NUOVI POETI ITALIANI 6 – LA NON-POESIA – recensione di Giuseppe Iannozzi

NUOVI POETI ITALIANI 6

LA NON-POESIA

Giuseppe Iannozzi

nuovi poeti italiani 6

nuovi poeti italiani 6 – AA.VV.

Se questa è davvero la nuova poesia italiana, sarebbe stato più conveniente non pubblicarla, siamo difatti di fronte ad una mancanza assoluta di sostanza.

NUOVI POETI ITALIANI 6 (Einaudi) è una antologia tutta al femminile, curata da Giovanna Rosadini, che accoglie dodici autrici (Alida Airaghi, Antonella Bukovaz, Daniela Attanasio, Franca Mancinelli, Gabriela Fantato, Giovanna Frene, Isabella Leardini, Laura Liberale, Laura Pugno, Livia Candiani, Maria Grazia Calandrone, Rossella Tempesta). Nessuna di loro ha saputo però portare una poesia che si possa ricordare per contenuti o anche solo per innovazione stilistica. Ci troviamo perlopiù di fronte a della materia poetica pasticciata per un avvitamento su sé stessa, dove le presunte poetesse danno sfogo al loro “io” più narcisista e stereotipato: le poesie, se mai è possibile definirle tali – perché in realtà sembrano più dei pensierini casalinghi e nulla di più -, sono quanto di più decostruito e banale la moderna editoria sia riuscita a portare sul mercato.

Colpa delle autrici chiamate a far parte di NUOVI POETI ITALIANI 6 o piuttosto dei testi selezionati? Di certo c’è che c’è più poesia nelle ricette di cucina di Benedetta Parodi che non in questa antologia. Non si salva nessuna delle dodici autrici antologizzate: tutte si perdono in un minestrone che è un piangere sulle proprie miserie ponendosi però sempre al centro dell’universo, in molti casi con stucchevole mielosità fine a sé stessa.

NUOVI POETI ITALIANI 6 dimostra, a pubblico e critica, come accanto alla non-letteratura imperante nel nostro paese, esista anche la non-poesia, ed è questo l’unico insano merito di questa antologia

NUOVI POETI ITALIANI 6 – AA.VV. – Einaudi – Collana di poesia – 318 pagine – ISBN: 978-8806210885 – prezzo: 16 Euro

leggi la recensione su LAPOESIAELOSPIRITOMa c’è chi la pensa diversamente ed è giusto che sia così, per cui mi permetto di segnalare la recensione di Anna Elisa De Gregorio postata sul lit-blog LAPOESIAELOSPIRITO:

http://lapoesiaelospirito.wordpress.com/2012/09/05/antologia-come-solitudine-corale/

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, Beppe Iannozzi, critica, critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe sconsiglia, libri, NOTIZIE, rassegna stampa, recensioni, segnalazioni, stroncature e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a NUOVI POETI ITALIANI 6 – LA NON-POESIA – recensione di Giuseppe Iannozzi

  1. annamaria49 ha detto:

    Buongiorno, Beppe, sono stata lontana dal blog dapprima per la classica pausa estiva poi per motivi familiari non piacevoli: è venuto a mancare un giovane conoscente a me caro. Spero di recuperare pian piano. E’ bello ritrovare la tua schietta scrittura.
    Buon tutto.
    un abbraccio
    annamaria

    "Mi piace"

  2. lambertibocconi ha detto:

    Eh sì, aveva ragione quel vecchio Culo-Di-Cuoio di Benedetto Croce. Ciao Beppe! 🙂

    "Mi piace"

  3. desdides ha detto:

    Ce l’avevi con qualcuna delle autrici?

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ciao Anna. E’ un vero piacere ritrovarti qui.

    Benedetto Croce non ha sbagliato ieri: la sua critica è ancor oggi illuminante.

    Mi aspettavo decisamente di più. E’ stato a dir poco uno strazio leggersi questi pensierini, che davvero mi è impossibile definire come poesie. Mi ci vuole un altro alcaselzer… ma temo che mi ci vorrà qualcosa di più per digerire ‘sta roba.

    Si va di male in peggio, cara Anna. Dopo la non-letteratura ecco che spunta – non che non si sapesse già – la non-poesia.

    bacioni

    beppe

    "Mi piace"

  5. Laura Liberale ha detto:

    la poesia che, orrore degli orrori, in italia non si pubblica, eh, Beppaccio?

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    1. Non si fa gossip chiamando in causa terze persone. E’ una cosa che non ho mai accettato e mai accetterò, per cui tu riportando una 4mani – che non ha nessuna pretesa se non quella di essere qualcosa fra me e RomanticaVany – e sputandoci addosso, no, non va affatto bene. Non sono poesie le 4mani destinate alla pubblicazione: sono esclusivamente su Lulu.com, on demand, quindi: e chi ha avuto la bontà di leggerle, e non sono pochi, hanno detto la loro in apposito luogo di commento.

    2. L’antologia non mi è piaciuta. Non sono l’unico ad averla stroncata. Non bastano una due poesie discrete per fare di un’antologia un buon libro, anche se tu pensi forse di sì. Ma sei libera di pensarlo.

    3. No, la poesia non è un orrore. E’ una brutta, molto brutta antologia questo NUOVI POETI ITALIANI 6.
    Ci sono esempi di ottima poesia, per fortuna, anche tra i poeti contemporanei siano essi maschi o femmine. Questa antologia non brilla né per sostanza né per stile. Tutto qui.

    4. No, non avevo proprio bisogno di spazio sul tuo profilo FB. Figurati se perdo tempo. Vedi solo di evitare il gossip fine a sé stesso ed evita di riportare mie poesie sul tuo profilo o poesie a 4mani: c’è tanto di disclaimer e io non ti ho autorizzata in alcun modo a portare i miei scritti su FB o altrove.

    Credo d’esser stato chiaro.

    Adesso, con poeticità napoletana, vado a scaldarmi una pizza: tengo fame.

    beppe

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Nell’intervista, da bravo intervistatore, non ho portato giudizi sulla tua poesia. Le mie sono state delle domande più che mai dirette e chiunque puo’ leggere che così è. Inoltre “Ballabile terreo” è una opera a sé che ha qualità nella sua interezza. Volevo solo evidenziare questo, null’altro. Ciao ciao.

    https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2011/06/05/laura-liberale-per-ballabile-terreo-edizioni-dif-intervista-allautrice-a-cura-di-iannozzi-giuseppe/

    Ti pare che porti dei giudizi sulla tua poesia?

    NO. NON HO PORTATO ALCUN GIUDIZIO SULLA TUA POESIA NELLE DOMANDE CHE TI HO POSTO.

    Era giusto evidenziarlo perché di passare per un fanfarone non mi va, soprattutto quando io non ho espresso giudizi sul tuo Ballabile terreo, non ce n’è accenno alcuno nelle domande da me poste a te.

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Diavolo. E’ solo una stroncatura. Se uno scrive deve saper anche accettare le stroncature oltre alle lodi.
    Ho toccato un’altra volta degli “intoccabili” forse?
    Solo per sapere, giacché cominciano a fioccare un po’ di insulti tra i miei post: insulti che comunque credo d’aver già tutti messi in quarantena.

    Rispondendo alla tua domanda che è in ogni caso offensiva per non dir peggio: no.
    Il critico letterario non guarda in faccia nessuno, né amici né nemici.
    Ti faccio un esempio pratico e in pubblico: non mi trovo nulla affatto d’accordo con Pietrangelo Buttafuoco, per la sue idee, ma i suoi romanzi sono qualcosa di sublime; e in pubblico lo dichiaro in maniera chiara e tonda, “Le uova del drago” è uno dei romanzi più belli usciti negli ultimi quindici anni.

    Adesso che l’ho detto in pubblico, di che cosa verrò accusato? Di amare la bella Letteratura, chi sa scrivere come pochi?
    Non amo le idee di Buttafuoco, ma la sua scrittura sì perché è Alta Letteratura, come pochissimi sanno fare.

    Ciao

    "Mi piace"

  9. Laura Liberale ha detto:

    questo non è gossip, è incazzatura bella e buona, Beppe. E sai perché. Lo sai.
    e le tue poesie sono pubbliche, su questo sito, alla stregua di ogni altro tuo articolo. non ho sputato sulle tue poesie. ho scritto: sono queste le poesie che l’Italia dovrebbe pubblicare e non pubblica? era una domanda. le cose fra te e romantica Vany potete scrivervele privatamente, se tali devono restare. se le metti qui, insieme a tutto il resto, le rendi accessibili e io le prendo alla stregua di ogni tuo altro lavoro. “la poesia che, orrore degli orrori, in italia non si pubblica, eh, Beppaccio?” era riferito alla tua a quattro mani, ovvero: è una poesia come questa, tua (mi perdonino le altre due mani) a non trovare spazio (orrore degli orrori nel senso di: madre di tutti i peccati letterari, ci siamo? faccio spelling?)
    lulu on demand… ma chi se ne frega! le hai messe qui. punto. o stai forse prendendo le distanze dal frutto della tua creatività poetica? tranquillo, le tolgo dal profilo, se ciò ti turba. non pensavo che per citare cose pubbliche si dovesse chiedere un’autorizzazione.
    buona pizza.
    con bocconcino di traverso, appena un po’.

    "Mi piace"

  10. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Dunque, o non ti è chiaro o non ti è chiaro:

    https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/copyright/

    Ti è chiaro adesso?
    Speriamo.

    E’ pubblicato. Non significa che chiunque possa venire qui e prendere e prendere e prendere e fare quel che vuole delle mie cose. Non ti è forse chiaro che cosa significa COPYRIGHT? QUale cosa non ti è chiara del copyright?

    http://it.wikipedia.org/wiki/Copyright

    No, non sono per le creative commons license: uno cavolata bell’e buona.

    Dunque, Laura, hai superato il limite della decenza.
    Sono stanco di sentire.

    Tu provaci a copiare o a riportare una mia cosa sul tuo blog…

    Qui non parliamo della mia poesia o della mia non-poesia.
    Inutile che attacchi me e terze persone per attaccare me. Chiaro?

    Ecco, brava, toglile dal profilo: direi che è una cosa molto furba. Molto davvero. E ricorda che ho un milione di occhi sempre e comunque.

    "Mi piace"

  11. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Questo mi spiace, cara Annamaria.
    Credo non ci siano parole adatte.

    Se lo vorrai io sono sempre qui.

    Un caro abbraccio,

    beppe

    "Mi piace"

  12. Laura Liberale ha detto:

    mi è chiaro. Io non ho attaccato. Ho copincollato un link. Se non si può fare, chiedo venia.
    milioni di
    occhi? io ho un cuore.

    "Mi piace"

  13. Laura Liberale ha detto:

    E’ possibile linkare o usare trackbacks.
    che vuol dire allora?

    "Mi piace"

  14. Laura Liberale ha detto:

    madò, che litigata, Beppe.
    pace fatta.

    "Mi piace"

  15. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Un link, certo che sì. Anche un trackback. Ma poi basta che tu me lo chieda e non ho problemi a dirti di sì, prendi la recensione in tono e portala pure sul tuo profilo. Ci mancherebbe altro.

    Basta chiedere, null’altro. 😉

    "Mi piace"

  16. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Il problema è che in passato – non faccio nomi qui, te lo dico in pvt – mi hanno praticamente massacrato alcune persone che si dicono tanto buone oneste e brave, copiando le mie cose con il solo intento di prendermi per i fondelli in pubblico. Lo so che tu non lo permetteresti. Io non mi sono mai detto un poeta né ho mai pensato di esserlo. Non lo sono, punto e basta. Qualcuno pensa che sia un poeta anche. Che ci posso fare? In ogni caso sono io il primo a riconoscere che non sono un poeta, che non ne ho la levatura. Però in passato, per le mie poesie, portate a spasso nel web, copiate e ricopiate, trasformate, linkate e quant’altro, ho avuto da penare non poco: perché lo fecero questi signori? Per prendermi per i fondelli.

    Che mi stronchino per quello che scrivo: sono d’accordo. Ci mancherebbe altro. Ma di prendere per i fondelli no.

    Milioni di occhi io?
    Sono astigmatico. AH AH AH

    Era tanto per dire quel “milioni di occhi”, giusto per fare un po’ il duro. Null’altro.

    bacione

    beppe

    "Mi piace"

  17. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ stata una bella litigata.
    Ma gli amici litigano anche. Se di tanto in tanto non litigassero forse non sarebbero dei veri amici, perché non si confronterebbero per capire le ragione dell’uno e dell’altro.

    Pace fatta, più che fatta.

    Questa dall’album dei Cranberries, “Bury The Hatchet”, per te, cara Laura.

    beppe

    "Mi piace"

  18. orofiorentino ha detto:

    L’importante è chiarirsi bene. Ciaoooooo

    "Mi piace"

  19. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Lo penso anch’io. Ci siamo chiariti e questo è quel che conta al di là di tutto, di quelle che sono le mie idee critiche sulle antologia.
    Ma a dirla tutta, in tutti questi anni solo 2 antologie poetiche mi sono piaciute sul serio. E non ne ho lette poche.

    bacioni

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.