Il grande cuore di Adriano Celentano. E vadano a fanculo i populisti che oggi gli danno addosso

Il grande cuore di Adriano Celentano

E vadano a fanculo i populisti che oggi gli danno addosso

Fa parte (anche) dello spettacolo creare delle polemiche ad arte. Ma se tutto ciò porterà dei soldi a chi ne ha realmente bisogno, ben venga, tanto più che né io né tu, amico mio carissimo, saremo mai in grado di mettere insieme 750 mila euro, 350 mila euro o anche meno, per poi darli in beneficienza.

I populisti del piffero, che adesso danno addosso ad Adriano Celentano assicurando ai boccaloni di tutte le razze e rogne che lui fa beneficienza coi soldi del canone Rai, questi vadano pure a tutti cagare, tutti insieme però perché si sa che chi caga da solo od è od è…

Io li conosco bene questi Don Abbondio dappoco, populisti per convenienza: non caverebbero un euro manco sotto tortura. Questi capponi sbatacchiati e mezzo morti non amano chi devolve il proprio compenso per delle cause umanitarie, ma però amano tanto tantissimo sbraitare in pubblico – e dove altro sennò? – che loro la beneficenza la fanno in silenzio. La fanno in silenzio eccome, gridando ai quattro venti che loro sono proprio migliori e i migliori dai tempi di Caino e Abele, perché non guarderanno Celentano né il festival di Sanremo; perché loro faranno di nascosto perché così richiede lo spirito cristiano; e quanto s’impegnano a sforzarsi la gola per dire tutte ‘ste demagogiche populistiche ipocrisie nel nome di Cristo, di Stalin, di Altan.

(iannozzi giuseppe)

E’ il direttore artistico del Festival, Giammarco Mazzi, che spiega come Adriano Celentano devolverà in beneficenza il suo compenso: “Se ne farà una di serata, percepirà 350 mila euro, se ne farà due prenderà 700 mila euro, se ne farà tre, quattro o tutte e cinque percepirà un compenso di 750 mila euro. E qui subentrano quelli che il cantante chiama ‘i magnifici 7′, i sette sindaci, perché fuori dal palazzo e vicini ai problemi reali della gente: si tratta di Pisapia, Tosi, Renzi, Alemanno, De Magistris, Emiliano e Zedda. A loro Celentano ha chiesto di indicargli famiglie ‘in stato di assoluta povertà’.

Nel caso in cui il compenso dovesse essere di 350 mila euro, 100 mila saranno destinati a un ospedale di Emergency in un’area di guerra e 250 mila a tredici famiglie. Nel caso dovesse partecipare a due serate, e quindi percepire un compenso di 700 mila euro, devolverà 200 mila euro a due ospedali di Emergency che stanno per chiudere e 500 mila euro a venticinque famiglie; se poi dovesse percepire 50 mila euro in più (oltre ai 700 mila), si potrà portare a ventisette il numero delle famiglie.

Alla fine, quando Celentano sarà a Sanremo, consegnerà a un notaio una busta con un documento che contiene i nomi delle famiglie e dei sindaci che le hanno indicate; la consegna del denaro sarà fatta dagli stessi sindaci in forma privata, ma alla presenza di una persona di fiducia che potrebbe essere Claudia Mori.

Il cantante si farà anche carico delle tasse da pagare sul denaro che darà in beneficenza. Alla fine per venire a Sanremo spenderà un sacco di soldi, ma darà anche un segnale forte che in questo momento è molto importante”.

L’associazione umanitaria fondata da Gino Strada ha poi rilasciato un comunicato: “Emergency è felice per l’intenzione dimostrata da Adriano Celentano di donare a Emergency e a famiglie in difficoltà il compenso per la sua partecipazione al festival di Sanremo. Lo ringraziamo per aver raccolto l’SOS che abbiamo lanciato: in questo momento abbiamo grande bisogno di sostegno, per poter portare avanti il lavoro di cura nei nostri ospedali nel mondo e negli ambulatorio che, in Italia, assistono sempre più persone, straniere e italiane”.

Informazioni su Giuseppe Iannozzi

Iannozzi Giuseppe, detto Beppe Iannozzi o anche King Lear. Chi è Giuseppe Iannozzi? Un giornalista, uno scrittore e un critico letterario Ma nessuno sconto a nessuno: la critica ha bisogno di severità e non di mafiosa elasticità.
Questa voce è stata pubblicata in controinformazione, cronaca, editoriale, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, NOTIZIE, notizie italia, opinionismo, querelle, riflessioni, spettacoli, TV e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il grande cuore di Adriano Celentano. E vadano a fanculo i populisti che oggi gli danno addosso

  1. vanessa ha detto:

    Non ho capito che cosa ne pensi tu caro King, non hai specificato bene il tuo punto di vista.
    Cmq, considerando che non mi attira guardare Sanremo,e sopratutto un esibizionista come Celentano, e che comunque lui, Celentano abbia dopo tante polemiche pensato di destinare i soldi che bene o male guadagna sono affari suoi, anche se sbandiera la sua istigata ed improvvisa generosità.
    Rimane il fatto che per una serata guadagnare 350.000 € risulta una cifra davvero eccessiva ed esosa.
    Quando per un artista si perde il senso della misura nei compensi, specie in tempi di crisi, tutto si snatura in polemiche e artefatte giustificazioni davvero penose.L’esagerazione della richiesta per il suo SanScemo comunque non ha giustificazioni.
    Se il compenso Celentano lo dara’ in beneficenza, è una cosa positiva,
    ma rimane il fatto che la Rai da troppi soldi a tutti Clerici, Pippo Baudo, Benigni,Fiorello, Ferrara, Vespa,Carlo Conti ecc….sarei curiosa di sapere quanto sarà il compenso di Morandi per il Festival di Sanremo? Penso che sarebbe ora di ridurre questi compensi e di elargire compensi più alti e meno tasse alla gente normale che ha difficoltà a pagare il mutuo,le rette scolastiche e non arriva a fine mese.
    Se la Rai pagasse meno compensi a questi signori e si facesse pagare di meno la pubblicita’ forse le ditte calarebbero i loro un prezzi e tutto sarebbe a vantaggio nostro.

    Sintetizzo questo modo di essere di Celentano e di altri sopranominati fa veramente schifo.
    Buongiorno ♥ vany

  2. cinzia stregaccia ha detto:

    ne abbiamo parlato sai come la penso su tali compensi che elargisce la rai ma non ho certo più voglia di fare polemiche su celentano dato quanto ha deciso di fare.
    Buona serata e bacione
    cinzia

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Mi permetto di portare una unica risposta per entrambe le bimbe, Vany e Cinzia.

    Dunque io penso che Celentano davvero non potesse far gesto piu’ generoso. Altri, tutti gli altri non mi risulta abbiano mai rinunciato al loro compenso, per grande o piccolo che fosse, per darlo in beneficenza. Non faccio nomi, pero’ ricordo bene tanti casi di appelli in tv di raccolta fondi per i piu’ indigenti, per i bambini ospedalizzati, etc. etc. che hanno finito con l’impinguare le tasche dei promotori e basta, perche’ i soldi raccolti ovviamente se li sono tenuti, cioe’ se li sono rubati.

    I compensi Rai e non solo quelli della Rai sono alti, sempre e in ogni caso, cosi’ come quelli per tante altre categorie, dai calciatori ai magistrati ai parlamentari.

    A me sembra che di carita’ verso i bisognosi se ne faccia proprio niente: pero’ i parlamentari pensano bene a ingrassare le loro tasche e a tagliare le spese ai servizi sociali e alla sanità e all’istruzione, etc. etc. Detto cio’, direi che Celentano non poteva davvero fare di piu’, tanto piu’ che si è preso carico anche degli oneri fiscali, etc. etc.

    Detto papale papale, sì, sono con Adriano: lui qualche soldo lo dà a chi ne ha bisogno, ha coinvolto Gino Strada di Emergency anche… Gli altri non lo so, anzi lo so: fanno dischi per raccolta fondi e poi questi soldi se li tengono in tasca loro, alla faccia dei bambini che fanno oh…

    beppe

  4. vanessa ha detto:

    A proposito di Celentano,
    guardati questo video:
    http://video.repubblica.it/cronaca/dalle-19-su-repubblica-sera/87249?video=&ref=HREC1-59

    Saluti & Baci
    Guarda il video e taci! haha

    Notte,
    Vany

    • Iannozzi Giuseppe ha detto:

      E’ più che altro una pubblicità, nascosta molto male, per convincere gli utenti per rivolgersi a Rep. Sera su iPad. Non mi risulta che Merlo abbia fatto della beneficenza, ma sa di certo come pompare per incentivare gli accessi a Rep. Sera: e questo proprio non mi va giù.

      ‘Notte

      orsetto king

I commenti sono chiusi.