Viola testa dura (canzone per Vany) | di Beppe Iannozzi

Viola testa dura (canzone per Vany)

di Beppe Iannozzi

Spice Vany

Spice Vany

a Vany
dall’Orsetto Gran Biscotto

Viola, testa dura,
ogni tanto con amore, per affetto
mi chiami orsetto
Ma se ti parlo del mio gran biscotto
ti fai rossa come un papavero
dimenticando che amare è giocare
Che l’amore è anche giocare,
tornare dispettosi e capricciosi,
tornare molto più che bambini

Viola testa dura, hai da rassegnarti
Uno sporco romantico, uno sporcaccione
come me in giro tanti non ce n’è
e se mi perdi perdi me,
il bastardo che ti fa ridere e arrabbiare,
che mai ti fa annoiare

Che dura che sei, lo so, lo sai
Allora dài, buttiamoci a letto,
non ci pensare su, fatti caffelatte,
fatti calda per me,
per me che tengo il gran biscotto
Fatti sveglia per me che sono orsetto,
poi commosso, te lo giuro,
sul tuo petto un po’ piangerò

Viola testa dura
Viola testa dura, toccami adesso
Fallo adesso con mano di vergine
Viola testa dura, vieni a giocare
Torna indietro nel tempo adesso,
torna a quando non era cosa sporca
il sesso

Che testa dura che sei, lo so, lo sai
Viola, Viola, Viola, lo so, lo sai

Viola, Viola, Viola, duro amor mio,
se perdi me, perdi quel tenero bastardo
che ti fa ridere e arrabbiare,
che ti fa impazzire ogni santo dì
Lo sai, lo so…

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, Beppe Iannozzi, biogiannozzi & RomanticaVany, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia, società e costume, Viola Corallo e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Viola testa dura (canzone per Vany) | di Beppe Iannozzi

  1. vanessa ha detto:

    PaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSoPaSSo
    PASSISSIMOOOOOOOOOOOO

    Tu non cercare di sapere, è sacralmente vietato saperlo, quale destino gli dei abbiano assegnato a me e quale a te, smettila di interrogarti. Quanto è meglio sopportare ed accettare qualunque cosa accadrà!Sia che Giove ci conceda di vivere molti altre estati, o solo quest’ultima. La furia del mare è forte si infrange contro le opposte scogliere: sii saggio, filtra i vini perchè può uccidere i tuoi bollenti spiriti e nel breve spazio di una notte fallisce la speranza di una tua lunga prestazione.E così mentre te lo dico. il tempo geloso sarà già fuggito..

    [Oh Natura, perché non fai reale ciò che i tuoi figli sperano? Perché li inganni con futuri felici ma immaginari? Leopardi ]

    Dolce nanna orsetto
    ♥ vany

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Tu avresti ragione, ma se Dio non ci avesse lasciato il libero arbitrio, che di fatto annulla quella cosa che è il destino (presso i romani e altre culture) e il Fato (presso i Greci). Essendo che siamo liberi di operare le nostre scelte e che nulla è predeterminato, perlomeno così ci assicura Gesù, noi godiamo grazie a lui del libero arbitrio: le azioni buone o cattive che faremo dipendono da noi e soltanto da noi. Io non credo in un dio, in un qualsiasi dio, ma credo nel libero arbitrio che è la più grande conquista dell’umanità civile. Non credo invece a onde del destino e del fato, perché non supportate da nessuna ragione.

    Potrebbe darsi che se l’orsetto fosse raffreddato, un po’ febbricitante, allora sì, il gran biscotto, al pari del resto del corpo, soccomberebbe o comunque non saprebbe ergersi al massimo. Ed allora sì, rideresti dell’orsetto. Ma l’orsetto non è raffreddato né altro per il momento. 😉
    E non sono come Leopardi, malaticcio, per cui sono un uomo che gode appieno del libero arbitrio, vale a dire che sono io artefice del mio destino.

    Gattina Indifesa, io sarò anche paSSopaSSo paSSiSSimo, e non dico di no, ma in una declinazione buona, e io spero che tu mi veda come un paSSopaSSo simpatico, perlomeno questo. Ecco però che hai ragione, almeno in parte, perché il resto dipende da te: ognuno di noi due è libero di operare le sue scelte, per cui io non posso e non intendo scegliere io per te, sarebbe difatti una cosa per cui avrebbe ben ragione la società a condannarmi e ad impiccarmi per il pipino finché morte non sopravvenga.

    SVEGLIAAA…

    ♥ ♥ ♥ Orsetto Gran Biscotto 😉

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.