La bionda e il cagnolino – di Iannozzi Giuseppe aka King Lear

La bionda e il cagnolino

di Iannozzi Giuseppe aka King Lear

Sono alla cassa.
Una signora con una cagnolina sta pagando alla cassa i libri, dei paperback con lo sconto del 25 per cento.
Chiede alla commessa se le può fare dei pacchettini regalo.
Mentre aspetto mi guardo intorno con aria piuttosto annoiata.
La signora discute con la bella cassiera bionda, io invece ho fretta di squagliarmela: non amo granché far la coda e men che meno sentire, mio malgrado, le chiacchiere altrui.
Sento qualcosa che mi striscia fra le gambe.
E’ una cagnolina, bianca come una nuvoletta. E’ così piccola e carina che la si potrebbe scambiare per un peluche.
Sta annusando le mie scarpe.
Mi chino e mi trovo davanti il suo musetto simpatico.

Le do una grattatina sotto il mento, in cambio ricevo una leccatina sulla mano da una lingua piccola e rosa. Senza pensarci su due volte le faccio un paio di carezze sulla testolina.
La cagnolina punta i suoi occhietti neri di velluto su di me e mi rifila un’altra leccatina.
Sono divertito. E’ un vero spasso.
Quando però provo a dargli un’altra carezza, mi salta in grembo: pesa niente ma è morbida, calda e palpitante di vita.

Un po’ mi spiace quando la signora prende in braccio la cagnolina e saluta. La saluto anch’io: “Ciao, bellezza”.
La cassiera subito mi fa: “Grazie”.
Credeva mi riferissi a lei. Glielo lascio credere, tanto più che anche lei è bella, molto bella, e bionda per giunta.
Mi serve con grande cortesia e un sorriso che è una promessa di felicità.

Informazioni su Giuseppe Iannozzi

Iannozzi Giuseppe, detto Beppe Iannozzi o anche King Lear. Chi è Giuseppe Iannozzi? Un giornalista, uno scrittore e un critico letterario Ma nessuno sconto a nessuno: la critica ha bisogno di severità e non di mafiosa elasticità.
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, letteratura, narrativa, racconti, racconti semi-autobiografici, tenerezze e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a La bionda e il cagnolino – di Iannozzi Giuseppe aka King Lear

  1. romanticavany ha detto:

    Infatti mistero scoperto a tutti ti piacciono le lekkatine, le barboncine e le biondine….
    Che bello però la festosità di un cagnolino e i modi gentili della biondina sono ormai le piccole cose che gratificano opssss a me piacciono xò i biondini.
    Buonananna
    ♥ vany

    • Iannozzi Giuseppe ha detto:

      Hai scoperto il mistero, mia bella Morettina. ♥

      E’ proprio vero, le festività che ti fa un cagnolino sono una cosa davvero strana, delicata, perché ti regalano dell’affetto senza nulla chiedere in cambio.

      Come? Ti piacciono i biondini e non i pelatini?

      Grrr… adesso piango.

      Una lekkatina, una lekkatina, almeno una, bella Morettina ♥ ♥ ♥

      Dolce nanna, mia Regina

      orsetto di VaNY

  2. romanticavany ha detto:

    Certo mi piacciono anche i pelatini…il mondo è bello perché vario ;) non credi.
    LeKKatina nella Sukkapelata.

    Dolcenotte ;) vany

    • Iannozzi Giuseppe ha detto:

      Vero, il mondo è bello perché è vario.
      Ed è vero che gli uomini guardano le bionde ma poi scelgono come loro regine le brune. ;-)

      La lekkatina sulla sukkapelata, che bellezza. ♥ ♥ ♥

      Adesso sì, posso far la nanna tranquillo e feliciSSimo, mia Bella Brunetta, mia Regina.

      Sogni angelicati, mia Bella Brunetta

      orsetto di VaNY

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    mi piace molto questo racconto. hai incontrato due momenti speciali così grandiosamente speciali nella loro semplicità e genuinità.
    Uomo fortunato ;)
    cinzia

    • Iannozzi Giuseppe ha detto:

      E’ un fatto che mi è realmente accaduto. L’ho trovato molto poetico e l’ho scritto di getto, con semplicità assoluta: non c’era bisogno d’altro di metterlo nero su bianco.

      Io uomo fortunato?
      Ma quando mai?

      Smaaackkk

      beppaccio

I commenti sono chiusi.