Il Bello io sono, per gli altri non ce n’è. Signorine belle, prego, abusate pur di me!

Il Bello io sono, per gli altri non ce n’è

Signorine belle, prego, abusate pur di me! 


colonna sonora
Giuseppe Di Stefano “Passione”-“‘Na sera ‘e maggio”

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, musica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il Bello io sono, per gli altri non ce n’è. Signorine belle, prego, abusate pur di me!

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    non sono più una signorina bella sto giro mi è andata bene ahahahahahahaha
    notte beppaccio :)))
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Per fortuna, altrimenti chissà cosa non mi avresti detto e fatto… maledetto e malmenato da una giovin strega. AH AH AH

    bacione e dolce notte

    beppaccio

    "Mi piace"

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    ti è andata male mi ti son filato solo io ahahahahahahaha
    Buona domenica Beppaccio però io cambierei lo sfondo delle foto…ahaha
    Bacioone
    cinzia

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non posso negarlo, Mamma Orsa. ♥ ♥ ♥

    Quel che credevo fedeli mie groupie
    han fatto presto a tradirmi
    con chissà chi, e in qual letto non so.
    Dovrei sentirmi tradito, incazzato nero
    e in effetti così mi sento, sul serio
    pugnalato e tradito, nell’intimo ferito:
    così tanto burlesco lo spirito femmineo.
    Dèh, oddio, lo sapevo, mamma mia
    per giusto tempo m’avvertì;
    però proprio non immaginavo io
    che alla burla s’accompagnasse
    del silenzio lo scherno. Così adesso
    mio malgrado son costretto a scagliar
    l’ira su ogni femmina che’l mio sguardo
    dovesse per sbaglio incontrar.

    Bacione, Mamma orsa

    beppe beppaccio

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.