testamento contro, XXVI (con e senza donne) | di Iannozzi Giuseppe aka King Lear

testamento contro XXVI

di iannozzi giuseppe aka king lear

XXVI.

Cantano gli uomini le donne,
un po’ teneri un po’ bastardi,
crudeli con passione
ogni volta che la luna storta
gli fa danno

Cantano gli uomini le solitudini
quando cala piano la luna
nel grembo della sera:
nel pagliaio disfatto smaniosi cercano
una femmina, che un poco li consoli,
recando a lei in dono fiori e dolori

Cantano, a squarciagola cantano
quanto son crudeli,
e quanto le donne belle,
fatali per il più navigato dei poeti

Cantano per gelosia,
talvolta per nostalgia
d’una casa e d’un focolare
dove la notte riparare

E cantano, cantano,
ubriachi o no

Cantano, di tutto stanchi cantano
per i passi fatti e subito perduti

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a testamento contro, XXVI (con e senza donne) | di Iannozzi Giuseppe aka King Lear

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    è un pò come cantar la vita
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Uhm, sì, si potrebbe dir così. 😉

    bacione

    beppe

    "Mi piace"

  3. RosaOscura ha detto:

    Intensa lirica.

    Malinconia e rassegnazione fanno da contorno alla fugacità dell’amore.
    Inevitabile…

    Buona domenica

    Giovanna

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Più che di rassegnazione parlerei di una fotografia, seppur non perfettamente omerica, di come la vita cerchi la vita, spesse volte inciampando nei suoi propri passi. L’amore sì, è fugace: per natura l’essere umano non è monogamo né fedele. Solo un 2% rosicato della popolazione mondiale è fedele all’amore ed è capace di provare amore verso il compagno o la compagna per tutta la vita.

    bacio

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.