Erezione da 10 e lode. Un racconto autobiografico per invitarvi a leggere ”Angeli caduti” di Beppe Iannozzi edito da Cicorivolta edizioni

Erezione da 10 e lode

Giuseppe Iannozzi

Non mi ricordo la prima volta che caddi dalla bicicletta. Ricordo però la prima volta che ho avuto un’erezione da paura, la prima vera erezione degna di questo nome. Avrò avuto più o meno otto anni all’epoca e a scuola noi maschietti facevamo delle gare ben strane: giornalmente ci misuravamo il pipino e poi, al mattino, prima dell’arrivo della maestra in classe, chiacchieravamo su chi, presumibilmente, ce l’aveva più lungo. Le voci si rincorrevano di banco in banco suscitando l’ilarità di un po’ tutti. Qualcuno portava dei giornaletti porno che giravano sotto i banchi da un pisellino a un altro, ma anche le bambine non disdegnavano di guardare le paginette porno con tanto d’occhi. Solo un paio di ragazzine dicevano che eravamo dei deficienti, però loro non facevano testo, erano piuttosto bruttine. Le altre femminucce invece erano golose, più di noi: quando i giornaletti porno passavano fra le loro mani era davvero un’impresa strapparglieli via.

Giuseppe Iannozzi soldino di cacio

Giuseppe Iannozzi soldino di cacio

Ero seduto sulla tazza del wc per fare i miei bisognini e nell’intanto leggevo un innocuo giornale a fumetti. Me la ridevo della grossa. Mi sentivo quasi un re, sicuro che non ci potesse essere al mondo persona più felice di me. Leggevo dunque i fumetti e intanto aspettavo… quando tutto a un tratto scoprii una pubblicità con una ammiccante signorina che raccomandava ai noi giovani pulcini di masticare un particolare tipo di chewing gum. I miei occhi s’incollarono sul suo di dietro non poco generoso e in pochi secondi il mio pipino cominciò a farmi un male boia. Guardai in mezzo alle gambe e scoprii che era diventato una quercia o giù di lì. Incuriosito ed eccitato gli diedi giusto un paio di carezze e… il resto potete immaginarlo. Dopo mi sentii molto molto bene, rilassato, felice più d’un dio e di qualsiasi re.
La maestra era in ritardo e noi maschietti ci scambiavamo le potenziali misure dei nostri arnesi. Quando fu il mio turno di sparare la lunghezza del mio pipino, senza vergogna alcuna dissi: “Stamattina almeno almeno diciotto centimetri”. E così dicendo tirai fuori il righello dal borsello, una cosetta di venti centimetri. Tutti presero a schernirmi. Non credevano che dicessi il vero. Qualcuno disse pure che ero solo un finocchio. Ad ogni qual modo Playboy arrivò sotto il mio banco. Irritato per non esser stato preso sul serio cominciai a sfogliare il giornaletto e l’erezione che avevo avuto seduto sul wc si ripeté tale e quale. Quel giorno eravamo tutti con le tute da ginnastica, la quinta ora era infatti dedicata alla ginnastica. Senza starci a pensare su, mi alzai. A tutti fu evidente che il mio pacco era qualcosa. Risate, ancora risate, di scherno. Qualcuno bello bello se ne venne fuori urlando che mi ero cacciato il righello nelle mutande e per dimostrare che era proprio così, scavalcando i banchi, nel giro di due secondi o poco più me lo trovai davanti. Non ebbi il tempo di realizzare… mi tirò giù i pantaloni da ginnastica… e il mio assalitore, per primo, ci rimase di merda. Le risate dei miei compagni cessarono di colpo. Le ragazzine invece arrossirono. Dagli ultimi banchi uno gridò: “Meglio che te la squagli, quello ti fa il servizietto!”. Restai in mutande, con il pacco bene in evidenza, per alcuni secondi, prima di ricompormi. Da quel giorno per tutti fui il Pistola, o l’Angelo con la Pistola.


angeli_caduti_giuseppe-iannozziAngeli caduti
Beppe Iannozzi
Cicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-56-7
pagine: 230
© 2012
prezzo: € 13,00

Cicorivolta librerie di fiducia


ordina i libri Cicorivolta nelle librerie Feltrinelli

Angeli cadtui di Beppe Iannozzi nelle Librerie Feltrinelli di Torino

Per i residenti in Torino e provincia: da venerdì 17 agosto potrete trovare Angeli Caduti di Beppe Iannozzi presso le librerie Feltrinelli (senza bisogno di ordinarlo):

la Feltrinelli Libri e Musica
piazza C.L.N., 251 – 10123 Torino TO

la pagina web de la Feltrinelli Libri e Musica

Librerie Feltrinelli Srl
Piazza Castello, 19 10123 Torino

la pagina web de la Feltrinelli librerie Srl


IBS INTERNET BOOKSHOP LIBRERIAUNIVERSITARIA

amazon.it

Deastore.com WEBSTER.IT



guarda il booktrailer

con preghiera di diffusione


Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, autori e libri cult, Beppe Iannozzi, casi letterari, consigli letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, letteratura, libri, libri di racconti, narrativa, NOTIZIE, promo culturale, racconti, racconti semi-autobiografici, romanzi, sessualità, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Erezione da 10 e lode. Un racconto autobiografico per invitarvi a leggere ”Angeli caduti” di Beppe Iannozzi edito da Cicorivolta edizioni

  1. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, l’ho vista. L’avevo anche postata sul mio blog. 😉

    Buondì.

    beppe

    "Mi piace"

  2. orofiorentino ha detto:

    Allora sono rincitrullita…abbi pazienza. un bacione
    Giovanna

    "Mi piace"

  3. orofiorentino ha detto:

    Un racconto molto carino… ma perchè il problema primario è ” Quanto è Lungo? “.
    Ciao Angelo con la Pistola !
    Ciao Beppe Giovanna

    "Mi piace"

  4. cinzia stregaccia ha detto:

    sai che mi hai strappato un grande sorriso e anche tenerezza? :))))))) sti figli maschi…ahahahah :))) Però tornando seria e andando oltre il fatto in se che è comunissimo e sempre avviene fra maschietti.forse non il fatto dell ‘ ‘”esibizione” in classe ahahah mi chiedo se tutto questo accade anche per un condizionamento sociale..nei tempi passati molto anche familiare pensaci…anche se inconsapevole .La curiosità per il proprio corpo e per le sue reazioni è normalissimo anche il “fammi vedere il tuo che vediamo se è come il mio” ma penso ci sia molto di più..Mi diceva mia suocera che ai tempi suoi quando nasceva un maschio la prima cosa che faceva il padre e ra vedere quanto era grosso il pisellino…Comunque anche noi donne abbiamo delle fisse ad una certa età si comincia a controllare la crescita delle tettine ahaha
    Ciao Beppaccio
    cinzia

    "Mi piace"

  5. romanticavany ha detto:

    king-soccolo.jpg

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    OKAY, OKAY, LO AMMETTO, MI HAI FATTO MORIRE DAL RIDERE E STO ANCORA RIDENDO COME SOLO UN ORSETTO BASTARDISSIMO POTREBBE RIDERE. ♥ ♥ ♥

    tilovvo_cucciolotta_vany.gif

    Dunque è questo quello che pensi del mio libro e delle mie poesie. 😀 FANTASTICA GATTYNA VANY ♥ ♥ ♥

    Adesso la pubblico.
    Non c’è davvero bisogno di altro. Dici proprio tutto, MYA GATTYNA VANY. ♥ ♥ ♥

    Ma lascia che ti prenda e vedrai quanti bacetti e carezzine e lekkatine e solletico ti faccio. Ti soffocherò d’amor e tenerezza, ti farò miagolare all’infinito. ^__^”’

    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO TI LOVVO
    … AD INFINUTUM ♥ ♥ ♥

    orsetto bastardiSSimo di VaNY

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ un racconto biografico. I maschietti fanno queste cose, nessuno escluso. 😉 in particolar modo quando devono ancora capire che ruolo ha il sesso. Insomma sono curiosi. 😉 E’ naturale che sia così.

    E io che ne so? ^_^ Ma da bambini, non che da grandi sia diverso, i maschietti si pongono sempre il problema: “Sarà abbastanza lungo? E se non lo fosse, allora…!!!” insomma per un maschietto la lunghezza è un fatto di viralità.

    bacione

    beppe

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    No, non sei rincitrullita. E’ che la recensione di Renzo l’ho pubblicata in anteprima sul mio blog. Ma il caro buon vecchio Renzo la sta spacciando anche altrove, su altri siti e di questo lo ringrazio enormemente con un grande abbraccio.

    Beppe

    "Mi piace"

  9. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Accidenti, quando scrivo racconti un po’ così che raccontano di me, della mia giovinezza un po’ birichina, riesco pure a strappare un sorriso e a suscitar tenerezza. ^__^ In effetti ero un bel bimbetto. Poi il tempo m’ha rovinato. AH AH AH

    Tra i maschietti accade, è naturale, è più che normale: mi preoccuperei del contrario. Da che mondo è mondo è sempre stato così. Ma ti assicuro che anche le femminucce, per quanto facessero smorfiette schifate, una volta che gli arrivava il giornaletto fra le mani sgranavano gli occhietti più di noi maschietti: insomma a quell’età la curiosità, la necessità di capire perché si è maschi e femminucce è tanta, ci si affaccia alla società, ai primi rapporti sociali seri, alle amicizie, alle prime ingenue cotte. Mio nonno mi raccontava che quando andava dal barbiere gli regalavano i calendarietti profumati con le donnine, e ti parlo di un secolo fa. Accidenti, ad averli quei calendarietti… non so che fine abbiano fatto, probabilmente li ha presi qualcuno della nostra famiglia alla dipartita del nonnino mio bello.

    Si facevano anche queste cose, non lo nego: quando si andava in palestra, nello spogliatoio, ci fissavamo un po’ imbarazzati, per capire chi di noi era messo meglio. AH AH AH Adesso ci rido, ma ti assicuro che al tempo eravamo imbarazzatissimi, eccetto il bulletto che mi ha tirato giù i pantaloni. AH AH AH Che tempi, se solo si potesse tornare indietro. Quella sì che era vita. Le prime cotte, la scoperta… tutto era nuovo ed affascinante… il mondo era bellissimo per noi, eravamo ancora innocenti, sì, degli agnellini scaraventati sulla terra e con tanta voglia di vivere e scoprire in che cavolo di mondo eravamo finiti.

    E le bimbe sì, me lo ricordo come fosse ieri: voi non eravate migliori di noi, sempre a guardarvi il petto, a fare le signorine, sperando che da un giorno all’altro fosse cresciuto un po’. ^__^ Che tenerezza. Ma non era la sola cosa che controllavate, anche le labbra… quanti specchietti in classe e voi bimbe a perder tanto tantissimo tempo dietro ai primi maldestri tentativi di mettere un filo di rossetto che poi, prima di uscire da scuola, veniva pulito via con un fazzolettino di carta. AH AH AH Bellissimo.

    Bacioni, mamma orsa

    beppaccio

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.