testamento contro VI – di iannozzi giuseppe aka king lear

testamento contro VI

di iannozzi giuseppe aka king lear

Come cani
l’un l’altro
ci si annusa
il culo,
aspettando
il miracolo
Quasi s’ignora
che domani
non è domenica
né le Palme,
e che nessuno più
qui è una signora

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a testamento contro VI – di iannozzi giuseppe aka king lear

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    ok ti riferisci al periodo pre pasqua ma l’ultima frase non l’ho capita
    buongiorno
    cinzia

    "Mi piace"

  2. vanessa ha detto:

    I soliti tuoi sproloqui in concomitanza delle tue giornate distorte…ora è tutto a posto diavolino?
    😉 vany

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Il contrario di signora?
    Serva.
    Ma il verso è costruito per essere ambiguo, per cui potrebbe indicare che oramai si è tutte serve, ma anche prostitute.

    bacione

    beppe

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    No, non è uno sproloquio.
    Come ho anticipato quando iniziai questa serie di poesie che vanno sotto il titolo di Testamento contro, la mia idea è di portare dei versi guardando a Villon e Belli. In particolare, questi versi ci dicono che la società è fatta di servi e non di signore, anche se si potrebbe ben dire che nella povertà di ideali in cui viviamo c’è da aver a che fare sol più con donnine allegre.

    Comunque sì, tutto bene, il diavolino è okay.

    ♥ ♥ ♥

    Piccola Peste, voglio una lekkatina e un bacetto e una strofinatina di labbra… Avanti, Bimba, subito dal tuo diavolino per farlo arrossire con la tua dolcezza…

    diavolino di VaNY 😉

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.