
che non sa donarmi un alito di dolore

Tutte le lacrime consumate, tutte
Neanche più il conforto del ricordo
del dolore, niente, niente più per me
Ma ho una pallottola bella assai
che vuol baciarmi sulle labbra
Credo che l’accontenterò presto

Tutto presto cesserà
Ho una pallottola bella assai in canna
che vuole riposare le sue labbra sulle mie
Così credo che mi arrenderò al sangue

NELLA PIOGGIA

Piove sempre sul bagnato, puoi credermi
Qualcosa è successo in Paradiso, non per me
Piove sempre, piove sempre, il mondo si fa fuori,
ma a rimetterci è sempre uno e uno solo
Qualcosa è successo in Paradiso, non per me
Non capisci? Ti sto solo dicendo
che non sono nato con la camicia
Faresti bene a tenerti lontana da me
perché lassù Dio regala fortuna al Diavolo

Piove sempre, sul bagnato, piove sul nome sbagliato
L’amore è divertente, la rivoluzione una scommessa
al tavolo verde; domani dammi sepoltura
lontano dal sole e dalle tue lacrime, domani pioverà
Certe cose non cambiano mai, come le facce al potere
E solo nelle nebbie del sogno i baci non finiscono mai

Faresti bene a metterti l’anima in pace
Faresti bene a non pensarci più a quel Gesù
che dice di amarti più di me
e che ti avrebbe promesso la mia salvezza
in un giorno di tempesta, di nuvole distese l’una sull’altra
pronte a fulminare e a replicare milioni di orgasmi

Mal di denti e il naso freddo, è tutto quel che c’è
L’amore ha il vizio di lasciarci a piedi sempre
Male ai piedi e la tosse dentro, è quel che c’è, che è
Però le ragazze son tutte belle quando le sogni

ASIA

Ma guarda un po’ tu la vita,
che strana Bimba ritrovo!
Era lontana lontana
tra le note d’una canzone blues
e oggi con la sua follia è da me
Mi guarda con occhi da orientale
Taglia cipolle in cucina e piange
in silenzio, stringendo poi a sé
un peluche che gli occupa il letto
non dico tutto ma buona parte

Che strana Bimba è
Insicura, un po’ fragile, un po’ cattiva
Sarà che è donna oramai
Ma io non me ne sono accorto

Son io rimasto
attaccato al ricordo di lei
che giocava a fare il maschiaccio,
afferrando al volo un raggio di sole
e uno strappo di vento per un aquilone
votato a raggiungere l’Asia

AMICO
d’Arme e di Cuore

Fante, Amico d’Arme e di Cuore,
che alle donzelle gliene facesti delle belle,
dove sei mai stato per sì lungo tempo?
Fra le brume del tempo ti cercavo
sempre dimandando allo Straniero
se t’avesse incontrato in compagnia
o da solo a invocar l’Ebreo Errante
Non uno seppe dirmi quale la tua fine,
se in Terra Santa avessi avuto sepoltura
o una più triste ignota fine dentro
a una fossa comune

Disperai assai, il dolore si calmò poi:
accanto a me, per magia, una Bella trovai,
una delle tante cortigiane che al Fato,
su due piedi, abbandonasti e ciao
Mi promise ella tutto l’amore
che le rondini portano a Primavera,
mi promise tutto il dolore
che sulle onde del mare sposano i gabbiani;
così feci quasi presto a dimenticare…
d’esserti stato amico,
d’aver con te condiviso la paglia delle stalle
e i mulini a vento con le loro ventose pale

E sei ora tornato, guardi la Donna mia
con sguardo maligno, e te lo giuro
sul bene che ti voglio che se solleverai
quelle balze che ora m’appartengono
la vita dalla strozza te la farò fuggire,
in un lampo, detto e fatto, te la toglierò
per tener viva la gioia mia

Ora, Amico d’Arme e di Cuore,
lascia che t’abbracci: ho ritrovato oggi
un fratello che per anni credetti disperso
preso dal coltello di chissà quale infedele

FRIVOLO

Volando sul frivolo
non sono cattivo
Son io solo un uomo vivo
che prende le occasioni al volo

Non sono, non sono cattivo
E non mi dipingo da me così
né lascio che sia la Bella
di turno a dirmi poco furbo,
a dipingermi male in arnese
Io solo vado in giro
a far un po’ di marachelle
Poi se ci scappa il figlio
per colpa della voglia
mica la colpa me la puoi dare!

Mica me la puoi far pagare
perché per amarti son stato costretto
a drogarti con frasi un poco belle
e un braccialetto d’oro, sì, ma falso
come i sospiri e i tuoi baci a catena

SE

Se m’innamoro
e vado a fondo
non significa
che il mondo
domani sarà
più profondo
del mio amore
dato alle ortiche

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, autori e libri cult, casi letterari, consigli letterari, cultura, editoria, i miei romanzi su Lulu, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, letteratura, libri, libri di racconti, narrativa, poesia, promo culturale, romanzi, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a BABY BLUES – Giuseppe Iannozzi + promo ”Angeli caduti” e ”D’Amore 4”

  1. orofiorentino ha detto:

    Una più bella e intensa dell’altra, non so quale scegliere ( forse: Amico d’arme e di cuore).
    Anche se non lo vorresti ti AUGURO un BUON NATALE. Gli auguri fanno sempre bene.
    Ti braccio Giovanna

    "Mi piace"

  2. cinzia stregaccia ha detto:

    concordo cn Giovanna si intense ..con il giusto “epilogo” nella breve e bella “SE”
    cinzia

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ogni tanto mi scappa qualche poesia. ^__^
    Queste, in realtà, come altre che ho già postate, fanno parte del mio archivio privatissimo, perché ce l’ho anche io un archivio, come del resto chiunque scriva.

    Grazie infinite.

    Bacione

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.