Maria Gabriella

Maria Gabriella

Lord NinniCarissimo Lord Ninni, non ti saranno balsamo queste parole vergate da mia mano incompetente, per cui accettale, se puoi, per quel che sono, l’omaggio d’un amico che t’è vicino e che sa.

giuseppe iannozzi


Maria Gabriella

Non l’assenza
avrei desiderato,
non questo Vuoto
a volto scoperto
da un corpo occupato.

Non questa prigione
in Terra di Nessuno.

Mai vano ricordare
chi eri, chi ancor sei;
eppur dolore è
che di nuovo si versa
in triste calice
a te brindando,
concedendomi l’illusione
che sian le mie lacrime
alle tue unite.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia, segnalazioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Maria Gabriella

  1. annamaria49 ha detto:

    Un delicatissimo e prezioso omaggio ad una persona che non conoscevo, grazie per avermi dato la possibilità di esserne partecipe.
    Buona giornata, Beppe.
    un affettuoso saluto
    annamaria

    "Mi piace"

  2. romanticavany ha detto:

    Palpita il cuore inquieto nel ricordare chi ci ha lasciato e che tanto è stato ed è sempre amato.
    Bravo King bellissimo omaggio poetico al nostro carissimo Ninni.
    ♥ vany

    "Mi piace"

  3. Ninni Raimondi ha detto:

    … e dunque, amico Beppe, non da mano o gesto di donna, ma dalla semplicità e “profondità” di un bravo amico e collega, ricevo una emozione così forte, dove il grazie e i ringraziamenti sono superflui perché inadatti.
    Scrivo, la mia prima risposta, proprio da te che, molto umilmente ma serenamente mi scrive:
    … l’omaggio d’un amico che t’è vicino e che sa … “.
    E il Tuo omaggio, il Vostro (dei tuoi lettori e lettrici presenti e passanti è ancora più fermo nei miei ricordi quando, proprio in quell’infausto giorno (credo uno o due giorni dopo) scrissi, dedicandoLe, una poesia (che arroganza mentale definirla poesia). Tu fosti il primo a commentarla e dopo qualche giorno scrivesti:

    ” Lord, cosa fai? Non avrai intenzione di mollare tutto?”.

    Si era ai tempi di Splinder, buona o cattiva che fosse e io ero, veramente, all’inizio di quell’avventura splinderiana che consegno, ad un Blog, le parti che non ho MAI ritenuto pubblicare in via ufficiale! Pietre preziose che espongo, (dopo averle lucidate con il sudore, la passione, l’attenzione e forse, alcune volte, le lacrime) solo ed esclusivamente agli amici e a “chi” possa veramente comprendere.
    Tutto il resto, per quel che mi riguarda, è Accademia e so che “sai” come sia radicalissimo nelle mie idee dalla “bannatura” facile!

    Ma, ad inverso, apprezzare le doti di un professionista della parola come te e se mi consenti, di quell’arte, introspettica, del pensiero – che regala l’essenza di uno scritto e quindi una critica letteraria MOLTO aderente al peso di Maat e di Toth, appena varcato il mondo delle ombre – è èer me motivo di benessere intellettuale ed emozionale.

    Non solo un amico, dunque, ma un interlocutore “scelto” con il quale condividere, apertamente, le proprie emozioni … come avviene da anni.

    Ti sono molto riconoscente, come lo sono per la brava Vany e per la tua brava lettrice Annamaria.
    Riconoscenza che estendo a tutti i tuoi arguti lettori (Cinzia … ecc. ecc.) e a quanti, pur non avendo la “facoltà” della comunicazione, hanno – però – quella della comprensione.

    Un riconoscente Grazie.
    Con molta stima, apprezzamento, considerazione e con l’augurio di sempre maggiori soddisfazioni, ti abbraccio.

    Ninni Raimondi

    "Mi piace"

  4. Ninni Raimondi ha detto:

    PS: Mi accorgo adesso del tuo “occhiello”:
    … la critica ha bisogno di severità e non di mafiosa elasticità. Non c’è altro da sapere … .

    Cristo se è vero!

    Buona serata

    Ninni

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ un omaggio a un caro Amico.
    Mi spiace non poter far di più. Come tutti gli uomini sono di carne e spirito.

    bacione

    king

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ mia opinione che per comprendere l’altrui dolore sia necessario che chi ne parla, o scrive, conosca l’essenza del dolore. Quello che ho fatto è stato di rendere omaggio a un caro amico, Lord Ninni, calandomi nel suo dolore e cercando di interpretarlo. In realtà è come se questa poesia l’avesse scritta lui.

    Un affettuoso saluto anche a te, cara Annamaria

    beppe

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ho sempre pensato… meglio, ho sempre creduto che il dolore possa’ essere interpretato da chi l’ha provato. Non mi piace granche’ parlare di quelle che sono le mie esperienze personali, questo per una mia precisa scelta operata tanti anni addietro: posso pero’ dire che di perdite di affetti importanti ne so. Eppure si deve andare avanti, anche in rispetto di chi ci ha lasciati: spetta a noi che siamo qui oggi onorare la memoria di chi fu, affinche’ l’amore possa eternarsi e non ridursi a spettro dolorifico.

    Carissimo Lord Ninni, ti abbraccio forte, come un fratello

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.